L'Europa introduce nuove politiche climatiche e ambientali

In base al nuovo regime, gli olivicoltori possono rappresentare un importante ingranaggio nella ruota del settore agricolo europeo fornendo feedback per migliorare le pratiche agricole e di sostenibilità.

Il raggiungimento della neutralità del carbonio è in cima all'elenco delle principali priorità del nuovo Commissario europeo.
Dicembre 11, 2019
Di Costas Vasilopoulos
Il raggiungimento della neutralità del carbonio è in cima all'elenco delle principali priorità del nuovo Commissario europeo.

Notizie recenti

Il Unione europea ha preparato un pacchetto di nuove politiche e regole in materia di clima e ambiente, che potrebbero essere attuate nel contesto dell'iniziativa del Green Deal europeo se i piani saranno approvati.

Il pacchetto di riforme rispettose dell'ambiente è programmato per essere presentato al pubblico dal nuovo presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, il 11 di dicembre.

Gli olivicoltori possono aiutare identificando le pratiche agricole che possono migliorare per prevenire l'erosione del suolo e l'abuso di acqua; offrire più rifugi e raccogliere in sicurezza per la fauna selvatica; ridurre l'uso di prodotti chimici per l'agricoltura o immagazzinare più carbonio nei suoli.- Jabier Ruiz, Senior Policy Officer, Agriculture and Food, del WWF European Policy Office

Secondo una prima bozza di proposta delle nuove politiche, il primo e più importante obiettivo della nuova strategia è quello di raggiungere "neutralità climatica "entro il 2050. Ciò si traduce in zero emissioni di gas serra dagli Stati membri dell'UE entro quell'anno, che riguarda principalmente i gas emessi dalla combustione di combustibili fossili.

La neutralità climatica significa che tutte le emissioni di carbonio dovrebbero essere controbilanciate dal sequestro del carbonio, che è il processo di rimozione e stoccaggio dell'anidride carbonica dall'atmosfera.

Vedi anche: Notizie di sostenibilità

Il sistema cap-and-trade che consente la vendita e l'acquisto di emissioni di gas industriali all'interno degli Stati membri dell'Unione (più Islanda, Norvegia e Liechtenstein) sarà esteso anche al settore marittimo.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

In anticipo, Bruxelles valuterà la possibilità di aggiungere le emissioni del trasporto stradale al sistema di scambio, intenzione respinta dagli ambientalisti, molti dei quali affermano che l'estensione della misura consentirà alle case automobilistiche di ridurre i loro sforzi e costi nella produzione più rispettosa dell'ambiente- veicoli amichevoli.

Per quanto riguarda il settore agricolo, l'UE intende adottare "una cassetta degli attrezzi per alternative ai pesticidi ”e migliorare le norme esistenti sui dati alimentari e etichettatura per informare meglio i consumatori.

Jabier Ruiz, Senior Policy Officer, Agriculture and Food, dell'Ufficio Politiche Europee della World Wildlife Foundation Olive Oil Times che il Green Deal dell'UE potrebbe portare a qualcosa di più sostenibilità nel settore alimentare europeo.

"In termini di agricoltura, guardiamo al Green Deal europeo per aiutare la transizione verso sistemi alimentari sostenibili nell'UE, ad esempio, proponendo una strategia a lungo termine per guidare la strada ", ha detto Ruiz.

Ha inoltre individuato il ruolo importante che gli olivicoltori potrebbero svolgere nel nuovo regime attraverso il loro feedback in parti cruciali del loro lavoro e ha riconosciuto la necessità di premiare i loro sforzi e contributi.

"Gli olivicoltori possono aiutare identificando le pratiche agricole a cui possono migliorare prevenire l'erosione del suolo e uso eccessivo di acqua; offrire più rifugi e raccogliere in sicurezza per la fauna selvatica; ridurre l'uso di prodotti chimici per l'agricoltura o immagazzinare più carbonio nei suoli ", ha affermato. "Le politiche pubbliche devono essere utilizzate per premiare gli agricoltori che fanno il possibile ".

Il pacchetto include anche un nuovo motto per l'ambiente, chiamato "un giuramento verde: non fare del male ”, con l'obiettivo di eliminare "legislazione incoerente che riduce l'efficacia nell'attuazione del Green Deal ".

Tuttavia, non tutti gli Stati membri dell'UE hanno accettato la nuova strategia per il clima da sdraiati.

La Polonia, l'Ungheria e la Repubblica Ceca si sono opposte al piano affermando che l'obiettivo di zero emissioni del 2050 danneggerà irreparabilmente le loro economie a causa della loro estesa dipendenza dai combustibili fossili.

Al contrario, un gruppo di 10 Stati membri, inclusi paesi come Francia, Danimarca, Svezia e Spagna, hanno chiesto alla Commissione europea di a "direzione chiara "verso un obiettivo di emissioni nette zero.

Un vertice dei leader degli Stati membri dell'UE è fissato per il 12 e 13 dicembre a Bruxelles, dove verranno discusse le nuove politiche climatiche e ambientali. È necessario un accordo unanime dei leader affinché le nuove politiche e regole siano formalizzate all'interno dell'UE





Related News

Feedback / suggerimenti