La Tunisia collabora con i produttori per aggiungere valore alle esportazioni di marca

Gli esportatori di olio d'oliva in Tunisia sperano di raddoppiare le esportazioni di olio d'oliva in bottiglia nei prossimi cinque anni. Il governo intende aiutare allentando gli ostacoli burocratici e promuovendo la qualità.
Riserva di Zeytin
Marzo 10, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il ministero tunisino dell'Agricoltura, delle risorse idriche e della pesca prevede un significativo impulso a esportazioni di olio d'oliva grazie alla digitalizzazione delle approvazioni burocratiche e delle nuove etichette di prodotto.

Secondo il ministro Mohamed Fadhel Kraiem, i produttori e il governo devono dare la priorità al confezionamento dell'olio d'oliva tunisino con etichette locali per aggiungere valore agli oli destinati all'esportazione identificando chiaramente la loro origine.

La visione del mercato a lungo termine prevede che la Tunisia svolga un ruolo sempre più importante nell'olio extravergine di oliva imbottigliato, a valore aggiunto e biologico sul mercato internazionale.- Lisa Paglietti, economista, FAO

L'iniziativa si aggiunge a molti altri sforzi incentrati negli ultimi anni sull'aiutare gli agricoltori locali di tutte le dimensioni a investire qualità dell'olio d'oliva.

Dal 2017, l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) si sono unite alle autorità tunisine che intendono produrre olio d'oliva tunisino di alta qualità riconoscibile sui mercati internazionali.

Vedi anche: Un pannello sensoriale cieco pionieristico in Tunisia

Lisa Paglietti, economista della FAO, ha recentemente sottolineato come l'iniziativa abbia dimostrato che anche i piccoli coltivatori possono diventare competitivi e dimostrare una forte resilienza agli shock economici, come quelli portati dal Pandemia di COVID-19.

"La visione del mercato a lungo termine prevede che la Tunisia svolga un ruolo sempre più importante nell'imbottigliamento, a valore aggiunto e olio extra vergine di oliva biologico sul mercato internazionale ", ha detto.

La Tunisia è uno dei due maggiori produttori di olio d'oliva al di fuori dell'Unione europea. L'altro è Turchia.

Nella stagione 2019/20, la resa di olio d'oliva della Tunisia ha raggiunto a 350,000 tonnellate da record, mentre le stime dell'Ufficio nazionale dell'olio d'oliva (ONH) per l'ultima stagione prevedono a scendere a 140,000 tonnellate. Il Consiglio oleicolo internazionale stima che il Vendemmia 2020 in Tunisia ha raggiunto le 120,000 tonnellate.

Nonostante il calo della produzione, la camera degli esportatori di olio d'oliva del paese ha affermato che i totali di olio d'oliva in bottiglia hanno raggiunto 27,000 tonnellate nel 2020. Entro il 2025, le aziende locali si aspettano che le esportazioni di olio d'oliva in bottiglia salire a 70,000 tonnellate per anno.

africa-medio-oriente-briefs-tunisia-lavora-con-produttori-per-aggiungere-valore-alle-esportazioni-di-marca-olio-d'oliva

Nova Vera

Kraiem ha anche raccomandato sia ai funzionari governativi che ai produttori locali di proseguire con la digitalizzazione delle operazioni di esportazione.

Il primo passo, ha affermato il ministro in un incontro con l'ONH, sarà la creazione di una piattaforma di comunicazione elettronica con il ministero per le aziende che necessitano di autorizzazioni all'esportazione.

La piattaforma fa parte di una più ampia spinta del governo tunisino noto come Smart Gov 2020, il piano nazionale per lo sviluppo di un'amministrazione elettronica più inclusiva e accessibile.

Durante l'incontro, Kraiem ha anche sottolineato l'importanza dei negoziati in corso con l'Unione Europea per aumentare il Esportazioni tunisine di olio d'oliva esenti da dazi al blocco delle 27 nazioni.

In base a questo accordo, il paese attualmente esporta 56,700 tonnellate, ma le autorità locali sperano che la quota venga portata a 100,000 tonnellate. Al momento non è stata presa una decisione definitiva in merito.





Related News

Feedback / suggerimenti