`I produttori andalusi di olio d'oliva affrontano il quarto anno consecutivo di perdite - Olive Oil Times

Produttori di olio di oliva andaluso che affrontano il quarto anno consecutivo di perdite

Agosto 11, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

I produttori di olio d'oliva dell'Andalusia stanno affrontando il loro quarto anno consecutivo in rosso avendo già accumulato una perdita di 600 milioni di euro ($ 851 milioni) con tre quarti del loro olio già venduti e solo due mesi fino alla chiusura della stagione alla fine di settembre.

L'organizzazione agraria spagnola COAG, la fonte della terribile stima, ha affermato che il totale potrebbe raggiungere gli 800 milioni di euro per il 2010-11, il che significherebbe che la perdita accumulata dopo i prezzi rovinosi degli ultimi quattro anni è stata di 2.5 miliardi di euro (3.5 miliardi di dollari).

Dall'inizio della stagione lo scorso 1 ottobre, i produttori dell'Andalusia, la principale regione spagnola di olio d'oliva, hanno venduto quasi 847,000 tonnellate, ma la quantità di olio immagazzinato è aumentata di un quarto in media nelle ultime quattro stagioni.

Sul lato positivo, COAG afferma che le esportazioni sono cresciute del 10% rispetto alla scorsa stagione e sono aumentate del 24% in media nei quattro anni precedenti, e la domanda interna è aumentata rispettivamente del 2% e dell'1%.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Ma ciò non è bastato a trasformare fortune nel settore perché i prezzi pagati ai produttori rimangono al di sotto dei costi. Il prezzo medio dell'olio extra vergine di oliva era di circa 2.00 € / kg all'inizio della stagione, ma da allora è crollato a 1.82 € / kg,

"Tutto ciò mostra, ancora un'altra volta, che il mercato dell'olio d'oliva è soggetto alla pressione dell'industria e delle grandi catene (di supermercati) che controllano la maggior parte delle transazioni di vendita e interrompono la legge della domanda e dell'offerta ", ha affermato COAG in un recente dichiarazione.

Rafael Civantos, un portavoce dell'olio d'oliva COAG, ha detto Il Paese che le cattive pratiche dei membri dell'industria dominante includevano l'uso di olio d'oliva come leader di perdita, aggirando le normative sul controllo di qualità e confondendo i consumatori attraverso l'etichettatura fuorviante dei prodotti.

COAG ha affermato che la situazione ha evidenziato l'urgente necessità di pagamenti di aiuti all'ammasso privato da parte della Commissione europea fino a quando i prezzi non aumenteranno. Ma dato che molti spagnoli prendono le loro ferie annuali questo mese - il che significa ridotta attività nei settori privato e pubblico - e i ripetuti rifiuti da parte della CE, è improbabile che la misura venga introdotta prima della fine di settembre.

***

Nel frattempo, El Condado Ahora ha riferito che la polizia di Valencia il mese scorso ha arrestato un uomo locale che secondo loro era la mente logistica di un gruppo criminale che ha rubato grandi quantità di olio d'oliva da tutta la Spagna per spedirlo in Italia.

La polizia civile della Guardia è stata arrestata "RRN ", 50 anni, come parte di Operazione Olivera, che è stato istituito dopo il furto di 45,000 kg di olio d'oliva a Bullas, nella Murcia, il 19 giugno dello scorso anno. La polizia ha affermato che il suo ruolo era quello di fornire al gruppo informazioni sulle quantità e l'ubicazione dell'olio d'oliva immagazzinato e di facilitare l'uscita dell'olio d'oliva rubato nei camion. L'olio è stato portato al porto di Valencia per il trasporto in Italia.

Lo scorso ottobre, nell'ambito dell'operazione, sono stati arrestati anche dieci italiani e uno spagnolo.

Related News

Feedback / suggerimenti