` Nel tentativo di aumentare le esportazioni, l'Algeria pianta milioni di ulivi - Olive Oil Times

Nel tentativo di aumentare le esportazioni, l'Algeria pianta milioni di ulivi

Aprile 14, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

In Algeria è in corso una nuova iniziativa per piantare 400,000 ettari di ulivi in ​​tutto il paese entro il 2024.

Belaâsla M'hamed, presidente del Consiglio nazionale interprofessionale per il settore oleicolo algerino, ha affermato che il programma raddoppierà quasi il numero totale di uliveti attualmente coltivati ​​nel paese, stimati in 500,000 ettari.

È chiaro che il cambiamento climatico e tutti i relativi effetti hanno influenzato negativamente la produzione agricola su scala planetaria, da qui la necessità per noi di organizzarci di più- Belaâsla M'hamed, Consiglio interprofessionale per il settore oleicolo

L'annuncio arriva sulla scia di un'iniziativa separata del governo algerino per stimolare esportazioni di olio d'oliva abbassando gli ostacoli burocratici e fornendo maggiori risorse a produttori ed esportatori. Il governo vede l'olio d'oliva come uno dei settori del paese con il più alto potenziale di sviluppo.

Secondo un'immissione errata dei dati dall'Osservatorio della complessità economica (OEC), l'Algeria ha esportato $ 178,000 (€ 150,000) di olio d'oliva vergine ed extra vergine nel 2019 (l'ultimo anno per il quale sono disponibili i dati), con un aumento di oltre il 1,000 percento dal 2000.

Vedi anche: La Tunisia collabora con i produttori per aggiungere valore alle esportazioni di marca

L'Algeria esporta anche oli d'oliva non vergini miscelati con altri oli vegetali e olio d'oliva lampante, ma in quantità molto inferiori.

Il paese nordafricano è il nono produttore mondiale di olio d'oliva, ma circa il 99% della sua produzione annuale è destinata al consumo interno.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, 2020/21 è stato un anno di raccolto scadente, ma i produttori hanno comunque prodotto 89,500 tonnellate. Il totale rappresenta un calo significativo rispetto al record di 125,500 tonnellate del 2019/20 e scende appena al di sotto della media mobile quinquennale.

L'Algeria è anche il quarto maggior produttore di olive da tavola, raccogliendo 309,500 tonnellate nell'anno di raccolto in corso, il secondo totale più alto nella storia della nazione. Secondo l'OEC, le esportazioni di olive da tavola valgono $ 59,000 (€ 50,000) all'anno.

Tuttavia, M'hamed ha sostenuto che i file metodi di produzione tradizionali utilizzati dalla maggior parte degli olivicoltori del paese sono inefficienti e trattenere il settore dal raggiungere il suo pieno potenziale.

"Alcuni agricoltori esperti nella produzione di olive estraggono l'olio da soli, una situazione che non dovrebbe più essere riconosciuta per una maggiore efficienza del processo di produzione e che può influire sulla quantità e sulla qualità ", ha detto a un incontro del settore olivicolo nella città settentrionale di Ain Defla .

africa-medio-est-business-in-bid-to-boost-export-algeria-plant-million-of-olive-trees-olive-oil-times

Irrigazione tradizionale del bacino negli oliveti algerini. Foto: Nabil Kherbache.

Secondo un'analisi di Juan Vilar Strategic Consulting (che stima che ci sono solo 390,000 ettari di uliveti nel paese invece di 500,000), circa il 75% degli ulivi del paese viene coltivato tradizionalmente. Molti di questi alberi vengono utilizzati per l'agricoltura di sussistenza, che i coltivatori locali considerano più economica rispetto all'ingresso nel mercato delle esportazioni.

M'hamed sta sostenendo che il settore diventi più integrato e ha affermato che così facendo, gli olivicoltori sarebbero in grado di ridurre i costi di produzione, che sono visti come uno dei maggiori ostacoli per stimolare le esportazioni di olio d'oliva.

"Attualmente, l'olio d'oliva costa tra 700 dinari (€ 4.43) e 800 dinari (€ 5.07) al litro, una situazione che deve cambiare se vogliamo essere competitivi per quanto riguarda le esportazioni ", ha detto M'hamed.

Uno dei modi in cui M'hamed ritiene che il settore possa ridurre i costi di produzione è quello di modernizzare i suoi uliveti, convertendo i boschetti tradizionali ad alta densità e super-alta densità fattorie, che rappresentano rispettivamente solo il 19% e il -% di tutti gli uliveti del paese.

Ha sostenuto che ciò contribuirebbe a ridurre i costi associati alla raccolta delle olive e mitigare l'impatto del ciclo naturale alternato degli alberi.

Hadj Djaâlali, il direttore della locale camera di commercio, è d'accordo. Alla riunione, ha affermato che l'adozione di questi passaggi raddoppierebbe il valore delle esportazioni di olio d'oliva del paese, "garantendo afflussi aggiuntivi in ​​valuta estera per il paese ".

Il capitale aggiuntivo potrebbe quindi essere utilizzato per investire nel settore, preparandolo per il clima sempre più caldo e secco previsto come risultato di cambiamento climatico. Secondo i dati di Juan Vilar Strategic Consultants, circa il 18% degli uliveti algerini sono irrigati.

Questa percentuale dovrebbe aumentare drasticamente come dati della Banca Mondiale dimostrare che le precipitazioni nei momenti cruciali della stagione olivicola sono in costante diminuzione. La Banca Mondiale prevede inoltre che le precipitazioni medie da marzo a maggio diminuiranno del 16% nei prossimi 30 anni.

"È chiaro che il cambiamento climatico e tutti i relativi effetti hanno influenzato negativamente la produzione agricola su scala planetaria, da qui la necessità per noi di organizzarci di più ", ha detto M'hamed.





Related News

Feedback / suggerimenti