La pressione in Grecia aumenta per risolvere la controversia sull'appellativo di Kalamata

I produttori chiedono al governo di abrogare una legge che consente l'utilizzo del termine "Kalamata" al di fuori della Messenia. Una nuova designazione DOP potrebbe essere la soluzione.
Marzo 3, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Olive da tavola della cultivar Kalamon continuano a dividere il settore in Grecia, con i produttori della regione Messenia e le loro controparti altrove nel paese impegnati in un dibattito sull'uso della 'Marchio delle olive di Kalamata.

Fino al 2018, le olive Kalamon prodotte in Messenia erano commercializzate con il nome 'Olive DOP Kalamata / Elia Kalamatas, 'mentre le olive della stessa cultivar coltivate in altre zone del paese erano commercializzate solo come 'Olive di Kalamon.

La legge controversa consente a chiunque all'interno o all'esterno del paese di commercializzare le olive Kalamon con il marchio Kalamata olive.- Yiannis Pazios, Associazione Produttori DOP della Messenia

Una legge introdotta quell'anno ha aggiunto la cultivar di olive Kalamata al elenco nazionale delle varietà vegetali della Grecia e lo ha identificato come sinonimo della cultivar Kalamon.

Ciò ha consentito ai produttori greci al di fuori della Messenia di commercializzare le loro olive con il 'Marchio di Kalamata '- senza il Denominazione d'origine protetta tag - e ha migliorato la loro capacità di vendere queste olive all'estero grazie all'appello della DOP presso i consumatori.

Vedi anche: L'Europa cerca un contributo pubblico nello sforzo di un quadro per le indicazioni geografiche

Da allora, i produttori di olive in Messenia lo sono stati protestando contro la nuova legislazione, sostenendo che provoca grandi sconvolgimenti nel settore consentendo ad altri paesi di utilizzare il nome Kalamata.

"La situazione ha creato molti problemi in tutto il Paese, non solo in Messenia, che è la regione a Denominazione di Origine Protetta, ma anche per l'intera cultivar Kalamon ”, ha affermato Yiannis Pazios di Symepop, l'associazione dei produttori DOP della Messenia. "La legge controversa consente a chiunque all'interno o all'esterno del paese di commercializzare le olive Kalamon con il marchio Kalamata olive ".

"La decisione ministeriale deve essere abrogata perché l'articolo 13.2 del regolamento 1151, che disciplina i prodotti DOP, vieta che un termine registrato come DOP possa essere utilizzato come sinonimo di varietà ”, ha aggiunto.

I produttori messeni hanno anche presentato ricorso alla Corte suprema greca per ribaltare la normativa del 2018.

Esperti del settore e funzionari locali in altre aree di produzione di olive da tavola hanno chiesto che la legislazione rimanga, affermando che avvantaggia ampiamente i produttori greci.

"[Abrogare la legge] sarebbe un autogol monumentale", ha detto l'agricoltore Popi Aggeli. "Priverà i mercati di migliaia di tonnellate di olive greche di qualità ogni anno. Cercare di sostenere i mercati esteri con le circa 400 tonnellate di olive [Kalamata] esclusivamente di origine messena sembra un brutto scherzo ".

Kostas Lyros, sindaco di Messolonghi, città della regione Etolia-Acarnania che è il più grande produttore di olive Kalamon in Grecia, ha chiesto al ministro dell'agricoltura di creare una certificazione DOP Kalamon.

"Una richiesta permanente dei produttori di olive Kalamon da Etolia-Acarnania, Fthiotida e altrove eccetto Messenia è di espandere l'uso del nome DOP Kalamon e coprire la produzione [di olive] in tutto il paese ", ha scritto Lyros in una lettera al ministero. "Le olive Kalamon dovrebbero diventare un prodotto nazionale DOP ".

Districare la confusione non è un compito facile; da quando la cultivar Kalamata delle olive da tavola è stata aggiunta all'elenco nazionale delle piante, è stata inclusa nei registri delle piante di tutto il mondo.

"I cataloghi internazionali e gli elenchi di cultivar sono stati ora aggiornati con il nuovo nome ", ha detto l'agricoltore Giorgos Korinnis Olive Oil Times. "La semplice revoca della legislazione del 2018 non riporterebbe le cose allo stato precedente ".

Spilios Livanos, il neo-ministro dell'agricoltura, ha dichiarato in un recente telemeeting con l'associazione interprofessionale greca delle olive da tavola (Doepel) che sta valutando modifiche all'attuale regolamento. Il suo obiettivo è quello di rafforzare la posizione finanziaria dei produttori greci e separare i nomi Kalamon e Kalamata DOP.

Durante il telemeeting, un nuovo marchio - 'Varietà Kalamata '- è stata proposta per le olive Kalamon prodotte al di fuori della Messenia, ha riportato il portale di notizie agricole di Agrotypos, un suggerimento che Doepel ha rifiutato.

Tra le altre varietà, la Grecia produce più di 60,000 tonnellate di olive Kalamon ogni anno, con la maggior parte della produzione esportata nei mercati di tutto il mondo.

Dopo diversi rinvii, il ricorso dei produttori messeni contro la legge del 2018 dovrebbe essere esaminato dalla Corte Suprema ad aprile.





Related News

Feedback / suggerimenti