Salute

L'olio d'oliva aiuta a invertire i danni alle diete ad alto contenuto di grassi

Ricercatori in Cile hanno scoperto che un composto di olio d'oliva riduce gli effetti avversi sul colesterolo e l'insulina causati da una dieta ricca di grassi.

Aprile 26, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

Mentre l' benefici cardiovascolari di olio extra vergine di oliva sono ben noti, i suoi meccanismi di azione sono in qualche modo ammantati di mistero. Un nuovo studio ha fornito l'illuminazione, in quanto ha dimostrato che un composto nell'olio potrebbe ridurre o invertire le conseguenze negative per la salute di una dieta ricca di grassi.

L'aggiunta di una dose relativamente bassa di idrossitirosolo è stata in grado di invertire lo stress ossidativo, i segni di malattia del fegato grasso e gli effetti negativi osservati negli altri organi.- Rodrigo Valenzuela, Università del Cile

A causa della mancanza di conoscenza delle proprietà con cui funziona l'olio d'oliva, i ricercatori dell'Università del Cile hanno iniziato a testare gli effetti di un componente comune che si sospetta sia responsabile dei suoi vantaggi per la salute - il composto chiamato idrossitirosolo. Hanno trovato che ha invertito i marcatori della malattia del fegato grasso non alcolica e della resistenza all'insulina nei topi con una dieta ricca di grassi.

"L'idrossitirosolo è a polifenoli trovato nell'olio extra vergine di oliva, che è noto per avere proprietà antiossidanti e può svolgere un ruolo chiave nei suoi benefici per la salute ", ha detto l'autore principale Rodrigo Valenzuela.

I ricercatori hanno voluto accertare l'azione dell'idrossitirosolo su alcuni enzimi nel fegato che sono importanti nella sintesi degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga. Alcuni di questi acidi sono necessari per la salute vascolare. Hanno scoperto che i topi con una dieta ricca di grassi avevano una minore attività di questi enzimi, che era associata a uno squilibrio nella composizione grassa del cuore, del fegato e del cervello.

Tuttavia, quando la dieta ricca di grassi dei topi è stata integrata con idrossitirosolo, l'attività enzimatica e la composizione grassa degli organi erano paragonabili a quelle dei topi alimentati con la dieta normale. In altre parole, il composto benefico trovato nell'olio extra vergine di oliva sembrava invertire i due effetti dannosi.

pubblicità

"Il nostro studio ha scoperto che i topi nutriti con una dieta ricca di grassi presentavano segni di malattia epatica non alcolica che riteniamo abbia portato alla notevole riduzione dell'attività enzimatica nel fegato e agli effetti negativi sulla composizione degli acidi grassi in questo e in altri organi ", Ha spiegato Valenzuela.

"Abbiamo anche scoperto che il fegato mostrava segni di aumento lo stress ossidativo, che conosciamo ha legami con la malattia del fegato grasso. È interessante notare che l'aggiunta di una dose relativamente bassa di idrossitirosolo alla dieta è stata in grado di invertire questi effetti, ridurre i segni della malattia del fegato grasso e ridurre gli effetti negativi osservati negli altri organi. "

Nella ricerca, gruppi di topi sono stati alimentati con una dieta grassa 60 o una dieta grassa 10. Ognuno di questi set di topi è stato suddiviso in un gruppo a cui è stata data la supplementazione di idrossitirosolo e in un gruppo che non lo era. Il periodo di intervento è stato di 12 settimane. Alla fine dello studio, sono stati raccolti campioni di sangue e tessuti per misurare l'attività degli enzimi e la composizione degli acidi grassi in più organi.

L'analisi degli esami del sangue ha mostrato aumenti del colesterolo totale e LDL, o colesterolo cattivo, ma nessun cambiamento nell'HDL, o colesterolo buono, nei topi alimentati con la dieta ricca di grassi. Gli effetti dannosi sul colesterolo sono stati notevolmente ridotti con l'integrazione di idrossitirosolo.

La dieta ricca di grassi ha anche sollevato marcatori di resistenza all'insulina, un'azione che è stata ridotta dall'idrossitirosolo. Tuttavia, il composto non ha ridotto i marcatori ai livelli riscontrati nei topi alimentati con una dieta regolare.

Questi risultati rafforzano la prova che l'idrossitirosolo può essere alla base di molti dei benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva, secondo i ricercatori. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Lipidi in salute e malattia.

In un'intervista con Olive Oil Times, il candidato naturopatico Rob Raponi ha spiegato che per ricevere il massimo beneficio dall'idrossitirosolo, è meglio evitare il surriscaldamento dell'olio.

"Se qualcuno vuole ottenere qualche beneficio da questa scoperta, è importante assicurarsi che l'olio di oliva venga consumato crudo (preferibilmente) o leggermente riscaldato. Se viene riscaldato oltre il punto di fumo, inizia a ossidarsi, un effetto che riduce la quantità di idrossitirosolo. Il mio messaggio da portare a casa sarebbe quindi di goderti il ​​tuo olio d'oliva, ma fai attenzione a non distruggere il suo delicato equilibrio. "



Related News