La nuova legislazione mira a limitare l'uso di `` California '' sulle etichette dell'olio d'oliva

I sostenitori dell'Assembly Bill 535 affermano che proteggerà i coltivatori della California da pratiche commerciali sleali. I detrattori ritengono che il disegno di legge punisca i grandi produttori e sia incostituzionale.
California Olive Ranch
Marzo 16, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Nuova legislazione è stato presentato all'Assemblea dello Stato della California che rafforzerebbe le restrizioni sull'uso della parola "California " etichette di olio d'oliva, nelle campagne di marketing e dai marchi.

Le leggi esistenti nello stato, che è responsabile praticamente di tutte le produzione di olio d'oliva negli Stati Uniti, già vietano l'uso del termine "California olive oil ”sulle etichette in cui il contenuto non è stato prodotto da olive coltivate al 100% in California.

È ora che impediamo alle persone di trarre profitto dal nostro nome dando l'impressione che i consumatori stiano ottenendo qualcosa che non sono.- Cecilia Aguiar-Curry, membro, California State Assembly

Tuttavia, la nuova legislazione fa un ulteriore passo avanti. Vieta l'uso di "Olio d'oliva della California ", "Olive della California "o altri termini simili in nomi di marchi, etichette di prodotti, materiale di imballaggio, carta intestata aziendale, fatture, biglietti da visita, segni e altro materiale orale, scritto o stampato associato a prodotti che non sono prodotti al 100% da olive coltivate in California.

Il disegno di legge applicherebbe anche restrizioni simili per gli oli d'oliva prodotti in alcune regioni dello stato a meno che l'85% dell'olio d'oliva (in peso) non fosse stato prodotto nella regione nominata.

Vedi anche: Costco è pronto per la ripresa del consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti

"Ciò è in risposta alla crescente svalutazione dell'olio extravergine di oliva della California da parte di California Olive Ranch 'i prodotti che cinicamente e con false rappresentazioni portano il nome California marchiato sull'etichetta per dare ai consumatori l'impressione che l'olio d'oliva provenga dalla California, spingendoli a comprare qualcosa che non è, ma piuttosto da paesi stranieri ", Alan Hilburg, il fondatore di la California Coalition for Truth in Olive Oil Labelling (CCTOOL), ha detto Olive Oil Times.

"L'AB-535 è semplicemente progettato per porre fine alle pratiche fuorvianti e livellare il campo di gioco, ritenendo responsabili coloro le cui azioni sminuiscono e svalutano il marchio californiano ", ha aggiunto. "L'approvazione di questo disegno di legge farà molto per proteggere l'integrità del marchio della California e iniziare una nuova era di fiducia [nell'olio d'oliva della California] ".

Il disegno di legge 535 dell'Assemblea è stato introdotto per la prima volta all'inizio del 2020 dalla deputata Cecilia Aguiar-Curry, ma è stato presentato dopo l'inizio del Pandemia di COVID-19 e reintrodotto il mese scorso.

"Questo disegno di legge garantirà che i consumatori sappiano esattamente cosa stanno acquistando e aiuterà a sostenere i nostri agricoltori locali che producono oli di classe mondiale da olive coltivate qui nel nostro stato ", ha detto Aguiar-Curry in un comunicato stampa. "È ora che impediamo alle persone di trarre profitto dal nostro nome dando l'impressione che i consumatori stiano ottenendo qualcosa che non sono ".

Aguiar-Curry rappresenta il quarto distretto dell'assemblea statale della California, che comprende diverse importanti regioni olivicole. Hilburg stima che nel suo distretto si trovino tra 150 e 200 olivicoltori.

Il disegno di legge è attualmente in attesa di una votazione in commissione agricoltura e salute prima di tornare in aula per una votazione completa. Hilburg, che ha seguito da vicino il processo, ha affermato che è probabile che il disegno di legge venga approvato con il sostegno bipartisan e che il governatore Gavin Newsom potrebbe firmarlo prima della fine dell'anno.

Tuttavia, il processo è tutt'altro che finito. Michael Fox, il CEO di California Olive Ranch (COR), detto Olive Oil Times che lui e altri produttori sui quali la legislazione avrà un impatto negativo intendono combatterla.

"Questo è un attacco diretto al California Olive Ranch ", ha detto Fox. "Fondamentalmente, riteniamo che l'AB-535, come attualmente redatto, violi i diritti federali esistenti del Primo Emendamento sul discorso commerciale, e siamo fiduciosi che ci siano diversi argomenti legali molto forti che ne contestano la costituzionalità ".

L'ex dirigente di PepsiCo e Safeway ha aggiunto che crede che il disegno di legge punisca i grandi produttori e potrebbe "ha un impatto negativo su centinaia di posti di lavoro in tutto lo stato ".

Milad Emam, un avvocato presso l'Institute for Justice, uno studio legale di interesse pubblico libertario senza scopo di lucro, concorda sul fatto che AB-535 è incostituzionale.

"Se la California emanasse l'AB-535, i requisiti di etichettatura dell'olio d'oliva del disegno di legge sarebbero incostituzionali ", ha affermato. "Le etichette dell'olio d'oliva regolamentate dall'AB-535 non sono fuorvianti quando identificano in modo evidente la regione di origine del loro prodotto ".

Al centro della questione ci sono prodotti come il marchio Global Blend di COR (formalmente noto come Serie di destinazione), prodotto con olive coltivate in Argentina, California, Cile e Portogallo.

affari-nord-america-nuova-legislazione-mira-a-limitare-l'uso-delle-etichette-dell'olio-d'oliva-california-tempi-dell'olio-d'oliva

California Olive Ranch sostiene che i loro marchi miscelati sono differenziati dal loro olio d'oliva californiano al 100%.

Hilburg sostiene che questo marchio non lo fa "identificare in modo evidente ”l'origine dei loro prodotti. Ha affermato che i consumatori abituali non possono leggere facilmente la stampa più piccola sulle etichette che identifica le origini della bottiglia, ma possono facilmente vedere la più grande "California ”stampato nella parte superiore dell'etichetta.

Secondo Emam, ci sono diversi precedenti stabiliti da casi precedenti che proteggono nomi di marchi e marchi aziendali dall'essere limitati dalla legislazione. Ha aggiunto che il passaggio di AB-535 costituirebbe un pericoloso precedente.

"Oltre ad essere incostituzionali, le restrizioni alla parola in AB-535 costituirebbero un esempio pericoloso ", ha detto Emam. "Proprio come i consumatori ragionevoli sanno che il Kentucky Fried Chicken ha prodotti fritti al di fuori del Kentucky, sanno che l'olio d'oliva con 'La California 'in un marchio a volte consiste di olive fuori dallo stato ".

Tuttavia, i membri di CCTOOL affermano che la vendita di oli d'oliva importati in una bottiglia etichettata in modo evidente con "California "riduce i loro prodotti. Sostengono che questi oli d'oliva miscelati sono prodotti a prezzi inferiori al 100 percento Olio d'oliva californiano mentre implica fortemente che si tratta di un prodotto della California.

"Sta commerciando nella nostra regione e nel nome con un prodotto che non è nemmeno vicino alla maggioranza della nostra regione e mina tutti noi che stiamo cercando di fare affari e promuovere il nostro prodotto come olio extravergine di oliva della California ", Greg Traynor, co- proprietario di Ranch 43, Ha detto Olive Oil Times.

Ha aggiunto che, aneddoticamente, molti consumatori con cui parla durante i tour del mulino e le degustazioni di olio d'oliva al 43 Ranch presumono che la serie di destinazione sia stata realizzata con olive coltivate in California. Per Traynor, questo malinteso esemplifica la necessità dell'AB-535.

Fondamentalmente, riteniamo che l'AB-535, come attualmente redatto, violi i diritti federali esistenti del Primo Emendamento sul discorso commerciale e siamo fiduciosi che ci siano diversi argomenti legali molto forti che ne contestano la costituzionalità.- Michael Fox, CEO, California Olive Ranch

Fox non è d'accordo con CCTOOL e Traynor su questi punti e ha sottolineato che il marchio Global Blend di COR - che rappresenta circa il 70 percento delle vendite di olio d'oliva dell'azienda - è accuratamente etichettato e conforme a tutta la legislazione esistente in vigore per prevenire false pubblicità.

"Non stiamo dando ai consumatori abbastanza credito ", ha detto. "Lo abbiamo testato con i consumatori e condotto una ricerca sui consumatori che mostra che il 90% dei consumatori può comprendere la differenza tra la nostra bottiglia California al 100% e la nostra bottiglia Global Blend. I consumatori lo capiscono. "

Citando la ricerca di mercato di IRI / SPINS, Fox ha affermato che nei due anni in cui la miscela globale di COR è stata sul mercato, gli articoli etichettati come olio extravergine di oliva californiano al 100% sono cresciuti in volume del 315% e sono il 116% più costosi del oli extra vergini di oliva dei principali importatori, in aumento dal 96 percento a gennaio 2019.

"Non ci sono dati che illustrino che prodotti accuratamente etichettati come il nostro Global Blend abbiano avuto un impatto negativo sui più ampi produttori di olio extravergine di oliva della California e sui loro coltivatori ", ha affermato Fox.

Olive Oil Times non ha potuto confermare in modo indipendente questi dati e IRI / SPINS non ha risposto alle domande sul rapporto.

Vedi anche: I migliori oli di oliva degli Stati Uniti

Fox ha aggiunto che i produttori su larga scala, come COR, fanno affidamento sulla miscelazione di oli d'oliva importati con oli d'oliva della California per soddisfare la domanda del prodotto. Ha detto che COR è venduto in 29,000 negozi negli Stati Uniti e fa affidamento su oli d'oliva importati per mantenere il suo costoso spazio sugli scaffali, specialmente dopo i raccolti locali poveri, come il precedente.

"Dobbiamo avere la capacità di competere e questo ci consente la flessibilità di gestire gli anni ad alto rendimento e gli anni negativi ", ha detto Fox. "Questa linea è nata da un disastro del raccolto e l'anno scorso abbiamo avuto un anno fuori stagione peggiore di quanto ci piace e cambiamento climatico ha anche un impatto. "

"Dobbiamo essere in grado - dopo aver speso milioni di dollari per garantire lo spazio sugli scaffali dei supermercati - proteggere tale investimento e continuare a fornire olio d'oliva ai consumatori ", ha aggiunto. "Dovremmo essere autorizzati a competere in questo modo ".

Tuttavia, i membri ei sostenitori di CCTOOL sostengono che avere la parola "California "blasonato su una bottiglia di olio d'oliva per lo più importato non consente loro di competere in condizioni di parità.

"In California, siamo soggetti a normative molto più rigide, a una supervisione molto più rigorosa quando si tratta di come trattiamo i nostri lavoratori e di come utilizziamo acqua e pesticidi ", Samantha Dorsey, presidente di McEvoy Ranch e un membro di CCTOOL, ha detto Olive Oil Times. "Tutto ciò costa denaro e questo vale per ogni raccolto in California ".

"Ognuno di noi che coltiva raccolti in California, siamo orgogliosi del raccolto che coltiviamo e orgogliosi che sia un prodotto di alta qualità ", ha aggiunto. "I prodotti importati non sono soggetti alla stessa supervisione normativa e riducono completamente il lavoro che svolgiamo qui ".





Related News

Feedback / suggerimenti