`Il nuovo metodo di test semplifica l'analisi elementare dei campioni EVOO - Olive Oil Times

Il nuovo metodo di test semplifica l'analisi elementare dei campioni EVOO

Può. 18, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I ricercatori in Italia hanno sviluppato un nuovo metodo per identificare con precisione 45 diversi elementi chimici nell'olio extravergine di oliva.

Secondo l' carta pubblicato sulla rivista Food Chemistry, i ricercatori hanno identificato l'approccio migliore per analizzare ogni elemento e ridotto drasticamente i rischi di analisi errate dovute alla manipolazione del campione (il movimento fisico dei campioni da un contenitore all'altro) e alla diluizione.

Gli elementi dell'olio extravergine di oliva presentano molte differenze rispetto agli altri oli vegetali, che sono stati utilizzati per adulterare l'olio extravergine di oliva.- Maria Luisa Astolfi, ricercatrice, Sapienza Università di Roma

La ricerca apre anche la strada a nuovi studi sulle caratteristiche specifiche di ogni extravergine di oliva analizzato, inclusa la determinazione dell'origine geografica e attività anticontraffazione, tra gli altri.

Autofinanziato da un team di quattro scienziati italiani, il nuovo studio valuta come diversi metodi di pretrattamento del campione possono essere applicati a elementi distinti, quale è il migliore da usare per ciascun elemento e quale risultato ci si può aspettare.

Vedi anche: Notizie di ricerca

"Il contenuto elementare negli oli d'oliva è difficile da studiare ", ha detto Maria Luisa Astolfi, ricercatrice presso il dipartimento di chimica dell'Università La Sapienza di Roma e uno degli autori dello studio Olive Oil Times. "La loro matrice è complessa e caratterizzata da elevata viscosità e contenuto organico; inoltre, alcuni elementi sono presenti negli oli extravergini di oliva a livelli di concentrazione molto bassi ".

Gli scienziati hanno scelto a caso 24 oli extra vergini di oliva di diversi marchi e contenitori venduti in diversi supermercati di Roma per i loro esperimenti.

L'obiettivo dei ricercatori era valutare metodi per rilevare elementi noti ed esplora la composizione dell'olio extravergine di oliva.

"Abbiamo concentrato la nostra ricerca sulla ricerca di un numero molto elevato di elementi all'interno dell'olio extravergine di oliva ", ha affermato Astolfi. "Quarantacinque è un numero che deriva da studi precedenti e analisi dei contenuti tradizionali. A questi elementi abbiamo aggiunto la ricerca di tracce che nessuno ha mai cercato, per indagarne la presenza e la quantità ".

Per questo motivo, i ricercatori hanno confrontato diversi approcci analitici che hanno permesso una valutazione più accurata della composizione dell'olio extravergine di oliva.

Utilizzando ICP-MS (spettrometria di massa al plasma accoppiato induttivamente), i ricercatori sono stati in grado di ottenere risultati accurati e riproducibili con bassi limiti di rilevamento per gli oligoelementi analizzati.

Allo stesso tempo, l'utilizzo di questa tecnica analitica e la ricerca su come applicarla su campioni di olio extravergine di oliva hanno portato efficacemente i ricercatori a ridurre sia le operazioni di diluizione che di manipolazione dei campioni.

"Il modo in cui vengono trattati i campioni è l'ostacolo principale per i ricercatori, poiché sta lì il motivo per cui l'analisi potrebbe non riuscire ", ha detto Astolfi. "Ad esempio, la diluizione a cui deve essere sottoposta una soluzione eccessivamente acida per essere analizzata da ICP-MS e il trasferimento del campione da una provetta all'altra sono operazioni che possono compromettere il risultato contaminando il campione o perdendo le tracce per le quali si stanno cercando. "

I ricercatori sono passati attraverso diversi trattamenti di campioni e soluzioni di digestione, che vengono utilizzati per analizzare i campioni, cercando di trovare un compromesso tra il metodo di analisi richiesto per ogni elemento e il tempo necessario per eseguirlo.

In alcuni casi le operazioni di diluizione sono state evitate individuando e applicando una specifica soluzione di acido nitrico diluito e acqua ossigenata.

"Questo è un esempio di una soluzione che, una volta a contatto con il campione, non ha bisogno di essere diluita per cadere sotto il livello di acidità massimo che un ICP-MS può tollerare ", ha detto Astolfi. "Ciò significa anche che il campione non deve passare da una provetta all'altra, riducendo notevolmente la manipolazione. Anche l'orario di lavoro è notevolmente ridotto. "

I ricercatori hanno rilevato quantità normali di arsenico, rame, ferro e piombo nei campioni di olio extravergine di oliva, che sono comunemente sottoposti a screening. Nel frattempo, i ricercatori hanno anche rilevato tracce di calcio, cobalto, rame, magnesio, manganese e nichel. Questi sei elementi, insieme al ferro, sono noti per influire sul gusto e sulla stabilità ossidativa dell'olio extravergine di oliva.

"Inoltre, volevamo anche esaminare altri elementi per determinare un profilo più completo dell'olio extravergine di oliva ", ha affermato Astolfi.

Ottenendo un quadro completo di tutti gli elementi presenti in un campione, gli scienziati possono determinare meglio l'origine geografica degli oli d'oliva.

"L'albero assorbe gli elementi dal terreno, che poi sono presenti nel frutto. Questo può dirci molto sulla terra di origine ”, ha detto Astolfi. "La ricerca precedente ha anche cercato elementi di tracciamento. Ci siamo avvicinati alla comprensione di quali elementi possono fornirci tali informazioni. "

Tuttavia, non tutti gli elementi possono essere valutati con la stessa procedura.

"Se prendiamo bario, fosforo, argento o stagno, ad esempio, non potremmo usare il nuovo metodo perché hanno bisogno di altre miscele di reagenti, volumi e tempi per l'estrazione o la digestione del campione ", ha detto Astolfi. "La sfida principale è trovare il metodo di pretrattamento dell'olio più appropriato per molti elementi diversi ".

Ha aggiunto che il bario, il cromo, l'argento o lo stagno devono essere digeriti in una soluzione riscaldata e non saranno misurati accuratamente con l'estrazione ad ultrasuoni.

"Con il nuovo metodo, possiamo valutare il profilo di 45 diversi elementi e, confrontando gli altri metodi di analisi, la nostra ricerca potrebbe aiutare a identificare quale metodo si adatta meglio a qualsiasi elemento chimico che stiamo cercando ", ha detto Astolfi.

Oltre alla possibilità di determinare più accuratamente la provincia dell'olio d'oliva e comprenderne il contenuto, nuovi metodi possono anche aiutare a reprimere contraffazione ed extravergine adulterazione dell'olio d'oliva.

"Gli elementi dell'olio extravergine di oliva presentano diverse differenze rispetto ad altri oli vegetali, come gli oli di semi, che in passato sono stati utilizzati per adulterare l'olio extravergine di oliva prima della loro distribuzione sul mercato ", ha affermato Astolfi. "Le differenze risiedono in quali elementi sono presenti e nella loro densità. "

Sono in corso nuove ricerche per indagare le differenze tra biologico e olio extravergine di oliva non biologico e capire cosa differenzia gli oli extravergini italiani e non italiani

"Molte opportunità si presentano grazie a questo nuovo metodo ", ha detto Astolfi. "Attualmente stiamo indagando su campioni provenienti da tutta Italia, prelevati da aziende agroalimentari locali attive nei loro territori, per identificarne l'origine e raccontarci le loro differenze, quali sono le loro caratteristiche specifiche e così via ”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti