` L'olio d'oliva permea il tessuto sociale greco nel momento del bisogno - Olive Oil Times

L'olio d'oliva permea il tessuto sociale greco nel momento del bisogno

Febbraio 15, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le sfide del raccolto, i prezzi ei mercati internazionali e nazionali tendono ad essere le preoccupazioni prevalenti nel settore dell'olio d'oliva greco.

Tuttavia, ci sono molti altri modi in cui l'olivo svolge un ruolo nella società greca, al di fuori dei confini aziendali.

In Creta, i beneficiari del programma di servizi sociali di Heraklion hanno ricevuto olio d'oliva gratuito attraverso un negozio di alimentari locale.

Le olive sono state raccolte da circa 1,300 ulivi del comune da cittadini appartenenti a gruppi sociali vulnerabili. I vantaggi del programma erano duplici: i partecipanti hanno ottenuto un impiego retribuito e hanno fornito al negozio della comunità olio d'oliva fresco locale.

Vedi anche: Pittore greco dedica il murale di Atene alla storia della produzione di olio d'oliva

Sulla terraferma greca, nel Peloponneso meridionale, il club di caccia Gytheio acquistava olio d'oliva dai frantoi locali e lo offriva alle famiglie bisognose di cibo e altri beni essenziali.

Un'iniziativa simile ha avuto luogo a Etoliko, nella parte occidentale della Grecia continentale. L'associazione locale dell'olio d'oliva ha donato parte dell'olio d'oliva della stagione a centri di assistenza sociale e istituzioni sociali.

Oltre al loro contributo sostanziale al settore agricolo greco, gli ulivi hanno anche dotato il paese di benefici ambientali ed estetici.

A Egaleo, un comune dell'area metropolitana di Atene, quattordici ulivi centenari mal posizionati sono stati trasferiti dal boschetto comunale e ripiantati in altri punti dell'area metropolitana per sviluppare meglio ed esibire il loro simbolismo e importanza per l'ambiente.

"L'olivo è un simbolo del nostro paese, storia e cultura", Ha detto il sindaco di Egaleo, Yiannis Gkikas. "Abbiamo già piantato piccoli ulivi nei luoghi del centro. Ora, abbiamo preso un'importante iniziativa di reimpianto e coltivazione di ulivi centenari nella nostra città, per preservare una parte preziosa della natura ".

"Allo stesso tempo, eleviamo la nostra città e miglioriamo il suo tessuto urbano ", ha aggiunto. "I cittadini ora cammineranno in modo più armonioso per la città ".

Piantare ulivi può anche essere una soluzione per gli agricoltori che desiderano diversificare il proprio portafoglio di colture.

Nella regione montuosa di Trikala, nella Grecia centrale, cotone e grano sono i prodotti agricoli di base. Tuttavia, gli uliveti esistenti vengono ampliati. Lo scorso anno sono stati piantati circa 100 ettari di olivi, portando la copertura totale degli olivi nella regione a circa 1,400 ettari.

Si prevede che l'area produrrà circa 300 tonnellate di olio d'oliva in questa stagione, una frazione della resa dei territori di produzione tipici del paese, ma comunque una produzione sostanziale per i produttori locali.

Secondo Alexandros Papahatzis, professore di arboricoltura all'Università della Tessaglia, coltivazione dell'olivo è diventato sempre più attraente per gli agricoltori locali.

Gli agricoltori sono alla ricerca di una coltura tradizionale longeva che si adatti anche al microclima della zona, che ha vissuto inverni sempre più caldi a causa del cambiamento climatico.

Le cultivar di oliva tipiche della zona sono Megaritiki e Konservolia, con i frutti di quest'ultima utilizzati oliva da tavola anche la produzione.

Tuttavia, Papahatzis ha consigliato agli agricoltori di rivolgersi a cultivar di olivo più resistenti alle temperature più basse, come la Maronia, originaria della zona settentrionale di Komotiniand, e le varietà Serres Leykolia. Quest'ultimo può sopportare anche il peso della neve grazie ai suoi rami pendenti e flessibili.

Oltre ai coltivatori, anche i nuovi uliveti possono giovare all'ambiente, come ha dimostrato un'azienda olivicola sull'isola di Lesbo.

Vicino alla cittadina di Sigri, un'area precedentemente arida è stata trasformata in una vasta fattoria di 40,000 ulivi, che comprende dodici varietà di olive greche e altre varietà mediterranee sul lato occidentale dell'isola.

I dintorni di Sigri sono rocciosi e le querce esistenti erano state abbattute per la legna da ardere prima che Antonis Tripintiris decidesse di avviare il suo oliveto sul terreno roccioso e asciutto.

"Abbiamo molto sole, ma abbiamo anche pioggia ”, ha detto Tripintiris. "Abbiamo piantato gli ulivi scavando letteralmente la roccia e abbiamo usato il compost di alghe e il letame organico del bestiame come fertilizzante. Allo stesso tempo, abbiamo creato biodiversità nella nostra fattoria con fichi, mandorli, melograni e persino palme ".

"I 40,000 ulivi della nostra fattoria controbilanciano l'impronta di carbonio di 2,000 persone ", ha aggiunto. "Riducono le emissioni di gas serra e le loro radici proteggono il suolo dall'erosione. L'ombra degli alberi riduce la temperatura atmosferica e tempera l'intensità del vento. Il suolo diventa fertile, rigenerando flora e fauna del nostro villaggio ".

A volte i professionisti del settore dell'olio d'oliva relegano le loro operazioni commerciali e accendono i riflettori su altre questioni importanti che derivano dalle circostanze prevalenti come la pandemia di coronavirus di lunga durata.

Prodromos Saliagkas di OlixOil ha fissato le priorità dell'azienda per rispondere alle esigenze del tempo. "La nostra filosofia, come azienda, è soddisfare le esigenze di tutti i nostri clienti in tutto il mondo ", ha detto Saliagkas Olive Oil Times.

"Vogliamo far conoscere loro i sapori greci che sono stati elogiati in tutto il mondo e poter godere dei benefici della migliore dieta del mondo, il Mediterraneo. In questi tempi difficili, tuttavia, è la nostra massima priorità proteggere le nostre persone, internamente ed esternamente, rimanere al sicuro e in salute, mentre allo stesso tempo continuare ad essere pienamente operative in tutti gli aspetti del business ", ha aggiunto.

Saliagkas ha affermato che, a causa delle condizioni, parte della loro attività è stata trasferita online. È stato lanciato un e-shop per il loro olio extravergine di oliva Ladelia, a Vincitore del Silver Award nell'edizione 2020 del NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Consideriamo nostra responsabilità e dovere continuare a offrire i nostri servizi e fornire prodotti freschi e sani come un piccolo contributo a questa grande lotta globale ", ha concluso.





Related News

Feedback / suggerimenti