Salute

Extra Virgin Il consumo di olio d'oliva può proteggere dalla demenza

Test su topi di laboratorio lo hanno dimostrato extra virgin L'olio d'oliva ritarda l'insorgenza di compromissione cognitiva e demenza.

Dicembre 11, 2019
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Un nuovo studio condotto da ricercatori della Temple University ha dimostrato che il consumo di olio extra vergine di oliva nella prima età adulta può proteggere dalla demenza.

Il risultati della nuova ricerca pubblicato il 24 novembre 2019 sulla rivista Aging Cell rivela che il consumo di olio extra vergine di oliva ritarda l'insorgenza di deficit cognitivo e demenza rallentando un gruppo di malattie note come taupatie.

La consapevolezza che l'olio extra vergine di oliva può proteggere il cervello dalle diverse forme di demenza ci dà l'opportunità di conoscere meglio i meccanismi attraverso i quali agisce per sostenere la salute del cervello.- Dott. Domenico Praticò, direttore del Centro Alzheimer della Temple University

Questo tipo di declino mentale si verifica quando una proteina chiamata tau si accumula nel cervello e provoca un declino della funzione cognitiva nota come tauopatia o demenza frontotemporale.

Il gruppo di ricerca era composto da cinque scienziati della Lewis Katz School of Medicine della Temple University e del Dipartimento di Scienze medico-chirurgiche e biotecnologie dell'Università Sapienza di Roma.

Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva

Come parte dello studio "L'olio extra vergine di oliva migliora l'attività sinaptica, la plasticità a breve termine, la memoria e la neuropatologia in un modello di tauopatia ", i ricercatori hanno somministrato olio extra vergine di oliva a un gruppo di topi di laboratorio progettati per sviluppare la demenza e di un'età paragonabile a 30 o 40 anni nell'uomo.

pubblicità

Hanno scoperto che i topi a cui era stata somministrata la dieta con olio d'oliva avevano una percentuale 60 in meno di probabilità di sviluppare depositi di tau nel cervello rispetto a quelli a cui non veniva somministrato olio extra vergine di oliva. Gli stessi topi hanno anche mostrato migliori prestazioni in memoria e test di apprendimento.

L'olio extra vergine di oliva utilizzato per nutrire i topi di laboratorio proveniva dalla regione Puglia di Italia con un conteggio totale di polifenoli di 253 milligrammi per chilogrammo, mentre i livelli di α-tocoferolo e γ-tocoferolo (forme di vitamina E) sono stati misurati rispettivamente a 381 milligrammi per chilogrammo e 23 milligrammi per chilogrammo, mediante analisi chimica.

Lo studio sottolinea che c'è stato prove crescenti negli ultimi anni i benefici del consumo di olio extra vergine di oliva per la salute del cervello e la riduzione dei rischi di malattia di Alzheimer, deficit cognitivo e demenza.

Precedenti ricerche condotte da ricercatori della stessa scuola di medicina avevano concluso che il consumo di olio extra vergine di oliva previene la perdita di memoria e protegge dalla malattia di Alzheimer.

"L'olio extra vergine di oliva fa parte della dieta umana da molto tempo e ha molti benefici per la salute, per ragioni che non capiamo ancora del tutto ", ha affermato il dott. Domenico Praticò, direttore del Centro Alzheimer presso Lewis Katz della Temple University School of Medicine e uno dei ricercatori.

"La consapevolezza che l'olio extra vergine di oliva può proteggere il cervello dalle diverse forme di demenza ci dà l'opportunità di conoscere meglio i meccanismi attraverso i quali agisce per sostenere la salute del cervello ", ha aggiunto. "Siamo particolarmente interessati a sapere se l'olio extra vergine di oliva può invertire il danno tau e infine curare la tauopatia nei topi più anziani. "

I risultati di questo studio suggeriscono che grazie alle sue proprietà benefiche - compresi gli oli extra vergine di oliva alto contenuto di polifenoli, che agisce come antiossidante: il suo consumo nella prima età adulta può limitare il declino cognitivo e l'insorgenza di malattie legate all'età, compresa la demenza.





Related News