Affari

La raccolta delle olive in Argentina inizia tra i blocchi di COVID-19

Mentre il coronavirus si diffonde in Argentina, gli olivicoltori e i produttori di olio si trovano ad affrontare complicazioni sia durante che dopo il raccolto. È probabile che i piccoli produttori siano maggiormente colpiti.

Aprile 6, 2020
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Il 2020 stagione della raccolta delle olive si è avviato in Argentina, nonostante il più grande produttore di olio d'oliva dell'America Latina sia entrato nella terza settimana di un blocco a livello nazionale a causa del coronavirus.

Mentre a tutti i lavoratori non indispensabili è stato ordinato di rimanere nelle loro case, gli olivicoltori si sono preparati ad uscire nei boschi per raccogliere i primi frutti dell'anno.

I piccoli produttori avranno difficoltà a ottenere mietitrici.- Frankie Gobbee, direttore dell'Argentina Olive Group

A causa della natura decentralizzata degli oliveti argentini e della vastità del paese, la stagione del raccolto comporta sempre sfide logistiche. Tuttavia, questi sono stati aggravati dal Pandemia di COVID-19 quest'anno.

"Prima della quarantena, i produttori avevano già difficoltà a trovare lavoratori per la raccolta di olive che sarebbero poi state trasformate in olio ", ha detto Alejandro Ovando, direttore di IES Consultores, una società di consulenza nel settore agroalimentare Olive Oil Times. "A questo si aggiunge il decretato periodo di quarantena che renderà il processo ancora più difficile, anche se i produttori dovrebbero riuscire a superare il basso livello di produzione registrato nel 2019. "

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), l'Argentina ha prodotto 20,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2019. Ovando stima che la produzione nel 2020 sarà di circa 35,000 tonnellate, ma ha avvertito che questa cifra è destinata a cambiare con l'avanzare del raccolto.

pubblicità
Guarda anche: Copertura COVID-19

"Il processo non sarà senza difficoltà per i produttori ", ha affermato.

Tuttavia, non tutti i produttori saranno ugualmente colpiti dal coronavirus. Situata nella montuosa provincia nordoccidentale di La Rioja, che finora ha avuto quattro casi di coronavirus, la più grande azienda di produzione di olio d'oliva del Sud America ha già iniziato a raccogliere alta densità uliveti

"Stiamo già raccogliendo a pieno regime ", ha detto Frankie Gobbee, cofondatrice e direttrice dell'Argentina Olive Group (AOG) Olive Oil Times. "Con la raccolta meccanica, è più semplice [seguire le raccomandazioni di allontanamento sociale e sanitari del governo] rispetto alla raccolta manuale. Fortunatamente, facciamo molta raccolta meccanica. "

Pablo Radice per Olive Oil Times

Molti piccoli e produttori tradizionalid'altra parte, non sono disposti o incapaci di usare mietitrici meccaniche. Invece, dovranno ancora contrarre e organizzare i lavoratori per dirigersi nei boschi e raccogliere le loro olive.

Alcuni produttori situati nelle province più colpite dal coronavirus, come Mendoza, che ha avuto 113 casi e sette morti fino ad oggi, hanno ancora più probabilità di affrontare la carenza di manodopera.

"I piccoli produttori avranno difficoltà a ottenere mietitrici ", ha detto Gobbee.

Nonostante queste sfide, si aspetta ancora che l'Argentina avrà un anno più produttivo nel 2020 rispetto al 2019, anche se non è ottimista come Ovando.

"Penso che il raccolto sarà più nell'ordine di 30,000 tonnellate ", ha detto. "Sebbene la FOA (Federazione argentina delle olive) abbia stimato tra le 20,000 e le 25,000 tonnellate. ”

Pablo Radice per Olive Oil Times

Oltre a creare nuove sfide per i produttori, è probabile che COVID-19 influisca sulle vendite di olio d'oliva in Argentina e all'estero.

"I produttori potrebbero vedere un calo delle vendite sul mercato interno e un aumento delle vendite all'estero a seguito del cambiamento nelle tendenze dei consumi verso beni essenziali e di valore inferiore ", ha detto Ovando.

Consumo di olio d'oliva è sempre stato piuttosto basso in Argentina. Secondo il CIO, gli argentini hanno consumato 7,500 tonnellate di olio d'oliva nella campagna agricola 2018/19. La stragrande maggioranza della produzione del paese è destinata all'esportazione.

Tuttavia, un rallentamento economico globale ha portato a una riduzione significativa della spesa per consumi in Europa e Nord America, due dei maggiori mercati per Esportazioni di olio d'oliva argentino.

Ciò significa che i produttori potrebbero dover attendere che massicci pacchetti di stimoli orchestrati dai governi dell'emisfero nord entrino in azione e che i tassi di infezione diminuiscano, prima che le esportazioni tornino alla normalità.

"Per quanto riguarda le esportazioni, riteniamo che ci sarà un velocità di spedizione più lenta di campioni e merce ", ha detto Gobbee. "Ma si svilupperanno normalmente se le cose verranno mantenute come sono oggi ”.


Related News