La produzione globale di olio d'oliva scende al minimo di quattro anni

Tunisia, Italia, Portogallo e Algeria hanno registrato i maggiori cali di produzione. I rendimenti inferiori in gran parte del mondo sono stati parzialmente compensati da un raccolto eccezionale in Spagna e da una buona annata in Marocco.
Andalusia. Spagna
Dicembre 18, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Globale produzione di olio d'oliva si prevede che raggiungerà le 3,179,000 tonnellate nell'anno di raccolto corrente, il totale più basso dal 2016/17, secondo i dati preliminari del Consiglio oleicolo internazionale (CIO). L'anno scorso, il mondo ha prodotto 3,207,000 tonnellate.

I maggiore diminuzione della produzione ha avuto luogo in Tunisia, che prevede un calo della produzione del 66% quest'anno, con una resa che scende a 120,000 tonnellate.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Una combinazione di molti produttori che entrano in un periodo di riposo, la mancanza di precipitazioni nei momenti chiave dello sviluppo dell'olivo e le cattive pratiche agronomiche hanno contribuito al calo della produzione.

L'Italia ha vissuto a forte declino, con la produzione in calo del 30% quest'anno.

Maltempo in primavera, molti produttori nel sud del paese entrano in un periodo di chiusura e tassi in aumento di Xylella fastidiosa in Puglia ha portato al significativo calo della produzione.

Anche l'Algeria e il Portogallo sono stati tra i paesi con i maggiori cali di produzione con un calo del 29%. L'Algeria dovrebbe produrre 89,500 tonnellate e il Portogallo produrrà circa 100,000 tonnellate.

Anche con i cali sia in Italia che in Portogallo, e non solo modeste diminuzioni in Grecia, Cipro e Francia, la produzione di olio d'oliva nell'Unione europea è cresciuta del 16%. Gli otto paesi responsabili di quasi tutto l'olio d'oliva del blocco hanno prodotto tonnellate di 2,232,800, il sette percento in più rispetto alla media di cinque anni.

Vedi anche: Dashboard dei dati di settore

La maggior parte dell'aumento è stata il risultato di un raccolto eccezionale in Spagna, che secondo le stime del CIO produrrà 1,596,100 tonnellate, il quarto raccolto più grande mai registrato.

Tuttavia, i produttori del sud del paese impregnato di olio d'oliva hanno affermato che il forte raccolto è arrivato nonostante un anno di siccità e le sfide portate dal Pandemia di covid-19.

In Croazia e Slovenia sono stati registrati incrementi di produzione molto ridotti.

Fuori dall'Unione Europea, l'unico altro notevole aumento della produzione era in Marocco. Si prevede che il paese nordafricano produrrà 160,000 tonnellate di olio d'oliva quest'anno e ha attribuito la sua seconda resa più alta mai registrata ai recenti investimenti nella piantagione di nuovi uliveti.

Altre diminuzioni notevoli sono state registrate in Palestina, che ha visto un calo della produzione di quasi il 70%. Il raccolto di olio d'oliva palestinese è sceso da un record di 39,500 tonnellate nel 2019/20 a 12,000 tonnellate quest'anno, il totale più basso in più di un decennio.

Anche la vicina Giordania ha sperimentato un calo della produzione, con la propria resa che è scesa a 25,000 tonnellate dopo aver raggiunto il record di 34,500 tonnellate l'anno prima.

Anche Israele ha visto la sua produzione calare, con la resa di quest'anno che è diminuita del 42% per raggiungere le 11,000 tonnellate, il livello più basso in un decennio.

La Turchia ha sperimentato un lieve calo di produzione Inoltre, con il rendimento che è sceso del sette percento, molti produttori sono entrati in un anno fuori stagione e il maltempo ha colpito l'ovest ricco di olio d'oliva del paese.

Nonostante il calo di quest'anno, la produzione globale di olio d'oliva continua a crescere.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti