La siccità potrebbe causare un calo della produzione in Spagna, secondo le previsioni delle principali cooperative

Cooperativas Agro-alimentarias ha affermato che le notizie non sono tutte negative, con le esportazioni di olio d'oliva sostenute dall'aumento della domanda dagli Stati Uniti.
Valencia, Spagna
Agosto 7, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

La principale cooperativa agricola spagnola ha affermato che l'anno agricolo 2021/22 potrebbe produrre meno olio d'oliva del previsto a causa delle scarse precipitazioni.

Cooperativas Agro-alimentarias è arrivata alla conclusione dopo aver analizzato la situazione del terreno in diverse regioni produttrici alla luce dell'elevato caldo e delle scarse precipitazioni registrate durante l'estate.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

"La carenza di riserve idriche significa che gli stanziamenti per l'irrigazione sono scesi alla metà di ciò di cui ogni irrigatore ha solitamente bisogno", ha affermato l'organizzazione. "Pertanto, nemmeno le aziende agricole più produttive saranno in grado di raggiungere il loro potenziale livello di produzione”.

A metà luglio, i dati dell'Agenzia meteorologica statale spagnola (Aemet) mostrano che Castilla-La Mancha e Andalusia;, le due più grandi regioni produttrici di olio d'oliva del paese, riceveranno il 75% e il 50% in meno di precipitazioni nell'annata agricola in corso rispetto a quella precedente. L'annata agricola 2020/21 era già considerata una stagione secca.

Secondo il consiglio del settore dell'olio d'oliva di Cooperativas Agro-alimentarias, produzione di olio d'oliva probabilmente scenderà al di sotto del 1,387,000 tonnellate registrate nell'annata agraria 2020/21.

Tuttavia, l'andamento dell'annata agricola in corso rimane fruttuoso. Cooperativas Agro-alimentarias ha riferito che esportazioni di olio d'oliva ha raggiunto 842,000 tonnellate alla fine di luglio, 25,000 tonnellate in più rispetto all'annata precedente e 100,000 tonnellate in più rispetto all'annata 2018/19.

L'organizzazione ha parzialmente attribuito il ripresa delle esportazioni alla crescente domanda di olio d'oliva in bottiglia negli Stati Uniti, che sospeso le sue tariffe sugli oli d'oliva spagnoli a maggio.

"Il mercato è ancora attivo, che è il più notevole di questi nuovi dati", ha affermato Luis Carlos Valero, direttore generale dell'Associazione dei giovani agricoltori - Jaén.

"Inoltre, è molto importante che prima di raggiungere il mese di agosto, che normalmente è considerato un mese di esportazioni molto basse o praticamente nulle, continui ad essere confermato che i volumi [di produzione] che avremo per la prossima campagna sarà molto basso", ha aggiunto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti