` Il clima estremo incide sulla raccolta delle olive andaluse - Olive Oil Times

Il clima estremo ha un impatto sulla raccolta delle olive andaluse

Febbraio 25, 2021
David Uwakwe

Notizie recenti

L'Andalusia produzione di olio d'oliva nel 2020 si prevede un calo fino a 300,000 tonnellate rispetto a quanto previsto in precedenza, a causa degli effetti di un autunno caldo e secco seguito da un inverno freddo da record.

Secondo i dati pubblicati dal governo regionale dell'Andalusia, la produzione di olio d'oliva nella campagna 2020/21 variava tra 1.05 e 1.1 milioni di tonnellate, significativamente al di sotto della sua stima precedente di 1.348 milioni di tonnellate.

In un dichiarazione, il ministero dell'Agricoltura andaluso ha evidenziato problemi come scarse precipitazioni, alte temperature in autunno e danni causati dalle tempeste atlantiche, compreso Filomena, per la riduzione della produzione.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Il progetto stima iniziale dallo scorso ottobre si è basata sulla resa media in olio per chilogrammo di olive delle stagioni precedenti; tuttavia, le condizioni meteorologiche estreme hanno ridotto la resa al livello più basso degli ultimi 25 anni.

Ciò era dovuto alle temperature insolitamente elevate nelle prime tre settimane di novembre, che si sono aggirate in media intorno ai 15 ºC, più di due gradi più alte del normale. Nel frattempo, ci sono stati 55 litri di pioggia in meno per metro quadrato rispetto al normale tra settembre e novembre. Di conseguenza, il rendimento del petrolio è sceso da una media storica del 21% al 17.7%.

Questa è stata seguita dalla tempesta Filomena, che ha portato temperature gelide e ha causato la caduta delle olive da parte di alcuni alberi della regione. Più a nord, Filomena ha scaricato livelli record di neve nella seconda regione di olio d'oliva della Spagna, Castiglia-La Mancia, portando a gravi perdite di olive non raccolte e riducendo ulteriormente la resa totale di olio d'oliva della Spagna.

Oltre a causare danni immediati, la rete di informazione e allerta fitosanitaria andalusa (RAIF) ha avvertito che le recenti temperature miti e il clima umido hanno creato il tempesta perfetta per i funghi e altri patogeni vegetali.

Di particolare interesse per gli olivicoltori sarà il fungo repilo, che causa macchie di foglie di olivo e cresce sugli olivi selvatici. Le spore possono quindi diffondersi agli alberi coltivati.

La diffusione del fungo repilo non è rara alla fine dell'inverno nel sud della Spagna; tuttavia, le autorità avvertono che potrebbe essere particolarmente negativo prima della raccolta delle olive del 2021.

Anche se il maltempo ha messo a dura prova il raccolto attuale, il problema più grande per i produttori spagnoli rimane l'impatto di Tariffe americane, secondo Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva).

"Le tariffe aggiuntive sull'olio d'oliva prodotto e confezionato in Spagna hanno significato la perdita di 80 per cento delle esportazioni negli Stati Uniti ", ha detto Pico Lapuente. "Questo è in aggiunta a circa 100,000 tonnellate che altri paesi dell'UE hanno smesso di acquistare dalla Spagna poiché questi paesi imbottigliano l'olio con i propri marchi e lo esportano negli Stati Uniti "

I produttori e le loro associazioni hanno continuato a fare pressione sul governo spagnolo per negoziare con gli Stati Uniti per rimuovere le tariffe sui prodotti agricoli, inclusi gli oli d'oliva spagnoli confezionati e le olive da tavola verdi.

A sua volta, il governo spagnolo ha ha esortato la Commissione europea aprire nuovi negoziati commerciali con gli Stati Uniti





Related News

Feedback / suggerimenti