L'Italia approva un fondo da 300 milioni di euro per combattere Xylella

Meglio tardi che mai, il governo italiano finanzierà un piano da 300 milioni di euro per combattere la Xylella fastidiosa attraverso l'eradicazione, il reimpianto, la ricerca e il restauro.

Ministro dell'agricoltura Teresa Bellanova
Gennaio 31, 2020
Di Paolo DeAndreis
Ministro dell'agricoltura Teresa Bellanova

La lotta in corso contro il Xylella fastidiosa l'infezione nella regione Puglia in Italia potrebbe aver raggiunto un punto di svolta.

Il 29 gennaio, la Conferenza Stato-Regioni ha approvato un piano per l'impiego di € 300 milioni ($ 332 milioni) nei prossimi due anni sia come compensazione per gli agricoltori sia come progetti per ripristinare il produzione di olio d'oliva capacità della regione pur contenendo anche la diffusione della malattia.

Abbiamo bisogno di una burocrazia rapida ed efficiente per consentire agli agricoltori di ricostruire il loro futuro.- Savino Muraglia, presidente Coldiretti per la Puglia

Tali fondi sono stati fortemente richiesti dalle autorità locali e dagli agricoltori e fanno parte di ciò che è considerato un "piano di intervento straordinario”Progettato dal Ministero dell'Agricoltura negli ultimi mesi.

"Per ripristinare l'olivicoltura e l'agricoltura, abbiamo bisogno di agricoltori che possano investire, sostenere il reimpianto, diversificare i loro oliveti e lavorare a stretto contatto con l'industria della trasformazione e le imprese di marketing ", ha affermato Teresa Bellanova, ministro dell'agricoltura.

Vedi anche: Xylella fastidiosa Notizie

La maggior parte di questi fondi sarà assegnata agli olivicoltori che hanno subito l'infezione e hanno perso molti dei loro alberi su un'area di 750,000 ettari (1.85 milioni di acri).

pubblicità

Il governo regionale aveva chiesto che tutti i fondi fossero destinati agli agricoltori, ma il governo centrale ha deciso di tenere conto anche della ricerca scientifica e delle spese necessarie per i progetti finalizzati al ripristino della produzione di olio d'oliva.

Gli alberi colpiti sono stati rimossi in questi ultimi anni e tutti gli uliveti vicini che hanno dovuto essere distrutti per rallentare il diffusione dell'infezione sarà sostituito da diverse varietà di olivi, quelle che sono considerate immuni dai batteri Xylella.

Una sostanziale mancanza di coordinamento e accordo tra le diverse istituzioni in Italia, sia a livello centrale che locale, è ampiamente ritenuta la causa principale del ritardo nell'intervento contro Xylella.

Coldiretti, l'associazione degli agricoltori, ha recentemente sottolineato questo "dal 2013, quando la Xylella fastidiosa è stata trovata in un ulivo a Gallipoli, la malattia si è diffusa mentre non è stata applicata alcuna strategia efficace per contenere i batteri. Ora Xylella è andata a nord, da Lecce a Brindisi e Taranto. ”

"Ora, la regione Puglia deve agire e rimediare a quei ritardi ", ha detto il presidente della Coldiretti per la Puglia, Savino Muraglia. "Abbiamo bisogno di una burocrazia rapida ed efficiente per consentire agli agricoltori di ricostruire il loro futuro ".

Sia i funzionari del governo centrale e locale, sia i contadini, sottolineano ora l'importanza di muoversi rapidamente e di eseguire il piano.

Negli ultimi mesi, nuove prove preoccupanti della diffusione della malattia sono state trovate in Francia, Spagna, Portogallo e Germania.

L'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) ammette che non esiste un'unica politica di proiettile che può contenere Xylella, ma ci sono una serie di misure che i governi locali e centrali possono adottare per contenere la diffusione.





Related News