` L'Europa cerca un contributo pubblico nell'impegno per un quadro per le indicazioni geografiche - Olive Oil Times

L'Europa cerca un contributo pubblico nello sforzo di un quadro per le indicazioni geografiche

Febbraio 1, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un nuovo quadro proteggerà presto le specialità tradizionali ei migliori prodotti agricoli locali dell'Unione europea.

L'ultima Commissione Europea consultazione pubblica ha chiesto aiuto ad imprese, istituzioni e cittadini per ridefinire il campo di applicazione e il ruolo delle indicazioni geografiche (IG), compresi i prodotti a Indicazione geografica protetta (IGP) e Denominazione d'origine protetta (DOP).

Gli effetti della consultazione avranno i maggiori impatti su produttori e agricoltori, compresi gli olivicoltori.

Vedi anche: Crescono Consumi, Esportazioni di DOP e IGP italiane

"La Commissione ha intrapreso il Strategia Farm to Fork rafforzare il quadro legislativo dei regimi di IG, migliorare il contributo dei regimi alla produzione sostenibile e rafforzare la posizione degli agricoltori e dei gruppi di produttori di IG nella catena di approvvigionamento alimentare ", ha scritto la Commissione.

Sebbene non sempre siano collegate ai prodotti IG, le dinamiche della catena alimentare lo sono state spesso citata da olivicoltori e associazioni agricole nel blocco come uno dei motivi per i prezzi bassi all'origine.

Secondo la Commissione, il regime dovrebbe fornire ai produttori di IG gli strumenti per farlo "affrontare meglio le pressioni nella catena del valore alimentare ”e consentirle "far valere pienamente i propri diritti sul mercato e consentire loro di gestire meglio le proprie risorse IG. Ciò potrebbe mantenere e aumentare un equo ritorno ai produttori dal mercato e la loro sostenibilità economica ".

Secondo un recente studio della Commissione Europea, le vendite annuali di prodotti DOP e IGP lo sono valutato quasi 75 miliardi di euro.

L'obiettivo della consultazione è anche quello di attirare nuovi produttori nel programma. L'obiettivo, secondo la Commissione, "è rafforzare le indicazioni geografiche aumentando l'adozione in tutta l'UE garantendo al contempo una protezione efficace di questi diritti ... La revisione prenderà in considerazione anche la semplificazione e la riduzione degli oneri amministrativi ".

Vedi anche: Indicazioni geografiche protette nel nuovo accordo commerciale Cina-UE

A tal fine, la Commissione elenca diverse questioni che dovrebbero essere valutate dalle parti interessate partecipanti in un'indagine associata alla consultazione, come garantire che i produttori di IG aderiscano agli standard di produzione per prevenzione delle frodi e contraffazione di IG.

La Commissione mira inoltre a valutare quanto sia difficile per le parti interessate comprendere e seguire correttamente la legislazione associata. Allo stesso tempo, l'indagine chiede ai cittadini di esprimere la loro opinione sull'intero schema delle IG, chiedendo loro se "i nomi dei prodotti tradizionali sono un patrimonio comune che non dovrebbe essere di proprietà di produttori registrati né limitato a ricette legalmente vincolanti ".

La Commissione europea ha dichiarato che intende utilizzare le informazioni raccolte durante la consultazione, che durerà fino al 9 aprile, per aiutare a riformare il sistema.

I piani per la protezione a livello di UE delle indicazioni geografiche per i prodotti non agricoli sono stati annunciati lo scorso novembre e rapidamente seguiti con il lancio del nuovo database GIView a dicembre.





Related News

Feedback / suggerimenti