Questa settimana l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) presenta i risultati dei loro progetti di ricerca su Xylella fas­tidiosa alla seconda conferenza scientifica sulla ricerca in corso su questo patogeno.

La conferenza, organizzata congiuntamente dall'EFSA e che si terrà nella capitale corsa di Ajaccio, offre ai partecipanti l'opportunità di conoscere le ultime ricerche internazionali sull'argomento e di trovare modi per collaborare.

Vengono presentati e discussi i risultati più recenti della ricerca su rilevamento e sorveglianza, strategie di gestione sostenibile, vettori di insetti e altro.

Ricerche precedenti pubblicate dall'EFSA e dal Centro comune di ricerca della Commissione europea (JRC) poco più di due settimane fa, hanno concluso che l'impatto stimato di Xylella è di oltre € 5.5 miliardi di euro all'anno.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che la Xylella, se dovesse diffondersi in tutta l'UE, potrebbe influenzare il 70 percento del valore della produzione dell'Unione di olivi più vecchi di 30 anni e il 35 percento degli alberi più giovani. È stato stimato che ciò potrebbe mettere a rischio i lavori di 300,000 nel settore olivicolo in Europa.

Altri progetti finanziati dall'UE, tra cui organismi nocivi che minacciano l'Europa (POnTE), XF-ACTORS, CURE-XF ed EuroXanth, stanno partecipando alla conferenza di questa settimana.



Altri articoli su: ,