Salute

Il consumo di olio d'oliva potrebbe portare a un "cervello più giovane" negli anziani, sostengono i ricercatori

Un noto composto fenolico trovato nell'olio d'oliva ora mostra una capacità di invertire l'invecchiamento cerebrale.

Febbraio 24, 2020
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Con l'avanzare dell'età, più i loro cervelli potrebbero trarre beneficio dall'azione di un componente importante nell'olio d'oliva.

Nuovo ricerca ha rivelato gli effetti più profondi di idrossitirosolo (HTyr): non solo protegge le funzioni cerebrali dall'invecchiamento, ma può anche ripristinare la vitalità dei neuroni cerebrali e moltiplicarli.

L'attività antiossidante dell'idrossitirosolo attiva una sorta di trattamento detergente per le cellule nervose.- Felice Tirone, ricercatore

Gli scienziati italiani del National Research Center (CNR) hanno studiato come funziona l'idrossitirosolo in quelle parti del cervello che generano nuovi neuroni per tutta la vita. Hanno scoperto che l'HTyr ha un impatto sulle attività cerebrali ben oltre il suo noto effetti neuroprotettivi.

I ricercatori del CNR Biochemistry and Cellular Biology Lab (CNR-Ibbc) sono stati in grado di mostrare come la somministrazione del composto negli anziani può invertire l'invecchiamento neuronale, combinando la protezione dei neuroni attivi e la generazione di nuovi.

"Il consumo orale di idrossitirosolo da parte di animali giovani e anziani entro un mese mostra non solo come sono protetti i nuovi neuroni generati dal cervello in quel lasso di tempo, ma suggerisce anche come negli animali più anziani stimoli la moltiplicazione delle cellule staminali ", ha affermato Felice Tirone, capo scienziato e autore dello studio pubblicato su Faseb Journal. "È da quelle cellule che vengono generati nuovi neuroni. "

pubblicità

Tirone e i suoi colleghi hanno spiegato che HTyr attiva la neurogenesi nel Giro dentato di un adulto, in cui vengono generati nuovi neuroni, "aumentando la sopravvivenza di nuovi neuroni e diminuendo l'apoptosi ". L'effetto di moltiplicazione dei neuroni si trova solo nei cervelli anziani.

"Abbiamo anche scoperto come l'attività antiossidante dell'idrossitirosolo attiva una sorta di trattamento detergente per le cellule nervose, nel senso che lava via diversi sottoprodotti dell'invecchiamento cerebrale come la lipofuscina, che sono detriti trovati nelle cellule neuronali ", ha spiegato Tirone.

L'intera gamma di questi effetti suggerisce la possibilità di invertire alcuni degli effetti più noti dell'invecchiamento cerebrale.

L'olio d'oliva è al centro del dieta mediterranea e, come spesso riportato in queste pagine, il suo consumo regolare è stato scientificamente collegato miglioramenti della salute negli esseri umani di qualsiasi età ad ogni latitudine.

La nuova ricerca suggerisce una nuova serie di prodotti che potrebbero aiutare ad alleviare la riduzione di abilità cognitive nell'invecchiamento dell'uomo.

Gli scienziati del CNR hanno sottolineato in a comunicato stampa che l'idrossitirosolo si trova non solo negli oli d'oliva che le persone consumano abitualmente, ma anche nei sottoprodotti della produzione di olio d'oliva.

"Questo processo ha un impatto sull'ambiente, ma i rifiuti biologici che produce contengono grandi quantità di idrossitirosolo. Migliorando le procedure e i mezzi, dividendo i buoni composti dagli altri sottoprodotti, i frantoi potrebbero ottenere idrossitirosolo riducendo al contempo l'impatto ambientale delle loro attività ", ha affermato Tirone.

La dichiarazione del CNR spiegava che gli scienziati potevano verificare come i nuovi neuroni prodotti nel cervello degli individui anziani entrassero effettivamente nei circuiti neuronali e alimentassero la funzionalità neuronale.

"L'assunzione giornaliera del composto nel nostro studio è simile alla dose che un essere umano potrebbe ingerire con una dieta arricchita o integratori alimentari. Tuttavia, l'assunzione più efficiente di idrossitirosolo avverrebbe attraverso il consumo di olio d'oliva ", ha affermato Laura Micheli, uno dei ricercatori del CNR-Ibbc che ha firmato lo studio.

Gli scienziati hanno anche spiegato che la ricerca futura dovrà verificare gli effetti comportamentali dell'aumento della produzione di neuroni e l'estensione del trattamento con HTyr dell'invecchiamento neuronale.


Related News