Il pluripremiato produttore afferma che i croati devono tornare alle loro radici tradizionali

Dopo che i cambiamenti climatici hanno devastato il raccolto del 2021, uno dei principali produttori croati ritiene che il paradigma dell'olivicoltura nel paese debba cambiare.

Ivica Vlatkovic - Stara Maslina
30 novembre 2021 1:25 EST
di Nedjeljko Jusup
Ivica Vlatkovic - Stara Maslina

Notizie recenti

Produttori e funzionari si sono recentemente incontrati nella città di Spalato, nel sud della Croazia, per discutere degli impatti di cambiamento climatico e l'olivicoltura moderna.

Ivica Vlatković, il Presidente dell'Associazione degli olivicoltori della contea di Zara e an produttore pluripremiato, è stato uno dei principali relatori dell'evento.

Gli alberi che germogliano dai semi sviluppano una radice strutturale più grande... Quelli vegetativi non hanno quella radice strutturale principale. Ecco perché sono meno resistenti alla siccità e ai forti venti.- Borislav Bore Pedić, olivicoltore

Mentre quasi tutti i partecipanti, incluso il ministro dell'agricoltura croato Marija Vuckovic, hanno parlato principalmente di irrigazione, Vlatković ha evidenziato la necessità di rivitalizzare gli oliveti trascurati e incoraggiare la produzione di piantine su letti di semina (portinnesti da seme), anziché su portinnesti coltivati ​​​​vegetativamente propagati per talea.

Vedi anche: Mentre la raccolta inizia in Croazia, i funzionari forniscono consigli di sicurezza agli agricoltori

"Questi portainnesti di semi di olive selvatiche sono più durevoli e meglio in grado di resistere alla siccità durante lo sviluppo delle olive ", ha affermato. "Dopo alcuni anni di impianto su terreni scheletrici, possono resistere alla siccità, ma anche a raffiche di vento, che non li estirperanno o li sconvolgeranno facilmente.

Sfortunatamente, la maggior parte delle piante e delle piantine nell'olivicoltura croata viene prodotta tramite portainnesti cresciuti vegetativamente propagati per talea.

pubblicità

Secondo Vlatković, tali substrati sono "un gatto in una borsa", nel senso che sono imprevedibili. Principalmente a causa della formazione di un apparato radicale poco profondo, gli alberi futuri dipendono dall'acqua superficiale.

Inoltre, quando si sviluppa la chioma, è più probabile che questi alberi vengano danneggiati in luoghi in cui i venti forti sono comuni.

La tesi di Vlatković è confermata anche dal fortunato olivicoltore Borislav Bore Pedić, che ha più di 300 ulivi in ​​quattro sedi a Ravni Kotari, una grande regione agricola nel nord Dalmazia.

In una delle località di Pridraza, ha piantato circa 50 piantine innestate su alberi selvatici 20 anni fa.

"È successo per caso ed è andata bene", ha detto Bore Pedić. "Qui, ad esempio, un anno il vento ha sradicato nove degli 11 cipressi nello stesso luogo, e nessuno di questi è stato innestato da alberi selvatici”.

business-europe-produzione-premiato-produttore-dice-i-croati-hanno-bisogno-di-tornare-alle-loro-radici-tradizionali-tempi-dell'olio-d'oliva

Gli ulivi sono stati spazzati via durante le tempeste di vento in Croazia all'inizio di quest'anno.

"Gli alberi che germogliano dai semi sviluppano una radice strutturale più grande, che va più in profondità nel terreno", ha aggiunto. "Quelli vegetativi, prodotti da talee, non hanno quella radice strutturale principale. Per questo sono meno resistenti alla siccità e, soprattutto, ai forti venti”.

Il problema delle radici superficiali è particolarmente pronunciato quando le olive vengono piantate senza la supervisione di esperti e in terreni scheletrici meno profondi. Gli alberi si sviluppano meno, sono soggetti a fertilità irregolare e sono più suscettibili alla siccità.

Sono anche soggetti a malattie perché non sviluppano simbiosi con la micorriza arbuscolare nelle radici, che li aiuta ad assorbire i nutrienti e a liberarsi degli atomi di carbonio in eccesso che le olive prendono dall'atmosfera per la fotosintesi e la produzione di carboidrati.

"Questi substrati sono più veloci e facili da coltivare e produrre", ha affermato Vlatković. "Sono più economici ed è per questo che ci hanno inondato. In siccità e gelate primaverili come quest'anno, non hanno alcuna possibilità, e questo si vede meglio ora.

Un'alternativa all'innesto di alberi con portainnesti cresciuti vegetativamente e propagati per talea potrebbe essere la riabilitazione degli uliveti più vecchi della Croazia.

"Da un lato, stiamo disboscando foreste e macinando terreni rocciosi per formare piantagioni permanenti dipendenti dall'acqua", ha affermato Vlatković. "D'altra parte, non stiamo rivitalizzando olive già coltivate da tempo, piantate su terreno fertile dai nostri nonni".

pubblicità

Ha aggiunto di aver rivitalizzato tutti i suoi uliveti, compresi molti alberi che hanno 100 anni e vantano radici spesse per proteggere gli alberi dal vento e assorbire molti nutrienti dal terreno.

Vlatković ha riconosciuto che deve il suo successo alle generazioni di agricoltori di Cittanova che hanno piantato gli ulivi molto prima di lui. Ha anche utilizzato gli alberi per innestare nuove varietà, come Pisholen marocca, Ascolane, Nocelare e Chamlala.

business-europe-produzione-premiato-produttore-dice-i-croati-hanno-bisogno-di-tornare-alle-loro-radici-tradizionali-tempi-dell'olio-d'oliva

Ivica Vlatkovic

Vlatković ha affermato che tutti questi alberi gli forniscono una resa regolare e contribuiscono alla qualità dell'olio d'oliva.

Tra i 500 alberi, uno è cresciuto spontaneamente e naturalmente da una piantina. Chiama l'albero un'oliva miracolosa. Matura prima ed è pronta per la raccolta il 1 ottobre.

Ogni anno, l'albero produce frutti colorati delle dimensioni di olive Oblica un mese prima che quella varietà sia pronta per la raccolta.

Vlatković ha affermato che i substrati dei vecchi alberi di Oblica sono buoni quanto i substrati degli ulivi selvatici. Come ogni buon substrato, richiederà meno irrigazione, è probabile che sia più fertile e resistente agli stress ambientali.

Tuttavia, ci sono una serie di ostacoli che devono affrontare il diffuso rilancio dei vecchi uliveti della regione adriatica. Vlatković ha affermato che tutti e sette i paesi della regione dovrebbero confrontare i programmi di incentivi agricoli con un catasto locale o una mappa delle proprietà.

In Croazia, il catasto mostra le dimensioni del lotto di proprietà, quali terreni sono dedicati all'agricoltura e quali colture sono piantate lì.

Confrontando i programmi di incentivazione agricola e quello catastale, è possibile vedere quale fosse l'originaria destinazione agricola dell'appezzamento e se vi potesse essere un vecchio uliveto.

pubblicità

Quando si trovano ettari di uliveto di contea non coltivati, si possono fare progetti di rivitalizzazione dell'oliveto a seconda della sua disposizione e delle sue dimensioni. Vlatković ha affermato che rivitalizzare i boschi in questo modo sistematico avrebbe una serie di vantaggi.

Innanzitutto, molti di questi boschetti abbandonati hanno giovani ulivi stabili con sistemi di radici ramificati. A differenza di molte delle loro controparti coltivate, questi alberi non dipendono così tanto dall'irrigazione e resisteranno meglio alla siccità in futuro e daranno raccolti stabili e buoni.

business-europe-produzione-premiato-produttore-dice-i-croati-hanno-bisogno-di-tornare-alle-loro-radici-tradizionali-tempi-dell'olio-d'oliva

I portinnesti di semi di olive selvatiche sono più durevoli dei portinnesti cresciuti vegetativamente propagati per talea.

Gli alberi arrivano anche a fruttificare più velocemente di nuove piantagioni, specialmente durante gli anni di siccità. Inoltre, se i boschi sono assicurati, gli alberi selvatici sono più convenienti per metro cubo in caso di siccità.

In secondo luogo, la rivitalizzazione dei boschi aiuterebbe controllare i parassiti nell'area eliminando un serbatoio naturale per la riproduzione. Gli alberi trascurati danno un raccolto scarso ogni anno, ma forniscono un sacco di riparo e sostanze nutritive per i parassiti.

Oltre a fungere da serbatoio per i parassiti, Vlatković ha affermato che i boschi trascurati fungono anche da esca e faciliterebbero la diffusione di incendi se si dovesse iniziare nell'area.

Incoraggiato dalla sua presentazione a un panel a Spalato, il ministro dell'Agricoltura Vučković ha detto che annuncerà una gara per i fondi del Programma di sviluppo rurale per vivai e piantine.

"Il ministro ha detto che il ministero ha annunciato una gara per il primo vivaio che si occuperebbe della produzione di semenzai, e questo è da lodare, anche se penso che avrebbe dovuto essere fatto molto prima", ha detto Vlatković.

Tuttavia, ha bisogno di vedere i risultati di questo impegno prima di festeggiare. Il suggerimento è stato precedentemente portato al ministero, ma non ne è venuto fuori nulla.

Oltre a rivitalizzare gli uliveti e a registrare più da vicino lo stato degli uliveti del paese, Vlatković pensa che tutte le future piantagioni di colture permanenti dovrebbero essere fatte con piantine (portainnesti generati in modo generativo da semi) invece di portainnesti cresciuti vegetativamente propagati per talea.

In pochi anni, ha sostenuto che gli agricoltori avrebbero iniziato a vedere i benefici della coltivazione degli ulivi in ​​questo modo. Vlatković ha affermato che ci sarebbero stati rendimenti più stabili senza grandi oscillazioni.

business-europe-produzione-premiato-produttore-dice-i-croati-hanno-bisogno-di-tornare-alle-loro-radici-tradizionali-tempi-dell'olio-d'oliva

Rivitalizzare gli ulivi in ​​Croazia

Ha affermato che il sistema di incentivi nazionali e locali per gli agricoltori potrebbe anche essere modificato per fornire finanziamenti per portinnesti generati in modo generativo da semi invece che da costosi sistemi di irrigazione.

Ciò è stato confermato anche da Marinko Galiot, capo dell'Unità per l'attuazione del programma nazionale per l'irrigazione e la gestione delle terre e delle acque agricole, a Hrvatske vode.

"Negli ultimi 15 anni abbiamo irrigato oltre 30,000 ettari. Questo è ancora piccolo, dal momento che il piano del programma prevedeva di irrigare 65,000 ettari entro il 2020, cosa che non abbiamo raggiunto", ha affermato Galiot. "Il problema è l'utente finale, persona o azienda, che è interessato perché i nostri utenti non sono disposti a investire nell'irrigazione”.

Vlatković ha affermato che apportando questo cambiamento fondamentale all'olivicoltura, gli agricoltori croati si troveranno in una posizione migliore in futuro.

Ha concluso che apportando questi cambiamenti, gli agricoltori eviteranno grandi disparità nel ciclo naturale di alternanza dell'olivo ed eviteranno raccolti come quello attuale in cui molte parti del paese si aspettano rese estremamente basse o nessuna.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti