` I ricercatori esplorano il ruolo dei fenoli di olio d'oliva nella prevenzione delle malattie neurodegenerative

Salute

I ricercatori esplorano il ruolo dei fenoli di olio d'oliva nella prevenzione delle malattie neurodegenerative

Giu. 15, 2015
Di Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Diversi studi hanno riferito che la dieta mediterranea rallenta il declino cognitivo e riduce il rischio di malattie neurodegenerative. Mentre la maggior parte della ricerca è stata condotta nei paesi del Mediterraneo, il consumo della dieta mediterranea da parte di altri gruppi di popolazione ha fornito risultati simili.

A studio su 2,000 newyorkesi chi ha consumato il dieta mediterranea riportato un minor rischio di malattia di Alzheimer; e un altro studio su 1,410 anziani francesi ha riscontrato un declino cognitivo più lento con una maggiore aderenza alla dieta mediterranea. L'anno scorso, a rivedere l'articolo chiamato la dieta mediterranea a "modello "dieta per la prevenzione della malattia di Alzheimer.

Mentre le elevate assunzioni di cereali, verdure, legumi, frutta e olio d'oliva che compongono la tipica dieta mediterranea sono riconosciute come benefiche, un recente studio ha scoperto che il consumo a lungo termine di una dieta mediterranea integrata con olio extra vergine di oliva o noci ha avuto un impatto positivo sulla funzione cognitiva in una popolazione spagnola anziana. I composti fenolici presenti nell'olio extra vergine di oliva e nelle noci possono essere i componenti responsabili di questo effetto positivo sulla cognizione, secondo i ricercatori dello studio.
Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
In un articolo pubblicato a marzo, il numero 2015 della rivista molecole, i ricercatori hanno esaminato specificamente la letteratura per spiegare come fenoli presenti nell'olio extra vergine di oliva prevenire le malattie neurodegenerative.

Secondo la carta, l'olio d'oliva contiene circa 230 composti chimici di cui i caroteni e i composti fenolici sono i principali antiossidanti. Tra i fenoli, l'idrossitirosolo è il composto fenolico chiave presente principalmente nelle olive e nei prodotti olivicoli che sono, a loro volta, la principale fonte di idrossitirosolo nella dieta mediterranea.

Prove scientifiche suggeriscono che, come potente antiossidante, l'idrossitirosolo non è solo efficace nella rimozione delle specie reattive dell'ossigeno prodotte durante lo stress ossidativo, ma può anche migliorare la difesa di un organismo contro lo stress ossidativo.

pubblicità

Lo stress ossidativo, che produce più specie reattive dell'ossigeno di quanto il corpo possa disintossicare, può causare danni al DNA e alle proteine ​​del corpo e può essere l'origine di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer e il Parkinson, nonché il cancro, l'aterosclerosi e il diabete.

Ricerche approfondite hanno identificato l'idrossitirosolo dall'olio d'oliva per possedere capacità antiossidanti, antimicrobiche e antidiabetiche. Inoltre, l'idrossitirosolo può fornire protezione contro le malattie cardiache e svolgere un ruolo nella prevenzione o rallentando la crescita dei tumori.

La ricerca condotta in vitro ed ex vivo per determinare il ruolo dell'idrossitirosolo come agente neuroprotettivo mostra che l'idrossitirosolo dall'olio d'oliva protegge le cellule dallo stress ossidativo, migliora la resistenza allo stress ossidativo, riduce l'incidenza della morte delle cellule cerebrali e riduce la neurotossicità e il danno al DNA.

Inoltre, in alcuni studi in vitro, l'idrossitirosolo è stato associato alle vie neuroprotettive del fattore 2 (Nrf2) relative al fattore nucleare E2 (Nrf2) e agli elementi reattivi antiossidanti (ARE). Il NrfXNUMX svolge un ruolo positivo nella regolazione degli elementi di risposta antiossidanti, che a loro volta regolano l'espressione genica di numerosi enzimi disintossicanti di fase II.

Completando la dieta dei topi con olio extra vergine di oliva e idrossitirosolo ha migliorato la funzione cognitiva e ha invertito l'ossidazione, l'apprendimento e il danno alla memoria. In un altro studio, EVOO e idrossitirosolo hanno agito come antiossidanti cerebrali e hanno fornito protezione contro il danno ossidativo nei topi con malattia di Huntington.

Mentre studi in vitro e in vivo su modelli animali hanno collegato l'idrossitirosolo al miglioramento della salute e della cognizione, ci sono pochissimi studi sull'effetto dell'idrossitirosolo nell'uomo. Finora, solo tre studi clinici sul ruolo dell'idrossitirosolo nella prevenzione del carcinoma mammario; l'effetto degli integratori di idrossitirosolo sulla sclerosi multipla; e la sua influenza sugli enzimi di fase II è in corso.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo dell'idrossitirosolo EVOO nella prevenzione delle malattie neurodegenerative, ci sono ampie prove che suggeriscono che il consumo di una dieta mediterranea è benefico per la salute cognitiva.



Related News