`Studio: ogni anno 9.7 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra provengono dalla produzione di carne - Olive Oil Times

Studio: ogni anno 9.7 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra provengono dalla produzione di carne

Ottobre 6, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I ricercatori hanno ideato uno strumento per indagare e misurare l'origine delle emissioni di gas serra (GHG) con un livello di dettaglio senza precedenti.

Tra i primi risultati, hanno stimato che la produzione alimentare di origine animale porta emissioni globali di GHG, che sono almeno il doppio di quelle legate alla produzione vegetale per il consumo umano.

Con la crescita demografica ed economica in corso, prevediamo un aumento della domanda alimentare globale in futuro, che amplierà i sottosettori alimentari, tra cui la coltivazione e la produzione di bestiame.- Atul K Jain, ricercatore climatico, Università dell'Illinois

I studio effettuata da un team di scienziati dell'Università dell'Illinois ha studiato la dinamica delle emissioni scomponendo il terreno agricolo in decine di migliaia di quadrati della griglia.

Vedi anche: La maggior parte della spesa agricola fa più male che bene, sostiene il rapporto delle Nazioni Unite

Ogni griglia è stata analizzata per le colture presenti, quale percentuale dell'area occupata e cos'altro era presente. I ricercatori hanno aggiunto un numero enorme di variabili ai dati recuperati, tra cui disponibilità di spazio di archiviazione, trasporto e volumi di produzione, tra gli altri.

"I calcoli vengono effettuati in questo studio utilizzando un framework di integrazione dei dati modello che tiene conto di tutte le emissioni di gas serra da tutte le fonti", ha detto Atul K Jain, uno degli autori del rapporto. Olive Oil Times.

"Quindi, il framework ha due componenti: dati e modello", ha aggiunto. "Diversi tipi di set di dati vengono utilizzati come input del modello e i calcoli del modello vengono eseguiti da un modello basato sui processi.

I dati includevano un'ampia gamma di pratiche agricole e prodotti agricoli, con 171 colture e 16 prodotti animali identificati. Jain ha aggiunto che i fattori ambientali "come temperatura e precipitazioni, concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica, fattori di gestione, irrigazione e fertilizzanti”.

Nel complesso, gli scienziati hanno lavorato con dati provenienti da 200 paesi nel periodo dal 2007 al 2013. Sono stati quindi in grado di determinare che le emissioni di gas a effetto serra dovute alla produzione alimentare globale superavano i 17 miliardi di tonnellate all'anno. Secondo i dati dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti, nel 50 il mondo ha prodotto poco meno di 2015 miliardi di tonnellate.

Di questi 17 miliardi, il 57 per cento proviene dalla produzione di alimenti di origine animale, compresi i mangimi per il bestiame. Nel frattempo, il 29% proviene da alimenti a base vegetale e il 14% è associato ad altri usi del suolo.

studio-mondo-97-miliardi-di-emissioni-di-gas-serra-provengono-dalla-produzione-di-carne-ogni-anno-volte-di-olio-d'oliva

"La gestione dei terreni agricoli e il cambiamento nell'uso del suolo hanno rappresentato le quote principali delle emissioni totali (rispettivamente il 38% e il 29%), mentre il riso e la carne bovina sono stati i prodotti di origine vegetale e animale che contribuiscono maggiormente (rispettivamente 12% e 25%)" hanno scritto i ricercatori.

Data la popolarità del consumo di carne bovina in Sud America e del consumo di riso nel sud-est asiatico, queste due aree sono state identificate dai ricercatori come i maggiori emettitori di gas serra basati sulla produzione.

"La posizione relativamente alta del riso deriva dai batteri produttori di metano che prosperano nelle condizioni anaerobiche delle risaie allagate. Dopo il riso, le emissioni più elevate associate alla produzione vegetale provenivano da grano, canna da zucchero e mais", ha osservato un articolo di Scientific American sull'argomento.

Più specificamente, ha detto Jain, "le emissioni di origine animale provengono principalmente dalla produzione di colture per l'alimentazione animale e dalla produzione e manutenzione di pascoli. Quindi, la domanda di mangime per alcuni animali è maggiore di altri”.

"Allo stesso tempo, l'efficienza media di conversione dai mangimi ai prodotti zootecnici è molto bassa. In media, è del 5.17 percento", ha aggiunto Jain. "Pertanto, le emissioni di gas serra di origine animale sono, in generale, superiori a quelle degli alimenti di origine vegetale. Ad esempio, le emissioni di gas serra per il pollo sono molto inferiori a quelle per la carne bovina perché la domanda di mangime per il pollo è molto inferiore rispetto a quella per il manzo".

Vedi anche: I redattori di 200 riviste sanitarie avvertono che il cambiamento climatico sta creando crisi sanitarie globali

Inoltre, la produzione di carne bovina rappresentava il 25% della produzione totale di gas serra di origine animale, seguita da latte di vacca, carne di maiale e carne di pollo.

Il 29% attribuito alla produzione alimentare di origine vegetale include le emissioni provenienti dalle attività agricole, come l'aratura del terreno, la semina e la concimazione delle colture, la raccolta dei cereali e il recupero dei residui delle colture per l'alimentazione del bestiame. Nelle proiezioni delle emissioni dei terreni agricoli sono state incluse anche le emissioni di combustibili ed energia utilizzati per le macchine agricole.

Jain ha anche sottolineato come i ricercatori si aspettano di più espansione delle emissioni globali di gas serra dalla produzione alimentare.

"Con la crescita demografica ed economica in corso, prevediamo un aumento della domanda alimentare globale in futuro che espanderà i sottosettori alimentari, tra cui la coltivazione e la produzione di bestiame, i cambiamenti nell'uso del suolo per i terreni agricoli, nonché il trasporto e la lavorazione delle merci, più fertilizzanti e pesticida uso e irrigazione”, ha aggiunto.

Insieme all'aumento delle emissioni di gas serra, Jain crede anche che questo sia solo una parte del problema. Ha detto che ulteriori emissioni di gas serra porterebbero anche a tassi più bassi di sequestro di anidride carbonica da parte di piante e suolo.

"Tutti questi fattori si tradurranno in un aumento delle emissioni di gas serra", ha affermato. "Allo stesso tempo, ci aspettiamo che l'assorbimento di anidride carbonica dall'atmosfera da parte del suolo e delle piante si riduca. Tutti questi fattori aiuteranno ad accelerare cambiamento climatico. "

Jain ha aggiunto che il nuovo strumento consentirà ai ricercatori di tenere traccia dell'evoluzione della situazione.

"Sulla base dei dati forniti nel documento, saremo in grado di modellare l'effetto della produzione alimentare umana in qualsiasi momento", ha affermato.

Il prossimo passo per il team di ricerca è scomporre i dati all'interno di nuovi modelli e cercare di capire quali cambiamenti potrebbero essere introdotti nella produzione alimentare per ridurre le emissioni di gas serra.

Quindi, nuovi modelli per consentire ai cittadini del mondo di comprendere come ogni essere umano contribuisce alle emissioni globali consentiranno all'utente di calcolare la propria impronta di carbonio fattorizzando le abitudini alimentari individuali, le caratteristiche nazionali e le variabili generate dalla posizione.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti