`Una "dieta modello" per la prevenzione dell'Alzheimer - Olive Oil Times

Una 'dieta modello' per la prevenzione del morbo di Alzheimer

Può. 1, 2014
Sukhsatej Batra

Notizie recenti

In un recente articolo di recensione narrativa, i ricercatori italiani dell'Università di Bari Aldo Moro, Bari, suggeriscono che il Dieta mediterranea può essere la dieta modello da seguire per rallentare lo sviluppo della malattia di Alzheimer.

Il rischio di malattia di Alzheimer aumenta con l'età e chiaramente è necessario rallentare l'insorgenza della malattia di Alzheimer poiché l'aspettativa di vita continua a crescere. Nel 2013, negli Stati Uniti, 5 milioni del totale di 5.2 milioni di americani con malattia di Alzheimer avevano più di 65 anni. Si stima che questi numeri saliranno a 13.8 milioni entro il 2050, secondo l'Alzheimer's Association.

In assenza di trattamento per il morbo di Alzheimer, apportare cambiamenti nella dieta e nello stile di vita può essere un approccio efficace per ritardarne l'insorgenza. Tuttavia, questi cambiamenti devono essere fatti in tenera età dato che la fase asintomatica della malattia di Alzheimer può essere presente per più di venti anni prima che compaiano i sintomi di questa malattia debilitante.

Per consentire la diagnosi precoce del morbo di Alzheimer, in 2011 il National Institute of Aging e l'Alzheimer's Association hanno rivisto i criteri di diagnosi utilizzati da 1984. Sebbene non standardizzati per la diagnosi clinica, i tre stadi proposti includono: morbo di Alzheimer preclinico; lieve deficit cognitivo dovuto alla malattia di Alzheimer; e demenza dovuta alla malattia di Alzheimer.

Sebbene i singoli nutrienti e alimenti che compongono la dieta mediterranea siano noti per proteggere dal declino cognitivo, una maggiore aderenza alla dieta mediterranea nel suo insieme sembra rallentare il declino cognitivo che alla fine porta alla malattia di Alzheimer. Pubblicato nel numero di aprile 2014 di Current Nutrition Reports, il rivedere l'articolo segnala che una maggiore aderenza alla dieta mediterranea può anche ridurre il rischio di fragilità, condizione fisica associata all'età e aumento del rischio di declino cognitivo.

Inoltre, l'articolo ha scoperto che l'adesione alla dieta mediterranea può essere utile in tutte le fasi del morbo di Alzheimer perché rallenta il declino cognitivo; ritarda la progressione da lieve deficit cognitivo a demenza dovuta alla malattia di Alzheimer; e riduce anche il rischio di morte per morbo di Alzheimer.

Dei due studi clinici randomizzati condotti sulla dieta mediterranea, lo studio PREDIMED-NAVARRA di follow-up di 6.5 anni ha riportato che l'integrazione della dieta mediterranea con olio extravergine di oliva o noci miste ha migliorato la cognizione, mentre il follow-up più breve di dieci giorni studio ha riportato risultati incoerenti. Un altro vantaggio di seguire la dieta mediterranea, secondo alcuni studi, è una riduzione della fragilità e un aumento dell'attività fisica negli anziani

Tra le altre diete, anche l'approccio dietetico per fermare l'ipertensione o la dieta DASH raccomandata per gli americani che soffrono di ipertensione si è dimostrato efficace nel rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. Come la dieta mediterranea, la dieta DASH raccomanda un consumo maggiore di verdura, frutta, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi, noci, pesce e pollame limitando al contempo l'assunzione di carne rossa, sale e cibi e bevande dolci. Un certo numero di studi basati sulla popolazione ha anche scoperto che il consumo di diete sane basate su modelli dietetici simili alle diete mediterranee e DASH, migliora le funzioni cognitive e riduce il rischio di malattia di Alzheimer.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche sotto forma di studi clinici randomizzati, la maggior parte degli studi esaminati in questo articolo suggerisce che l'adozione della dieta mediterranea come dieta modello nella prima metà della vita può essere utile per ritardare l'insorgenza della malattia di Alzheimer.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti