Tunisia: finestra su un tradizionale mondo olivastro

Esistono scarsi fondi per assistere la transizione degli agricoltori rurali tunisini verso una produzione più efficiente e di alta qualità. Alcuni locali dicono che va bene con loro, mentre altri guardano ad un futuro più prospero,

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times
Febbraio 27, 2018
Di Cain Burdeau
Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

Notizie recenti

Raccolta delle olive - anche bene in primavera - a mani nude e dita infilate con corna di capra. Collezionando borse che giacciono in campi pieni di olive e talee di alberi con carretto e asino. Produrre olio nei frantoi dove le macine frantumano le olive e i pavimenti sono occupati da squadre di operai ricoperti di succo d'oliva.

Tra 30, 40 anni sarei francamente piuttosto triste se finissimo con uno stile di produzione industrializzato.- Zena Ely-Séide Rabia, produttore di olio d'oliva

Queste sono viste, suoni e odori per lo più da tempo lontani dall'Europa, dove produzione di olio d'oliva è diventato sempre più meccanizzato e modernizzato.

Ma in Tunisia, le cose sono diverse: la produzione di olio d'oliva è ancora in gran parte un'attività rurale che evoca un'epoca passata.

Questo è visto sia come un ostacolo che come un tesoro per una nazione che cerca di espandere la propria produzione olio d'oliva di alta qualità attraverso la modernizzazione e l'espansione delle piantagioni di ulivi, affrontando anche la profonda povertà rurale, radicati interessi commerciali e instabilità politica ed economica.

La popolazione rurale tunisina vive in uno stato di povertà e questo fatto aiuta a spiegare perché la produzione di olio d'oliva è così tradizionale e semplice. Eppure l'enorme dimensione della sua produzione (180,000 tonnellate quest'anno) e la sua ambizioni come grande esportatore separare la Tunisia.

"Il problema non è una mancanza di conoscenza tecnica in Tunisia ", ha detto Tiziano Caruso, uno specialista agrario e olivicolo presso l'Università di Palermo in Italia, "ma la mancanza di risorse finanziarie per diffondere la modernizzazione.

La Banca Mondiale afferma che la popolazione rurale tunisina vive in uno stato prossimo alla povertà estrema. I lavoratori rurali guadagnano spesso circa $ 6 al giorno, o spesso molto meno. Secondo i dati della Banca mondiale, il reddito medio giornaliero pro capite nella Tunisia rurale è di $ 1.60.

Questo spiega perché la stragrande maggioranza delle esportazioni sono sfuse, spedite su navi verso paesi più ricchi che necessitano di olio d'oliva; perché un giro in campagna durante la primavera vede la gente ancora raccogliere olive nere e troppo mature; perché la produttività può variare così radicalmente di anno in anno e perché i rendimenti sono molto inferiori rispetto ai concorrenti europei.

Ci sono anche altri problemi. L'irrigazione è scarsa. Molte piantagioni sono giovani e manca il know-how tra molti agricoltori, hanno detto i produttori di petrolio tunisini. E dalla rivoluzione democratica del 2011 che ha posto fine a una dittatura, i produttori hanno affermato di essere stati colpiti da una forza lavoro rurale in diminuzione che a sua volta ha fatto aumentare i costi del lavoro.

Nel frattempo, molti agricoltori e produttori si lamentano del fatto che interessi radicati a livello governativo e privato ostacolano il cambiamento e il progresso.

Alla fine di gennaio in un piccolo paese chiamato Bir Salah nelle pianure punteggiate di ulivi vicino a Sfax, era in corso la raccolta delle olive.

Una mezza dozzina di persone ha lavorato su un grande albero. Uomini in piedi a terra e su pesanti scale di legno picchiano i rami carichi di drupe con dei bastoni per togliere le olive. Una donna curva con un copricapo spazzava le olive sulle reti di raccolta in pile, usando come scopa una manciata di rami di ulivo.

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

"È il lavoro di Zaytun (ulivo in arabo) ", ha detto Amine Mhimda, una studentessa di 20 anni che aiuta la sua famiglia durante le vacanze scolastiche. Parlava in inglese di base. "Amici e famiglia (fare il lavoro.) È il lavoro della mia famiglia. "

L'albero su cui stavano lavorando non era il loro, ma uno che avevano affittato per raccogliere, una pratica comune tra i contadini tunisini.

Mhimda ha detto che le macchine da raccolta sono troppo costose per la sua famiglia.

Scene simili si trovano in tutta la Tunisia, dove le famiglie trascorrono mesi a raccogliere lentamente olive da milioni di alberi della nazione. Si fermano a mezzogiorno per mangiare e fare teiere sul fuoco.

Le olive vengono versate in sacchetti e confezionate in frantoi, spesso sul retro di camioncini striati di succo d'oliva.

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

Spesso le olive finiscono in posti come un mulino a Sfax di proprietà di Hamed Kamoun. La sua famiglia opera nel settore olivicolo dalla fine del 1800.

È un mulino tradizionale. Una mattina di recente, gli operai erano impegnati a lavorare le presse, le macine, versando l'olio secchio per secchio nei tini di decantazione. In alto, una grande cinghia ronzava mentre girava su un albero in linea azionando le pietre rotanti. L'odore delle olive schiacciate era intenso e gradevole. Il pavimento era ricoperto di pasta nera e olio. I frantoi gocciolavano con succo scuro.

"La mia produzione è specifica e solo per qui ", ha detto Kamoun, parlando attraverso un traduttore. Tutto l'olio che produce, ha detto, viene consumato in Tunisia.

Prima dell'alba durante il periodo di raccolta, Kamoun ha un acquirente in un mercato all'asta dove gli agricoltori vendono le loro olive ai frantoi. Ottiene grandi quantità di olive da questo mercato, ha detto.

Molti nel settore olivicolo della Tunisia, tuttavia, affermano che metodi tradizionali di raccolta e la macinazione sta trattenendo la nazione.

Ad esempio, molti agricoltori aspettano di raccogliere le olive finché non sono di colore nero profondo e più mature nella speranza di ottenere più olio da esse. Ma questo va contro le migliori pratiche per ottenere il miglior olio extravergine di oliva, che generalmente si verifica quando le olive stanno virando dal verde al nero, una fase nota come invaiatura.

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

"Le persone hanno una scarsa conoscenza delle olive, quindi pensano che se raccogliamo le olive ora (a gennaio e successivamente) otteniamo più olio d'oliva - è giusto, ma è sbagliato ”, ha affermato Rafik Ben Jeddou, un produttore di olio.

Habib Douss, un esportatore di petrolio e chimico, ha detto che molti agricoltori credono che l'olivo sia una pianta sacra.

"C'è molta mitologia nell'olio d'oliva ", ha detto. "Per quanto riguarda l'olivo, i tunisini lo considerano un albero benedetto. Niente dell'olivo può essere scartato e quindi se ci sono olive a fine stagione, fa parte della generosità. Se lo raccolgono a maggio, per loro è benedetto ".

Douss aggiunti: "Quando ho lavorato per Proctor and Gamble (negli Stati Uniti) ne abbiamo parlato 'opportunità di miglioramento "o AIF. In Tunisia, potresti scrivere enciclopedie di OFI. "

Imed Ghodhbeni, il responsabile di un laboratorio di degustazione e analisi per il Gruppo CHO, uno dei principali esportatori tunisini, ha affermato che molti tunisini non amano il gusto dell'olio extravergine di oliva.

"Ad alcune persone piace davvero ", ha detto riguardo al petrolio che avrebbe preso in considerazione lampante. "Le persone manterranno le olive a fermentare a lungo per ottenere questo tipo di olio ".

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

Nella Tunisia meridionale, ad esempio, è comune che i berberi conservino le olive nelle caverne, permettendo loro di fermentare e di spremere le olive quando ne hanno bisogno, ha detto. "Sono orgogliosi del loro olio e lo offrono agli ospiti ", ha detto Ghodhbeni.

La Tunisia non è unica in questo. Nel sud Italia, ad esempio, era consuetudine far fermentare anche le olive fino a tempi più recenti.

"In Italia, soprattutto al Sud, il settore olivicolo ... ha fatto passi da gigante solo negli ultimi 20 anni ", ha detto Caruso, riferendosi in particolare all'estrazione, allo stoccaggio e all'imballaggio dell'olio.

In Tunisia, alcuni produttori di petrolio avvertono che i metodi tradizionali della nazione sono utili.

"Questa è una benedizione ", ha detto Zena Ely-Séide Rabia, una boutique di olio di 34 anni. Ad esempio, ha detto, raccogliere le olive a mano fa bene al frutto mentre le macchine possono ammaccare le olive.

Un altro vantaggio dei metodi tradizionali della Tunisia è che c'è un uso molto limitato di pesticidi o erbicidi, rendendo il paese ben noto per il suo olio biologico, ha detto.

"Tra 30, 40 anni sarei piuttosto triste francamente se finissimo con uno stile di produzione industrializzato ", ha detto.

La raccolta delle olive è parte integrante della vita rurale. "Lavorano da un posto all'altro ”, ha detto Ely-Séide Rabia degli olivicoltori. "È il tessuto delle comunità rurali. Le loro vite ruotano attorno a queste produzioni ".

Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times

Pertanto, la Tunisia deve sia modernizzare, sia mantenere le sue tradizioni. "È un equilibrio delicato. "

Ed è tutt'altro che chiaro quanto velocemente la Tunisia vorrà cambiare o può farlo. "È una produzione familiare, non è industriale come la Spagna ", ha detto Mseddi Moncef, un olivicoltore di 70 anni di Sfax che ha circa 400 alberi.

Molti oliveti sono come i suoi: è improbabile che le piccole attività a conduzione familiare cambino rapidamente. E c'è resistenza all'idea di concentrare gli sforzi sulla produzione di più petrolio per le esportazioni.

Un venditore di petrolio nel Marché Central di Tunisi ha scosso la testa al suggerimento che la Tunisia dovrebbe fare più passi per migliorare il suo petrolio per i mercati di esportazione.

"L'esportazione non è così buona per noi. È buono per i ricchi ", ha detto Adel Ben Ali. Vende olio in bottiglie di plastica da un litro.

Ha assaggiato un po 'dell'olio che vende da un contenitore di alluminio. Era un ottimo olio, ha detto: "È naturale così. Come possiamo migliorarlo? Più raffinato? ”Scosse la testa. "No. Va bene così. "


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti