`Il composto trovato nelle olive protegge dai sintomi dei disturbi neuroinfiammatori, studi di studi - Olive Oil Times

Il composto trovato nelle olive protegge dai sintomi dei disturbi neuroinfiammatori, spettacoli di studio

Gennaio 11, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Ricercatori in Grecia e Spagna hanno dimostrato che un potente composto antiossidante e antinfiammatorio presente nelle olive può fornire effetti protettivi contro i disturbi neuroinfiammatori, come la sclerosi multipla.

Vedi anche: Health News

"Abbiamo studiato l'impatto di oleacein sulle principali caratteristiche clinico-patologiche di encefalomielite autoimmune sperimentale, un modello animale per la sclerosi multipla, tra cui paralisi, demielinizzazione, infiammazione del sistema nervoso centrale e stress ossidativo e rottura della barriera emato-encefalica ", ha scritto il team di ricercatori nel studio, che è stato pubblicato sulla rivista Antioxidants.

Gli agenti che causano l'encefalomielite autoimmune sperimentale sono stati iniettati nei topi, che sono stati poi valutati per i sintomi della malattia e classificati su una scala da zero a cinque. Contemporaneamente, ad alcuni dei topi sono state iniettate anche due dosi di oleacein, che era stata isolata dall'olio extravergine di oliva Koroneiki.

"L'olio selezionato conteneva la più alta quantità di oleaceina tra i [500] campioni studiati “, hanno scritto i ricercatori.

Oleacein, uno dei maggiori secoiridoidi composti fenolici presente nell'olio extravergine di oliva, è stato scelto per lo studio a seguito di precedenti ricerche che ne avevano dimostrato il potenziale ruolo nella prevenzione e trattamento delle malattie neurodegenerative.

"Il nostro gruppo e altri hanno mostrato effetti positivi di altri derivati ​​dell'olio d'oliva in un modello in vivo di sclerosi multipla, ma, a nostra conoscenza, questa è la prima volta in cui l'oleaceina viene studiata nel contesto della sclerosi multipla ", hanno scritto.

Nel corso di 24 giorni, i tre gruppi di topi sono stati monitorati e due ricercatori indipendenti hanno valutato i loro segni neurologici. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno distillato cinque osservazioni principali.

Il principale tra questi era che i topi trattati con oleacein sperimentavano uno sviluppo più ritardato di encefalomielite autoimmune sperimentale e soffrivano visibilmente di sintomi meno gravi.

"Mentre i topi con encefalomielite autoimmune sperimentale non trattata hanno mostrato una paralisi parziale degli arti posteriori con un punteggio clinico medio di 2.5 ± 0.3, nel gruppo di encefalomielite autoimmune sperimentale trattato con oleacein nove su 11 topi hanno mostrato l'incapacità di arricciare l'estremità distale della coda (punteggio 0.5) e solo due degli 11 topi hanno mostrato atonia della coda ", hanno scritto i ricercatori.

I risultati hanno anche dimostrato che l'oleaceina proteggeva i topi dai danni causati da encefalomielite autoimmune sperimentale al sistema nervoso centrale.

"L'esame delle sezioni colorate con ematossilina ed eosina del nervo ottico, del midollo spinale e del cervelletto ha mostrato la presenza di infiltrati cellulari in tutti i tessuti di topi sperimentali con encefalomielite autoimmune ", hanno scritto i ricercatori.

"Al contrario, le cellule infiltranti nei tessuti del sistema nervoso centrale da topi con encefalomielite autoimmune sperimentale trattati con oleaceina erano notevolmente ridotte, essendo paragonabili a quelle osservate nei tessuti di topi sani di controllo non trattati ", hanno aggiunto.

Oltre a ridurre i danni al sistema nervoso centrale, i ricercatori hanno anche scoperto che i topi trattati con oleaceina avevano ridotto le interruzioni della barriera emato-encefalica, che è un segno distintivo patologico rilevante delle malattie neurodegenerative.

Vedi anche: L'olio d'oliva può aiutare a prevenire le malattie neurodegenerative

I topi infetti che hanno ricevuto il trattamento con oleaceina hanno anche prodotto meno marcatori infiammatori associati a encefalomielite autoimmune sperimentale nel loro tessuto del midollo spinale, con alcuni marcatori notevolmente ridotti mentre altri non erano sovraespressi.

I risultati dell'esperimento hanno anche dimostrato ai ricercatori che l'oleaceina ridotto lo stress ossidativo sperimentato nei topi infetti.

"Il gruppo sperimentale di encefalomielite autoimmune ha mostrato livelli significativamente aumentati sia di prodotti proteici di ossidazione avanzata che di malondialdeide [che causano entrambi danni al sistema nervoso centrale nella sclerosi multipla] nel siero e nel tessuto del midollo spinale rispetto al gruppo di controllo ", hanno scritto i ricercatori. "Nel frattempo, il trattamento con oleacein ha efficacemente prevenuto questi aumenti ".

Tenendo presenti tutti questi risultati, i ricercatori hanno affermato che i topi trattati con oleacein hanno registrato una tendenza al ribasso in termini di numero di cellule responsabili dell'infiammazione e della deformazione del tessuto nervoso nell'infiltrazione del sistema nervoso centrale.

"In sintesi, esiste una correlazione tra lo stato infiammatorio e ossidativo del sistema nervoso centrale e cambiamenti patologici sperimentali indotti da encefalomielite autoimmune nel sistema nervoso centrale ", hanno scritto i ricercatori.

"Sulla base di questo studio, suggeriamo che l'oleaceina possa fornire effetti protettivi nell'encefalomielite autoimmune sperimentale riducendo l'infiltrazione dei leucociti nel sistema nervoso centrale, prevenendo i mediatori infiammatori e inibendo l'innalzamento dello stato di stress ossidativo ", hanno aggiunto.

I risultati dello studio hanno dimostrato che i composti derivati ​​dall'olio extravergine di oliva meritano ulteriori studi quando si tratta di ricerca per il trattamento di malattie neurodegenerative, come la sclerosi multipla.

"Pertanto, e con le ovvie riserve, a causa del cambiamento di specie, i nostri dati presentano una promettente molecola bioattiva, derivata da una fonte naturale, l'olio extravergine di oliva, candidato per ulteriori ricerche nel trattamento della sclerosi multipla e possibilmente di altre malattie immunocompatibili. malattie ", hanno concluso i ricercatori.


Related News

Feedback / suggerimenti