`Membro della Banca Mondiale fornirà ai piccoli coltivatori tunisini servizi di consulenza e formazione - Olive Oil Times

Membro della Banca Mondiale fornirà ai piccoli coltivatori tunisini servizi di consulenza e formazione

Giu. 29, 2021
Lisa Anderson

Notizie recenti

La International Finance Corporation (IFC) ha annunciato all'inizio di questo mese di aver approvato un prestito di 22 milioni di euro al produttore ed esportatore di rinfuse tunisino, il Cho Group.

Insieme al prestito, il membro del gruppo della Banca mondiale con sede negli Stati Uniti ha affermato che si impegnerà ulteriormente a fornire ai coltivatori su piccola scala all'interno della catena di approvvigionamento del produttore servizi di consulenza.

Sostenere un'azienda come Cho e le migliaia di agricoltori che fanno affidamento su di essa per il proprio sostentamento contribuirà a creare posti di lavoro e a riaccendere la crescita economica mentre la Tunisia si riprende dal Covid-19.- Georges Joseph Ghorra, rappresentante della Tunisia, IFC

L'IFC fornirà anche formazione sulle pratiche sostenibili ai produttori più piccoli tra la catena di approvvigionamento di Cho di 144,000 agricoltori per aumentare la produzione e ridurre l'impatto di eventi meteorologici estremi.

Un rapporto della Banca Mondiale del 2018 ha osservato che cambiamento climatico, con conseguente aumento delle temperature e precipitazioni sporadiche, rende la Tunisia più soggetta a siccità.

Vedi anche: Il Regno Unito riduce le tariffe sulle importazioni di olio d'oliva tunisino dopo la firma dell'accordo commerciale

Le scarse precipitazioni hanno contribuito al crollo della resa dell'olio d'oliva tunisino da a 350,000 tonnellate da record per la stagione 2019/2020 ad an stimato 140,000 tonnellate l'anno di coltivazione successivo.

L'iniziativa di formazione IFC segue la scia dei recenti tentativi di promuovere l'olio d'oliva tunisino sulla scena mondiale, digitalizzando le autorizzazioni all'esportazione ed etichettando gli oli esportati per indicarne distintamente l'origine.

Tunisia e Turchia sono i due maggiori produttori di olio d'oliva al di fuori dell'Unione Europea. Quest'ultimo è il più grande esportatore mondiale di olio d'oliva biologico, tuttavia la consapevolezza globale del loro petrolio è relativamente bassa a causa della maggior parte delle loro esportazioni che arrivano alla rinfusa.

"Sostenere un'azienda come Cho e le migliaia di agricoltori che fanno affidamento su di essa per il proprio sostentamento contribuirà a creare posti di lavoro e a riaccendere la crescita economica mentre la Tunisia si riprende dalla Covid-19”, ha detto a proposito del prestito Georges Joseph Ghorra, rappresentante residente dell'IFC in Tunisia.

Cho, che è l'unico fornitore di olio d'oliva sfuso per ristoranti di Costco, fornisce anche olio d'oliva sfuso a varie industrie. I loro marchi Terra Delyssa e Origin 846 hanno vinto tre Silver Awards quest'anno NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Questa partnership con IFC aiuterà Cho a crescere e promuovere ulteriormente il nostro marchio, Terra Delyssa, creando opportunità nelle regioni che ne hanno più bisogno", ha affermato Rym Makhloufi, vicedirettore generale dell'azienda.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti