`Quando si tratta del consumo di olio d'oliva, la Turchia è in ritardo rispetto ad altri grandi produttori - Olive Oil Times

Quando arriva al consumo di olio d'oliva, la Turchia resta indietro rispetto ad altri grandi produttori

Settembre 4, 2012
Vikas Vij

Notizie recenti

La Turchia è il quarto produttore mondiale di olio d'oliva, con una quota media della produzione globale compresa tra il 7 e il 10 percento. La regione dell'Egeo ospita circa il 76% degli 85 milioni di ulivi del paese. Tuttavia, quando si tratta di consumo pro capite di olio d'oliva, la Turchia è molto indietro rispetto agli altri principali paesi produttori di olio d'oliva.

Spagna, Italia e Grecia consumano rispettivamente circa 10 chilogrammi, 12 chilogrammi e 25 chilogrammi di olio d'oliva pro capite all'anno. In netto contrasto, la Turchia consuma appena un chilogrammo indicando la necessità di creare un'efficace campagna di marketing e sensibilizzazione in Turchia per promuovere l'olio d'oliva.

I consumatori turchi stanno lentamente passando all'olio d'oliva a causa di una maggiore consapevolezza del suo benefici alla salute ma, secondo Metin Olken, presidente del Comitato per la promozione dell'olio d'oliva in Turchia, il paese ha una lunga strada da percorrere in termini di miglioramento dei consumi e sono necessari seri sforzi di marketing per stimolare la domanda di olio d'oliva.

Olken sottolinea che l'ampia prevalenza di senza marchio olio d'oliva nel mercato turco rende difficile fare una corretta valutazione del consumo di olio d'oliva del paese. Le regioni costiere della Turchia sono state tradizionalmente migliori consumatori di olio d'oliva, ma ora i livelli di consumo stanno gradualmente aumentando anche nelle regioni interne come l'Anatolia.



Related News

Feedback / suggerimenti