La tragedia ispira una famiglia croata a coltivare le olive

Dopo la morte del loro figlio adolescente nel 2003, la famiglia Deša ha iniziato a coltivare l'olivo biologico per superare il loro dolore.
Giu. 7, 2021
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Dopo un anno record per i produttori dalmati Al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, un agricoltore nell'entroterra della regione sud-occidentale della Croazia ha grandi sogni di successo futuro al concorso.

Miodrag Deša e sua moglie, Nadežda, hanno iniziato a coltivare nel 2003 dopo aver perso il figlio di 17 anni, Antonio, in un incidente d'auto. Per alleviare il dolore e la perdita irreparabile, Deša suggerì alla moglie di iniziare a coltivare olive e ad allevare polli.

"C'è sempre del lavoro da fare", ha detto Deša Olive Oil Times, che oggi, insieme alla moglie e al resto della famiglia, si prende cura di 5,075 ulivi e 350 galline ovaiole che scorrazzano libere nei 24 ettari della tenuta.

Vedi anche: Profili del produttore

I frutti delle olive vengono raccolti ogni autunno, mentre le uova vengono raccolte ogni giorno durante tutto l'anno. Insieme alle galline, la Deša ha una famiglia di cani da pastore maremmano-abruzzese, che proteggono le galline dall'attacco di rapaci, volpi e altri predatori.

"Ci sforziamo di vivere in armonia con la natura", ha detto Deša.

La famiglia vive a Zara, una città di 85,000 abitanti, che ha più di 3,000 anni ed è considerata più antica di Roma. Tuttavia, il loro boschetto di 65,000 ettari si trova a 10 chilometri dal centro della città a Ravni Kotari.

La zona è nota per il suo clima mite e mediterraneo, ideale per la coltivazione di ortaggi e frutta, in particolare per fichi, viti e, naturalmente, olivi.

Ogni mattina alle 5 del mattino, Deša e sua moglie si svegliano e si dirigono verso gli uliveti. Mentre il clima è ideale per coltivazione dell'olivo, il paesaggio carsico no. Per piantare i loro alberi, la famiglia ha investito ore di lavoro e molti soldi.

profili-produzione-tragedia-ispira-una-famiglia-croata-a-coltivare-olive-tempi-di-oliva

Innanzitutto, il terreno pesantemente invaso doveva essere ripulito, sia sopra che sotto terra. Macchine speciali quindi macinano le piante rimosse in pacciame che sarebbe poi stato utilizzato per fertilizzare gli ulivi.

Dopo che il terreno è stato sgomberato, sono state scavate buche in cui piantare gli ulivi e riempite con il pacciame e il terreno sciolto. La famiglia ha deciso presto di piantare esclusivamente varietà endemiche, che ben si adattano al terreno roccioso della regione

Una volta che Deša ha piantato gli alberi, è andato al ministero dell'agricoltura locale per cercare finanziamenti e investimenti di capitale per l'azienda agricola biologica.

"Coltivare un uliveto così grande nell'agricoltura biologica, che abbiamo deciso fin dall'inizio, richiede grandi fondi ", ha affermato Deša.

Si calcola che il costo di conversione del carso in seminativo sia fino a € 1.50 al metro quadrato. Tuttavia, questo prezzo dipende anche dalla struttura di ciascuna sezione del terreno.

profili-produzione-tragedia-ispira-una-famiglia-croata-a-coltivare-olive-tempi-di-oliva

Deša ha iniziato a piantare su un carso migliorato a novembre e l'ha terminato a dicembre 2011. L'oliveto è stato quindi recintato e, alla fine, le piantine hanno preso il terreno e tutto il resto ha fatto il suo corso.

Tuttavia, nel tempo, si sono resi conto che un that oliveto biologico senza animali è difficile da mantenere, così hanno deciso di iniziare ad allevare polli.

"Quattro anni fa abbiamo completato il montaggio di un nuovo pollaio mobile, acquistato in Italia. Quindi, nel tempo, possiamo aumentare il gregge fino a un totale di 720 galline", ha detto Deša.

È davvero un pollaio mobile super moderno del valore di 400,000 kune (€ 55,000) e abbastanza grande da permettere a tre persone di entrare e guardarsi intorno.

"È previsto che il pollaio si sposti intorno all'oliveto ogni 15 giorni", ha affermato Nadežda.

"I nidi sono dotati di bandierine per l'intimità e di un sistema che permette alle galline di non dormire nei nidi», ha aggiunto.

Dopo che le galline hanno deposto le uova, rotolano su un binario centrale e le galline non le vedono più.

Da una console di controllo, i Dešas estraggono il binario dal pollaio e trasportano le uova utilizzando un veicolo di consegna refrigerato. Le uova vengono quindi confezionate e consegnate ai clienti locali e fino a Zagabria, la capitale croata.

"Ora abbiamo circa 350 galline che depongono da 150 a 200 uova al giorno e ce ne saranno altre in futuro", ha detto Deša.

profili-produzione-tragedia-ispira-una-famiglia-croata-a-coltivare-olive-tempi-di-oliva

Le uova hanno un prezzo di 2 kune (0.27 €) per unità al dettaglio e all'ingrosso. In questi giorni Deša è alla ricerca di nuove galline ovaiole, il che non è facile.

"Non è un problema ottenere [nuove galline sul mercato nero], ma operiamo legalmente", ha detto Deša. "Niente senza ricevuta.”

Lui e sua moglie hanno recentemente acquistato 300 polli di varie razze a Zagorje-Međimurje, una regione vinicola al confine settentrionale del paese con la Slovenia.

Una volta che i polli sono stati introdotti, Deša ha detto che sono liberi di andare e venire durante il giorno. Questa libertà combinata con il pollaio di 33 metri quadrati significa che i polli godono di molto più spazio di quanto prescritto dalla legge per il pollame ruspante.

"L'obiettivo è che le galline stiano intorno a ogni ulivo ogni giorno ", ha detto Deša.

I polli mangiano rapidamente tutta l'erba e le erbacce. All'interno del pollaio il pavimento è cavo, quindi le feci cadono a terra e vengono raccolte insieme ai rami di ulivo potati per il compostaggio.

Il letame di pollo è un ottimo fertilizzante. È estremamente ricco di azoto, fosforo, calcio e potassio. Oltre all'abbondanza di materia organica necessaria alle piante, contiene anche molti microelementi.

Tutto questo si addice agli alberi di Deša, che sono in buona forma. Quest'anno non sono ancora in piena fioritura, avendo dato frutti la scorsa stagione, producendo più di 62 tonnellate.

profili-produzione-tragedia-ispira-una-famiglia-croata-a-coltivare-olive-tempi-di-oliva

L'uso degli escrementi di pollo e dei rami di ulivo come fertilizzante è un passo che Deša ha fatto per garantire che i suoi boschetti biologici ricevessero un'etichetta ecologica. Le sue trappole a feromoni naturali, posizionate in 10 punti all'interno del boschetto, sono un altro passo che ha compiuto per proteggere i suoi frutti nel modo più ecologico possibile.

"Le trappole sono il modo in cui seguiamo il volo dei parassiti: la tignola dell'olivo e il mosca dell'olivo", ha detto Desa.

Deša collabora anche con l'università locale per monitorare il numero di parassiti presenti nei boschetti. Se ne vengono registrati più di 20 in una settimana, mette in atto misure di protezione. L'università avverte anche altri olivicoltori della comparsa di parassiti attraverso le sue piattaforme.

"Non spruzziamo alla cieca o su base calendario, ma solo quando necessario", ha affermato.

Quando è richiesta la spruzzatura, Deša utilizza un atomizzatore all'avanguardia, dotato di sensori a ultrasuoni e valvole idrauliche mobili. Grazie a potenti ventilatori, può spruzzare otto metri di altezza e otto metri in ogni direzione.

Un sensore attiva gli ugelli e un computer controlla l'irrorazione, il che aumenta la velocità e l'efficienza con cui possono essere irrorati tutti i 5,075 dei suoi alberi. Ci volevano più di 20 giorni per farlo; ora ci vogliono circa 20 ore.

Quando arriva il raccolto, Deša e la sua squadra si dirigono nell'oliveto con gli scuotitori appena acquistati.

profili-produzione-tragedia-ispira-una-famiglia-croata-a-coltivare-olive-tempi-di-oliva

"I raccoglitori abili possono raccogliere a mano fino a 200 chilogrammi di olive ogni giorno ", ha detto Deša.

Le olive appena raccolte vengono immediatamente lavorate nel vicino frantoio Jukić. Quest'anno, hanno in programma di iniziare la raccolta a metà ottobre e terminare con l'aiuto di amici e parenti entro un mese.

In 10 anni, una volta che gli ulivi avranno raggiunto la loro dimensione ottimale, Deša prevede di installare scuotitori semoventi. Ciò aumenterà l'efficienza e la velocità con cui le olive vengono raccolte.

Finora, Deša è stato soddisfatto della qualità del suo olio d'oliva Oblica. I suoi oli d'oliva sono stati premiati nelle competizioni locali, ma il suo obiettivo è vincere al 2022 NYIOOC.

Quando i suoi alberi avranno raggiunto la loro piena maturità, Deša stima che produrrà circa 20,000 litri di olio d'oliva biologico ogni anno. In combinazione con la produzione di carne e uova, insieme a foglia di ulivo e cosmetici a base di olio d'oliva, spera di diventare redditizio nei prossimi anni.

Deša ha detto che tutti i progressi che la sua famiglia ha fatto dal 2003 lo soddisfano. Un sacco di duro lavoro e dolore sono stati necessari per creare e mantenere i boschi, ma Deša crede che sia qualcosa di positivo che è venuto dalla morte prematura di suo figlio.

"Abbiamo qualcosa in cui sperare", ha concluso la coppia.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti