La dieta mediterranea cambia il microbioma intestinale, migliora la salute degli anziani

Un nuovo studio si aggiunge alla ricerca che dimostra che aderire a una dieta mediterranea è benefico per il microbioma intestinale, che a sua volta influenza fortemente il benessere generale e l'invecchiamento.

Marzo 4, 2020
Di Mary West

Notizie recenti

Mentre non puoi fermare la marcia incessante del tempo, puoi rallentare gli effetti dell'invecchiamento sulla salute, un nuovo studio pubblicato su British Medical Journal conferma.

Lo studio ha riscontrato l'adesione al Dieta mediterranea (MedDiet) negli anziani è stato associato a cambiamenti positivi nella comunità batterica dell'intestino chiamata microbioma. I cambiamenti erano collegati a indicatori di minore infiammazione, migliore cognizione e un minor rischio di malattie croniche come l'aterosclerosi, il cancro del colon-retto e diabete.

Nel complesso, i nostri risultati supportano la fattibilità di migliorare la dieta abituale per modulare il microbiota intestinale che a sua volta ha il potenziale per promuovere un invecchiamento più sano.- Ricercatori

Con l'avanzare dell'età, sperimentano livelli più elevati di infiammazione e un declino delle funzioni del corpo, che portano entrambi a fragilità e malattie.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la fragilità è correlata a una perdita di diversità nei ceppi batterici che compongono il microbioma. Nel recente studio, gli autori hanno esaminato come seguire il MedDiet per un anno influenza la composizione del microbioma e incide sui livelli dei principali indicatori sanitari.

Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva

La MedDiet è composta principalmente da frutta, verdura, legumi, cereali integrali, noci, olio d'oliva e pesce. È anche a basso contenuto di carne rossa, grassi saturi, dolci e latticini. Gli scienziati hanno collegato la dieta a molteplici benefici, tra cui maggiore longevità.

pubblicità

I partecipanti allo studio erano 935 anziani provenienti da Paesi Bassi, Francia, Italia, Regno Unito e Polonia. Di questi, 323 individui hanno seguito MedDiet per 12 mesi e i restanti 612 hanno seguito la loro dieta regolare.

Per confrontare gli effetti delle due diete, gli autori hanno testato gli ormoni correlati all'obesità e i marker di infiammazione. Hanno anche valutato il DNA microbico da campioni di feci e misurato i tipi e il numero di ceppi batterici nell'intestino.

L'analisi dei risultati ha mostrato diverse differenze di microbioma tra gli individui su MedDiet e il gruppo di controllo. La stretta aderenza al programma alimentare nutriente è stata associata a una ridotta perdita di diversità del microbioma. La dieta ha anche potenziato la popolazione di ceppi batterici che sono collegati a marcatori di miglioramento cognitivo, minore fragilità e livelli inferiori di infiammazione.

Inoltre, l'aumento del numero di batteri benefici ha occupato posizioni chiave nell'intestino: al contrario, i batteri associati alla fragilità sono stati banditi nella periferia intestinale. I benefici del microbioma erano legati all'aumento della produzione di acido grasso a catena corta, un effetto che ha una serie di vantaggi per la salute, inclusa una ridotta incidenza della malattia.

I cambiamenti positivi osservati nel microbioma sono stati collegati a un miglioramento della salute mentale e fisica. I partecipanti al MedDiet avevano una cognizione più acuta, insieme a infiammazione e fragilità ridotte; pertanto, sono stati confermati gli effetti sul benessere generale prodotti dal miglioramento della salute intestinale.

È interessante notare che i benefici si sono verificati indipendentemente dall'età, il che solleva la questione se gli individui di mezza età e più giovani possano sperimentare i vantaggi di seguire il piano alimentare, così come gli anziani.

Secondo il coautore Paul O'Toole dell'APC Microbiome Institute, la risposta è sì.

"Ho partecipato a uno studio precedente che mostra che i giovani possono ottenere una riduzione dei metaboliti dietetici legati alla malattia se aderiscono a un MedDiet in una certa misura ", ha detto Olive Oil Times.

"Collettivamente, i nostri risultati supportano la fattibilità di migliorare la dieta abituale per modulare il microbiota intestinale che a sua volta ha il potenziale per promuovere un invecchiamento più sano ", hanno concluso gli autori.





Related News