Il consumo di EVOO ad alto contenuto di polifenoli riduce la pressione sanguigna, risultati dello studio

I ricercatori hanno scoperto che consuma alto contenuto di polifenoli extra virgin l'olio d'oliva ha ridotto significativamente la pressione sanguigna sistolica periferica e centrale negli adulti sani.
Agosto 31, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

I ricercatori in Australia hanno dimostrato che il consumo di olio extravergine di oliva ad alto contenuto di polifenoli portato a "significativa riduzione ”in due diversi tipi di pressione sanguigna.

La pressione arteriosa sistolica periferica e centrale è diminuita nei partecipanti allo studio di 2.5 e 2.7 millimetri di mercurio (mmHG), rispettivamente. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che non sono state osservate differenze significative nella pressione sanguigna diastolica o nella rigidità arteriosa.

Il nostro studio fornisce nuove prove che giustificano e supportano ulteriormente la necessità di revisione del sistema nazionale di valutazione della salute in Australia, al fine di prendere in considerazione anche i comprovati benefici per la salute dei nutrienti bioattivi negli alimenti, come i polifenoli nell'olio d'oliva.- George Moschonis, professore associato, Università La Trobe

"Le implicazioni pratiche per la salute di il nostro studio sono focalizzati sul fatto che l'aggiunta di appena 60 millilitri (circa quattro cucchiai) di olio extravergine di oliva nella dieta quotidiana può portare ad una diminuzione della pressione sistolica che è di grande rilevanza clinica e di importanza per la salute pubblica, soprattutto per quanto riguarda il prevenzione di malattia cardiovascolare", Ha detto George Moschonis, coautore dello studio e professore associato presso la La Trobe University Olive Oil Times.

Moschonis ha aggiunto che i risultati di questo studio sono particolarmente significativi come a studio precedente pubblicato su Lancet ha dimostrato che una riduzione di 10 mmHg della pressione arteriosa sistolica ha portato a una riduzione del 20% delle malattie cardiovascolari, del 17% delle malattie coronariche, del 27% del rischio di ictus e del 28% dell'insufficienza cardiaca.

Vedi anche: Health News

Tuttavia, la maggior parte dei partecipanti a quello studio era già in sovrappeso e ha ottenuto la riduzione della pressione sanguigna sistolica tramite metodi farmacologici.

Moschonis ha affermato che ciò che è emerso nello studio più recente è stato il ruolo che l'olio extravergine di oliva potrebbe svolgere nell'abbassare la pressione sanguigna in individui sani.

"Contrariamente agli studi inclusi in questa meta-analisi [quella pubblicata su Lancet], il nostro studio di intervento è stato condotto con partecipanti sani, non includeva alcun farmaco e non richiedeva alcuna perdita di peso o altre importanti modifiche allo stile di vita ", ha detto.

"L'unico cambiamento che il nostro studio ha introdotto è stata l'aggiunta di 60 millilitri di olio extravergine di oliva crudo nella dieta dei partecipanti, indicando che un cambiamento piccolo e facilmente incorporato nella dieta può produrre riduzioni significative della pressione sanguigna anche in individui sani, evidenziando così il valore dell'olio extravergine di oliva nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari ”, ha aggiunto Moschonis.

Nello studio, 50 partecipanti sono stati divisi in due gruppi. In un gruppo, i partecipanti hanno consumato una dose giornaliera di 60 millilitri di un olio extravergine di oliva ad alto contenuto di polifenoli (con un contenuto fenolico di 360 milligrammi per chilogrammo) per tre settimane. Nell'altro gruppo, i partecipanti hanno consumato la stessa quantità di olio d'oliva raffinato, che è a basso contenuto di polifenoli (86 milligrammi per chilogrammo).

Dopo le tre settimane, i partecipanti hanno trascorso due settimane a pulire i loro sistemi, senza mangiare olive o oli d'oliva, prima di passare a consumare l'altro tipo di olio d'oliva.

Le letture della pressione sanguigna su ciascuno dei partecipanti sono state effettuate dopo ciascuno dei periodi di tre settimane. Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che i partecipanti hanno sperimentato solo la diminuzione della pressione sanguigna sistolica periferica e centrale dopo aver consumato olio extravergine di oliva ad alto contenuto di polifenoli.

Nessuno dei due tipi di pressione sanguigna è diminuito significativamente in nessuno dei gruppi di partecipanti dopo aver consumato l'olio d'oliva raffinato a basso contenuto di polifenoli.

In futuro, Moschonis ha affermato di sperare di replicare lo studio utilizzando individui a più alto rischio di malattie cardiovascolari.

"La diminuzione dei livelli di pressione sanguigna potrebbe essere più elevata se la popolazione target fosse costituita da pazienti o individui con un alto rischio di malattie cardiovascolari, ma questo sarà l'obiettivo della ricerca futura ", ha affermato.

Moschonis ha aggiunto che i risultati di questo studio hanno un'importanza specifica in Australia, dove si trova l'Health Star Rating System del paese gradi olio d'oliva da tre a 3.5 stelle su cinque, a seconda della sua qualità.

In confronto, entrambi canola e l'olio di girasole hanno valutazioni più elevate, che i sostenitori del sistema attribuiscono al loro contenuto di grassi saturi inferiore.

"Il nostro studio fornisce nuove prove che giustificano e supportano ulteriormente la necessità di revisione del sistema nazionale di valutazione della salute in Australia, al fine di prendere in considerazione anche il comprovato benefici alla salute di nutrienti bioattivi negli alimenti, come i polifenoli nell'olio d'oliva e in particolare nell'olio extravergine di oliva dove la concentrazione di polifenoli è più alta ", ha detto Moschonis.

"Sfortunatamente, nel suo formato attuale, il sistema nazionale di valutazione della salute a stelle si basa solo su una manciata di nutrienti negli alimenti, come il loro contenuto in grassi saturi, mentre altri nutrienti benefici vengono completamente ignorati ", ha aggiunto.


Related News

Feedback / suggerimenti