California Olive Ranch: sfidando la tradizione

Concentrandosi sulla tecnologia, Gregg Kelley e il suo team cercano di produrre olio d'oliva di alta qualità su larga scala.

CEO di California Olive Ranch Gregg Kelley (Phtos: Ron Putnam per Olive Oil Times)
Settembre 18, 2017
Di Joanne Drawbaugh
CEO di California Olive Ranch Gregg Kelley (Phtos: Ron Putnam per Olive Oil Times)

Notizie recenti

Da quando ha intrapreso una missione per portare la produzione di olio d'oliva su larga scala in California nel 1998, California Olive Ranch (COR) ha affinato le sue operazioni per replicare ciò che il CEO Gregg Kelley e il suo associato Jim Lipman, vicepresidente delle operazioni di produzione chiamano "modello di un mulino italiano utilizzando l'attrezzatura di un mulino spagnolo. " In poche parole, l'attuale modello di business di California Olive Ranch mira a produrre olio d'oliva di alta qualità utilizzando mezzi di produzione di massa.

I metodi che utilizza COR sono progettati per sovvertire il "tradizione "che Kelley incolpa delle carenze del industria dell'olio d'oliva.

Dalla sperimentazione di nuovi metodi di copertura sugli ulivi che popolano i loro oliveti alla messa a punto dei loro processo di macinazione, l'azienda è costantemente alla ricerca di nuovi modi per massimizzare l'efficienza e la qualità.

Tracciando ogni lotto di olio dalla sua crescita sull'albero al momento in cui viene imbottigliato, l'efficacia di ogni iniziativa è misurabile in modo univoco.

In agricoltura i risultati relativi alla qualità sono tenuti nella stessa stima di quelli relativi alla quantità. Kelley ha spiegato che preferirebbe avere un raccolto coerente e sano ogni anno piuttosto che uno robusto seguito da un raccolto più debole il successivo: i metodi di potatura e copertura vengono analizzati attentamente per raggiungere questo obiettivo.

Con i suoi progressi, Kelley notò che le pratiche COR "apprendimento agricolo ”e che ogni esperimento è una sorta di scommessa. L'utilizzo dei dati da parte dell'azienda lo consente "scommesse informate "su ogni nuovo raccolto.

Spesso queste scommesse danno frutti: COR ha vinto tre premi Gold e due Silver alla 2017 New York International Oil Oil Competition.

Le vendemmie vengono condotte con una mietitrice meccanica, sviluppata dall'azienda con l'ausilio del Oxbo in 2008 che da allora è diventato uno standard del settore, secondo Kelley.

Le innovazioni non si fermano una volta che le olive sono state raccolte dai loro alberi. Il COR sta esplorando una serie di sforzi volti a produrre un prodotto di migliore qualità su larga scala, sia all'interno del proprio mulino con sede a Chico che oltre.

L'azienda ha recentemente annunciato collaborazioni con produttori con sede in Sud America, in particolare in Argentina, dove COR ha inviato membri del personale per fornire assistenza in materia di legislazione agricola e delle esportazioni.

Poiché la società in rapida crescita si sforza di soddisfare i palati dei consumatori, ogni miscela non viene rivista solo da a pannello sensoriale per qualità, subisce anche una standardizzazione perché, come afferma Lipman, "Cheerios dovrebbe sempre avere il sapore di Cheerios. ”

Kelley e il suo team di tester certificati, tra cui Mary Morin e Logan Jennings del team argentino, affermano che mentre i consumatori continuano a familiarizzare con olio d'oliva di alta qualità, i loro gusti continueranno a cambiare. Kelley lo notò "la domanda è insaziabile "a questo punto, poiché i consumatori stanno appena iniziando a risvegliarsi alle possibilità.

Invece di cercare di esportare i frutti delle loro fatiche verso i mercati esteri, Kelley ha spiegato che il potenziale principale di COR risiede ancora negli Stati Uniti. Tra i due marchi dell'azienda, California Olive Ranch e Lucini, la quota di mercato di COR rappresenta circa l'8% delle vendite di olio d'oliva americano.

Invece di aumentare la propria quota di mercato rispetto ai concorrenti, Kelley ha detto che spera "crescere la torta "aumentando nel complesso Consumo di olio d'oliva americano attraverso l'educazione. Ha chiamato le pubbliche relazioni per sensibilizzare l'azienda "più grande strumento ”per esaltarne i valori in modo da diffondere le informazioni tecniche necessarie facendo appello alle emozioni dei consumatori.

Sebbene la missione unica di COR non corrisponda esattamente a quella di nessuno dei suoi concorrenti nel settore, Kelley ha affermato che il suo successo potrebbe significare profitti per ogni azienda che opera con l'equazione.

Ha sottolineato che i prodotti a marchio California Olive Ranch attualmente vendono a un prezzo superiore del 50% rispetto alla categoria - Lucini con un premio del 180 percento.

Tradizionalmente, potere e profitti appartenevano a pochi imbottigliatori e investitori selezionati. Nel mondo ideale di Kelley il potere viene restituito a coltivatori e produttori, cosa che secondo lui può essere raggiunta se i produttori hanno voce in capitolo. Come continua Kelley, il successo di COR è "prova che può essere fatto. "


Related News

Feedback / suggerimenti