Semplificare la scienza è l'obiettivo della nuova campagna di marketing degli Stati Uniti

In una conferenza in California, il Consiglio oleicolo internazionale ha presentato il suo piano per tradurre la ricchezza di benefici per la salute comprovati per il crescente consumo dei consumatori.

Vice direttore del Consiglio oleicolo internazionale, Jaime Lillo
Gennaio 22, 2018
Di Andrea Adleman
Vice direttore del Consiglio oleicolo internazionale, Jaime Lillo

Notizie recenti

Se l'obiettivo manifesto del Conferenza internazionale sull'olio d'oliva e la prevenzione delle malattie croniche era presentare scoperte scientifiche, l'obiettivo di fondo era quello di colmare il mondo con le parole.

La conferenza della California ha messo in mostra il lavoro di accademici europei e americani, che hanno riportato i loro ultimi studi sugli effetti dell'olio d'oliva sulla salute cardiovascolare, il cancro, il diabete, l'ictus, l'Alzheimer e altre malattie neurologiche e croniche.

Era il primo Consiglio oleicolo internazionale conferenza scientifica negli Stati Uniti dal 2001 e trampolino di lancio per una campagna di marketing di tre anni intitolata Olive Oil Promise.

"Il nostro scopo oggi è portare tutta la famiglia dell'olio d'oliva in California, nel cuore dell'olio d'oliva americano, per guardare al futuro e inviare un messaggio forte sulla promessa dell'olio d'oliva ", ha affermato Jaime Lillo, vicedirettore esecutivo del CIO .

A tal fine, gli scienziati sintetizzeranno le loro scoperte in un rapporto che informerà una campagna promozionale rivolta ai consumatori per educare il pubblico americano sul comprovato benefici per la salute dell'olio d'oliva.

"È così che possiamo colmare il divario tra accademici e consumatori ", ha affermato Lillo. "Crediamo che ci sia molto spazio per migliorare quando si tratta di conoscenza dei consumatori dei benefici per la salute ".

Secondo il CIO, i consumatori lo dicono ai ricercatori di mercato comprare olio d'oliva per motivi di salute, ma non è possibile completare la frase per rispondere "perché. ”Tra il grande pubblico c'è una diffusa inconsapevolezza dei benefici basati sui dati e scientificamente provati.

Quando la campagna Olive Oil Promise verrà lanciata a New York a giugno, il CIO afferma che segnerà l'inizio di uno sforzo concertato per aumentare il consumo degli Stati Uniti demistificando i benefici per la salute e definendo chiaramente la terminologia come extravergine, vergine, raffinato e spremuto a freddo che contribuiscono alla confusione.

L'obiettivo della campagna Olive Oil Promise, secondo il CIO, è quello di approfondire l'apprezzamento dell'olio d'oliva da parte dei consumatori comunicando i suoi benefici come salute, stile di vita e prodotto culinario.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


È una questione di scienza del confezionamento per profani, che traduce lo sconcertante polisillabismo di polifenoli in semplici frasi che hanno senso e vendite.

La campagna Olive Oil Promise arriva sette anni dopo un'altra iniziativa del CIO nel mercato statunitense che ha lasciato più di alcune promesse non mantenute. Il 2011 "Aggiungi un po 'di vita " Buttato fuori con un cocktail al Lincoln Center per food blogger durante la settimana della moda di New York. Nel 2013, il CIO ha ritenuto che la promozione di 18 mesi da 1.7 milioni di dollari fosse a "successo ”, sebbene i consumi statunitensi non siano quasi cambiati nel corso della campagna e pochi nel settore hanno ricordato di aver visto nascere attività promozionali.

Il direttore esecutivo del CIO all'epoca, Louis Barjol, disse che l'impatto sarebbe dipeso da "sinergia ”che si svilupperebbe se i produttori sfruttassero la campagna Add Some Life con le proprie iniziative. Ciò non è accaduto e il sito Web e i profili social della campagna erano inattivi.

Proprio come la campagna del 2011, l'approccio della nuova promozione sarà quello di mirare 'influencer con "eventi speciali e comunicazioni regolari ", ha affermato Wendy Lane Stevens, consulente per le pubbliche relazioni che lavora con il CIO. "Non vediamo l'ora di creare un database di persone interessate all'olio d'oliva, alla salute e al settore ", ha affermato, aggiungendo che i canali includeranno un sito Web, una newsletter, una pagina LinkedIn e un "database influencer. ”Il CIO non ha specificato pubblicamente il budget per la nuova campagna.

Gli Stati Uniti non sono membri del Consiglio oleicolo internazionale, ma sono il più grande importatore di olio d'oliva al mondo e lo sviluppo del mercato americano è stato a lungo una priorità per l'organizzazione intergovernativa con sede a Madrid.

L'UC Davis Olive Center ha ospitato la conferenza scientifica proprio come questa festeggiato il suo 10th anniversario.

Dan Flynn, fondatore e direttore esecutivo della UC Davis Olive Center, ho ricevuto l'ultima parola alla conferenza. Flynn ha lasciato i partecipanti con il consiglio di separazione di Ippocrate "fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. "

È possibile visualizzare un video della conferenza qui.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti