Affari

Campagna per l'olio d'oliva: una vita a New York

Settembre 14, 2011
By Curtis Cord

Notizie recenti

Potrebbe non essere molto da lavorare, ma con un assegno di $ 1.7 milioni da parte del Consiglio oleicolo internazionale, il persone che gestiscono la nuova campagna promozionale "Add Some Life" spero almeno di fare un po 'di olio d'oliva refrigeratore.

Quindi, in un "evento stampa" scarsamente frequentato, associato vagamente (cioè nella stessa città) con la Mercedes Benz Fashion Week a New York, i tipi di PR mischiavano cocktail EVOO lunedì e invitavano gli americani a vedere l'olio d'oliva alla moda.

Direttore esecutivo del CIO del primo anno Jean-Louis Barjol, facendo il suo terzo viaggio qui da quando ha iniziato il suo lavoro lo scorso gennaio, ha ritenuto gli Stati Uniti una "priorità assoluta" per gli sforzi promozionali della sua agenzia. Ma mentre Barjol ha definito il bilancio attuale semplicemente "un inizio" deve essersi chiesto quale effetto potrebbe avere un piccolo raduno di food blogger dietro il Lincoln Center alla fine sulle abitudini di consumo di olio d'oliva di 450 milioni di nordamericani.

Con una presentazione culinaria di un ristoratore pronto per la fiera di Miami, Michael Schwartz e un produttore di bevande all'olio d'oliva di nome Ryan Goodspeed che, con i suoi follower su 6 su Twitter, sembrava quasi essere stato creato appositamente per l'evento, i primi segnali che un il famoso "chef di celebrità" potrebbe essere accusato di divulgare l'olio d'oliva nel McDonalds Country, colpito da un checkpoint di realtà a New York.

Tuttavia, l'incontro ha segnato la prima incursione promozionale dell'agenzia internazionale sul mercato americano in oltre dieci anni, e ogni sforzo qui è una buona notizia tanto necessaria per i produttori del mondo stanchi da anni di prezzi dell'olio d'oliva storicamente bassi e formidabili sfide.

pubblicità

Nel proporre un legame tra olio d'oliva e alta moda, gli organizzatori della campagna sembrano sperare di poter innescare una scintilla virale tra gli influenzatori invece di scacciare la totale confusione dell'americano medio sull'olio d'oliva e le sue applicazioni pratiche.

E pur stabilendo il valore percepito dell'olio d'oliva aumentando le sue ineguagliabili qualità sensoriali, negli ultimi tempi è stato un punto d'incontro del settore New York e Cordova, la maggior parte dei potenziali consumatori è lontana dal Lincoln Center e ancor più lontana dalla comprensione della pertinenza della settimana della moda per le loro diete quotidiane.

Affiancato da commercianti EVOO di categoria A come Zabars, Mercato del fairwaye Dean e Deluca, i newyorkesi nell'Upper West Side usano già molto olio d'oliva e ne conoscono sicuramente più di chiunque altro a Davis, in California. Ma svanire a Wal Marts in Medio America può bruciare 1.7 milioni di dollari abbastanza velocemente, anche se alla fine potrebbe portare a una maggiore comprensione, apprezzamento e consumo di un alimento così importante.

pubblicità

Ma come i nuovi negozi di olio d'oliva spuntano in luoghi di trappole per turisti che distribuiscono bottiglie decorative di EVOO senza nome per 90 dollari al litro come curiosità esotiche, la passerella del Consiglio dell'Olive Council sembrava inviare un altro messaggio confuso in un momento in cui semplicità e valore reale potrebbe risuonare temi aspirazionali.