Olivicoltori spagnoli che sostituiscono alberi secolari con quelli giovani

L'olivicoltura intensiva in tutto il mondo ha portato gli olivicoltori spagnoli a tagliare alberi secolari per rimanere competitivi.
Aprile 29, 2021
Clarissa Joshua

Notizie recenti

Nel tentativo di tagliare i costi e passare a agricoltura ad alta densità, Gli olivicoltori spagnoli stanno tagliando e vendendo alberi più vecchi come ornamenti da giardino o legna da ardere.

La mossa arriva come risultato di maggiore concorrenza dall'esterno del Mediterraneo, dove le tecniche moderne e alberi più giovani e più produttivi minacciano lo status quo.

Gli olivicoltori sono sempre più consapevoli che il nostro futuro risiede nella differenziazione dei nostri oli d'oliva e nel trasmettere ai consumatori gli impatti sociali e ambientali che sono in gioco dietro ogni litro di olio d'oliva.- Cristóbal Cano, segretario generale, Unione dei piccoli agricoltori e allevatori

"È un peccato per questi ulivi secolari, ma devo tagliarli per passare all'agricoltura intensiva ", ha detto Juan Antonio Galindo, proprietario di una fattoria vicino a Siviglia. "Queste olive mi sono costate 68 € al chilogrammo e, in intensivo, arriva a 15 €. La differenza è enorme. "

Si stima che il 70% delle piccole aziende olivicole spagnole non possa coprire i propri costi.

Vedi anche: Nel tentativo di aumentare le esportazioni, l'Algeria pianta milioni di ulivi

Secondo Rafael Pico Lapuente, il direttore esecutivo dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva), più di due terzi dei produttori di olio d'oliva spagnoli sono operazioni su piccola scala su cui spesso fanno affidamento metodi di coltivazione tradizionali.

Crede che ci sarà una ristrutturazione di questi uliveti per stare al passo con mercati come l'Australia e gli Stati Uniti, dove è in aumento l'olivicoltura intensiva. Tuttavia, resta da vedere quando e come ciò avvenga su scala più ampia in Spagna.

"Non è la maggioranza che sta sradicando ulivi secolari per coltivare intensamente ", ha affermato Cristóbal Cano, il segretario generale della Spagna Unione di piccoli agricoltori e allevatori, aggiungendo che molti stanno abbracciando questi alberi secolari e la storia dietro di loro.

"Credo che gli olivicoltori siano sempre più consapevoli che il nostro futuro risiede nella differenziazione dei nostri oli d'oliva e nel trasmettere ai consumatori gli impatti sociali e ambientali che sono in gioco dietro ogni litro di olio d'oliva ", ha aggiunto.

È una storia simile in Italia, dove gli ulivi più vecchi sono prevalenti e gli olivicoltori su piccola scala sono la norma, con il 97% delle aziende olivicole di proprietà di un individuo. Il futuro per i piccoli olivicoltori di tutto il mondo risiederà nella loro qualità e nell'apprezzamento dei metodi di coltivazione tradizionali da parte dei consumatori.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti