`La produzione di olio d'oliva in Spagna dovrebbe diminuire, dicono i funzionari - Olive Oil Times

La produzione di olio d'oliva in Spagna dovrebbe diminuire, dicono i funzionari

Ottobre 19, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

I produttori in Spagna si aspettano una resa di olio d'oliva inferiore nella campagna 2021/22 rispetto a loro raccolto nel 2020/21, indicano i dati presentati dai funzionari a Expoliva 2021.

La diminuzione della produzione del paese è dovuta alla ridotta produzione di olio d'oliva prevista per Andalusia;, il barometro dell'industria spagnola dell'olio d'oliva che rappresenta quasi l'80 percento della resa della Spagna.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Secondo Carmen Crespo, il ministro andaluso dell'agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale, i produttori della comunità autonoma prevedono di produrre circa 1,050,300 tonnellate di olio d'oliva nella stagione in corso.

L'importo si traduce in una diminuzione del 5.5 percento rispetto all'annata agraria 2020/21 e una riduzione del 4.5% rispetto alla media mobile quinquennale.

Le stime portano a un volume totale di circa 1.3 milioni di tonnellate di olio d'oliva per l'intero paese nell'attuale campagna agricola, leggermente al di sotto della media quinquennale mobile di 1.4 milioni di tonnellate.

Consumo di olio d'oliva nel Paese, invece, ha raggiunto le 412,000 tonnellate nel 2020, con un incremento del 16 per cento rispetto al 2019, ha aggiunto il ministro, con "l'aumento più significativo” del 19 per cento registrato per l'olio extra vergine di oliva.

Crespo ha anche evidenziato le sfide che gli agricoltori andalusi devono affrontare, principalmente a causa del tempo imprevedibile.

"Siamo in un momento particolarmente condizionato dal tempo", ha detto, aggiungendo che le alte temperature, così come "le scarsità di pioggia, soprattutto in primavera, e dopo un'annata agricola con un apprezzabile deficit idrico, si riflettono nell'oliveto”.

Anche l'Associazione spagnola dei comuni olivicoli (AEMO) ha previsto un raccolto mediocre e ha sottolineato che lo stock di olio d'oliva dell'annata precedente è stato inferiore al solito.

"Lo stock attuale ammonta a appena 400,000 tonnellate, una quantità significativamente inferiore rispetto allo scorso anno, che copre solo due mesi e mezzo di scambi", ha affermato l'associazione in una nota. "In definitiva, stiamo affrontando una stagione con una produzione moderata, a partire da uno stock molto più basso".

Però, i prezzi dell'olio d'oliva dovrebbero rimanere inalterati dal cambiamento nella produzione, ha inoltre osservato l'associazione.

"Quello che è certo è che non c'è assolutamente alcun segnale che ci faccia prevedere un calo dei prezzi per i prossimi mesi", ha aggiunto AEMO. "Pertanto, prevediamo prezzi stabili e forti, non solo per l'intera campagna, ma probabilmente anche per la prossima. Tutto questo dipende, ovviamente, dall'evoluzione del clima».





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti