`Il giusto `` dosaggio '' di olio d'oliva per chi è ad alto rischio di malattie cardiovascolari - Olive Oil Times

Il giusto dosaggio di olio d'oliva per chi è ad alto rischio di malattie cardiovascolari

Può. 19, 2014
Nadine Cresswell-Myatt

Notizie recenti

La Dietitians Association of Australia (DAA) ha ospitato il 2nd Conferenza mondiale del Forum per la ricerca nutrizionale il 14 maggio presso il centro congressi ed esposizioni di Brisbane.

Tra i relatori della conferenza c'era la dietista spagnola Dr. Marta Guasch-Ferre che ha fornito nuove informazioni sulla quantità e sui benefici di consumo di olio d'oliva per le persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari.

Dott.ssa Marta Guasch-Ferre

Ha detto che 50 grammi, o 3.5 cucchiai, sono la dose migliore per una persona ad alto rischio malattia cardiovascolare con l'incidenza della malattia ridotta del 10 percento per ogni due cucchiaini, secondo lei studio, che è stato pubblicato il 13 maggio sulla rivista BMC Medicine.

Le persone in questa categoria ad alto rischio potrebbero essere quelle con diabete di tipo 2 o con problemi combinati come ipertensione, colesterolo alto, fumo, nonché coloro che sono in sovrappeso o obesi o hanno una storia familiare di malattie cardiovascolari premature. Tuttavia, tutti potrebbero beneficiare di una dose giornaliera salutare di olio d'oliva che può facilmente far parte di qualsiasi dieta.

Anche Guasch-Ferre ha rafforzato questa qualità olio extravergine d'oliva è molto più probabile che aiuti nella prevenzione di infarti e ictus rispetto agli oli di oliva raffinati.

"Diversi tipi di olio d'oliva sono associati a diversi livelli di riduzione del rischio ", ha affermato Guasch-Ferre. "Quando l'olio d'oliva viene trasformato e raffinato, perde alcune delle sue proprietà benefiche ".

L'olio di oliva vergine contiene più componenti bioattivi e antiossidanti come polifenoli, fitosteroli e vitamina E. Mentre il comune olio d'oliva, che è una miscela di olio raffinato con un po 'di olio vergine (per esaltarne il sapore) ha meno composti antiossidanti e antinfiammatori.

Il dottor Guasch-Ferre faceva parte di un gruppo che ha analizzato le statistiche di morte, dieta e malattie tra 7,216 persone con uomini di età compresa tra 55 e 80 anni e donne di età compresa tra 60 e 80 anni come parte del ben noto Dieta mediterranea studio noto come PREDIMED.

Ha seguito il gruppo per oltre 4.8 anni con questionari annuali ed esami medici. Lo studio ha dimostrato che l'adesione al modello dietetico mediterraneo arricchito con olio extra vergine di oliva e noci ha ridotto l'incidenza dei principali eventi cardiovascolari del 30 percento.

I risultati hanno sottolineato il consumo di olio d'oliva come uno dei componenti chiave della dieta mediterranea per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti