California Olive Ranch

The Olive Oil Commission of California ha annunciato nuovi requisiti obbligatori di etichettatura per i grandi produttori dello stato, che hanno lo scopo di informare meglio i consumatori sulla provenienza e qual­ity of the olive oils stanno acquistando.

I produttori californiani con una produzione di galloni 5,000 o più all'anno dovranno ora fornire "prove tecniche" al fine di supportare i dati meglio selezionati per data, aggiungere raccomandazioni di conservazione alle loro etichette e aderire a requisiti più rigorosi quando si usano frasi come e simile a "Made in California" o "California Olive Oil".

Più le persone istruite diventano, più leggeranno le etichette. Maggiori informazioni dovrebbero richiedere prezzi più alti.- Richard Meisler, comproprietario San Miguel Olive Farm

L'OOCC ha affermato che i produttori devono utilizzare le loro olive coltivate in California con una percentuale di 100 nei loro oli per utilizzare etichette che dichiarano o implicano direttamente che l'olio d'oliva è stato prodotto o prodotto in California.

Per aiutare a differenziare questi oli prodotti in California dai concorrenti, l'OOCC ha anche annunciato che è diventato un membro della Buy California Marketing Agreement, che consentirà ai produttori che aderiscono ai criteri di cui sopra di utilizzare il logo "CA GROWN" sui propri prodotti.

Guarda anche: California Olive Oil News

"Le recenti misure adottate dall'OCSE sono uno sforzo per migliorare ulteriormente l'esperienza di acquisto dei consumatori fornendo loro ulteriori informazioni sulla loro decisione di acquisto California olive oil, "Brady Whitlow, il presidente di Corto Olive e presidente dell'OOCC, ha dichiarato in un comunicato stampa.

Richard Meisler, il comproprietario di San Miguel Olive Farm, Ha detto Olive Oil Times che accoglie con favore la maggior parte delle modifiche apportate dall'OOCC e include già molte delle nuove informazioni sulle sue etichette.

"Le persone più istruite diventano, più leggeranno le etichette", ha detto. "Ulteriori informazioni dovrebbero richiedere prezzi più elevati."

Meisler, che produce olio extra vergine di oliva prodotto interamente da olive coltivate nella sua tenuta sulla costa centrale, ha aggiunto che i nuovi requisiti di etichettatura per quanto riguarda la provenienza erano importanti per la commercializzazione di oli di oliva prodotti localmente.

In base ai nuovi requisiti OOCC, olive oil labels quella menzione di una specifica regione della California deve avere il 85 percento delle olive utilizzate per produrre l'olio coltivato in quella regione. Inoltre, le etichette che menzionano una specifica azienda devono contenere il X% X% delle loro olive coltivate in quella proprietà e il produttore dell'olio deve possedere o controllare la proprietà.

"Abbiamo Central Coast sulle nostre etichette", ha detto Meisler. "Estate sarà sulla mia etichetta per questo raccolto in arrivo."

L'unica parte di questi nuovi standard con cui Meisler non è d'accordo è che i produttori più piccoli non devono seguire gli stessi standard.

"[Questi nuovi requisiti] sono pensati per 5,000-gallone o più produttori", ha affermato. “Ci sono molti che non producono questa quantità. Credo che anche loro dovrebbero essere sotto gli stessi orientamenti. "

"[Può] costare un po 'di più per il produttore, ma i prodotti salutari sono molto importanti", ha aggiunto Meisler.

Malcolm Bond, il comproprietario di Bondolio, concorda anche con la maggior parte delle nuove regole di etichettatura. Disse Olive Oil Times che si aspetta che le nuove regole sulla provenienza lo aiuteranno a promuovere meglio il suo marchio.

"Sono d'accordo, se stai dicendo che il tuo olio è" California Olive Oil ", deve contenere 100 percento di olive in California", ha detto Bond. "Soprattutto nelle coltivazioni immobiliari, penso che debba essere coltivato per il 100 percento. Credo che aiuterà il nostro marchio. "

Tuttavia, Bond ha affermato di non essere d'accordo con le nuove regole relative all'aggiunta delle date di scadenza alle etichette. Ha citato confusione tra gli altri coltivatori su come determinare la data di scadenza e ha affermato che preferisce utilizzare la data di raccolta.

"Ho sentito che alcune persone useranno un anno dalla data del raccolto e altre useranno 18 mesi", ha detto. "Abbiamo sempre usato sulle nostre bottiglie la data del raccolto".

L'OOCC ha affermato che i nuovi requisiti relativi alle date di scadenza hanno lo scopo di informare meglio i clienti per quanto tempo un olio extra vergine di oliva mantiene la sua qual­ity stan­dards se conservato correttamente. Secondo la Commissione, i documenti di orientamento sono stati forniti ai produttori per aiutare a determinare con precisione la migliore durata di conservazione.

"La commissione consente ai produttori di scegliere un metodo" best by "per stimare la shelf life tra diversi metodi che sono stati sottoposti a revisione paritaria nella letteratura scientifica globale", Dan Flynn, direttore esecutivo del UC Davis Olive Center, Ha detto Olive Oil Times.

In un recente rapporto l'Olive Center ha valutato tutte le misure fornite nei documenti di orientamento per il COAC.

"L'assicurazione" best by "della California stabilisce uno standard che potrebbe diventare un modello a livello internazionale", ha concluso Flynn.



Commenti

Altri articoli su: , , , , , ,