Gold Rush II: la competizione per le olive della California lascia senza frutto alcuni piccoli produttori

Le migliori offerte in dollari del nuovo arrivato californiano in Aussie stanno portando il tavolo lontano dai piccoli produttori dello stato.

Novembre 29, 2016
By Curtis Cord

Notizie recenti

Per placare la sete americana in rapida espansione di olio extra vergine di oliva di alta qualità, la competizione per le olive in California è diventata feroce.

Dicono coltivatori e produttori Boundary Bend Limited, il produttore australiano del marchio Cobram Estate, ha offerto contratti in dollari e termini aggressivi per garantire la frutta per la sua espansione negli Stati Uniti, ponendo fine improvvisamente alle relazioni consolidate tra gli agricoltori e alcuni piccoli produttori.

Ho perso un frutteto importante per loro questa settimana, nel mezzo della produzione.- Produttore di olio d'oliva della California

Ogni anno gli americani consumano più di 300,000 tonnellate di olio d'oliva, ma meno del 5 percento viene prodotto qui. Ciò rappresenta un'enorme opportunità per i produttori nazionali guidati da California Olive Ranch e Boundary Bend mentre mirano a costruire quote di mercato sostenendo iniziative volte a educare i consumatori sulla qualità degli oli locali e livellare il campo di gioco con i prodotti importati.

Boundary Bend, guidato da Rob McGavin, che non ha risposto a una richiesta di commento per questo articolo (né il suo capo delle operazioni in California, Adam Englehardt), ha avuto successo bancario in Australia, dove negli ultimi anni la quota di mercato degli oli domestici è schizzata da quasi zero a oltre lo 30 percento. vigoroso campagna da parte dell'industria locale sospettare l'integrità degli oli importati e degli acquirenti attirati a prendere in considerazione le opzioni fatte in casa, mentre il marchio Cobram Estate ha ottenuto il plauso internazionale per la qualità, vincere una serie di premi alle principali competizioni.

Fonti affermano che l'ottenimento della terra d'oliva da parte della ben finanziata Boundary Bend ha portato alcuni coltivatori in California a interrompere la fornitura di frutta a piccoli mugnai dello stato con un preavviso minimo o nullo. "Stanno pagando prezzi molto alti e ignorano i rapporti di lavoro esistenti. Ho perso un importante frutteto per loro questa settimana nel mezzo della produzione ", ha detto un mugnaio Olive Oil Times. "Naturalmente, il proprietario del frutteto era responsabile quanto (Boundary Bend) per questa decisione poco professionale. È difficile conciliare la loro retorica a favore del settore con il modo in cui sono andati in giro e hanno danneggiato la nostra attività e presumibilmente altri. "

Boundary Bend ha offerto $ 850 per tonnellata per le olive Mission (che l'anno scorso sono state recuperate $ 700-725), dicendo ai produttori che possono pagare di più perché hanno i macchinari per riutilizzare la pasta (per altre applicazioni di olio da cucina) e generare rese più elevate. Stanno pagando $ 800 per la varietà Manzanillo (che è stata venduta per $ 600 la scorsa stagione), valutando anche gli acquirenti di olive da tavola, secondo un produttore che ha familiarità con i termini.

"Senza dubbio stanno creando cattivo sangue nel settore ", ha detto un mugnaio che non voleva essere nominato. "Sono contento che i coltivatori possano guadagnare di più anche se non apprezzo questo modo di fare le cose. Hanno visitato ogni singolo frutteto con cui lavoriamo ".

Il più grande produttore dello stato, California Olive Ranch (COR), non è stato menzionato da diverse fonti come causa dell'attuale costernazione. Il CEO dell'azienda, Gregg Kelley, disse, "È stata una regola non scritta che i grandi produttori dovrebbero lavorare insieme a quelli più piccoli per costruire il settore. COR continuerà a stringere partnership a lungo termine con i coltivatori, ad aumentare i rendimenti dell'azienda agricola per tutti e a costruire il mercato per EVOO di qualità, piuttosto che distogliere l'attenzione sulle pratiche aggressive dei concorrenti. "

Ma mentre COR non ha dovuto ricorrere alla costruzione della sua rete di 70 coltivatori con allettamenti da top dollaro, potrebbe avere più a che fare con la strategia aziendale unica dell'azienda rispetto a qualsiasi livello morale elevato: COR si è rivolto a oli importati per evadere gli ordini attraverso i suoi acquisizione del marchio Lucini di oli italiani e un'ampia gamma di prodotti di varia provenienza.

"Stiamo avendo molto successo al di fuori del nostro 'core 'business in California ", ha detto Kelley. "Molti clienti ci vedono come una fonte affidabile di olio extravergine di oliva di qualità e stiamo cercando di ottenere diversi profili di gusto e fasce di prezzo oltre le nostre attuali offerte californiane e italiane ".

Mentre i coltivatori e i mugnai di tutto lo stato avvertono l'impatto di una ricerca sempre più aggressiva della frutta, non tutti concordano sul fatto che la scomparsa delle piccole imprese nel settore.

"Confermerò che ha avuto un impatto diretto e significativo sulla nostra attività ", ha detto un produttore di medie dimensioni nello stato. "Ma credo che il 'Il problema di Boundry Bend 'potrebbe effettivamente salvare l'industria. Per la prima volta, gli agricoltori stanno ricevendo un prezzo per le loro olive che garantirà che le mantengano nel terreno e considerino la possibilità di piantare una superficie aggiuntiva ".


Related News

Feedback / suggerimenti