Minacce tariffarie, ripide conseguenze dopo la raccolta delle olive da tavola in Spagna

I produttori di olive da tavola si aspettano quest'anno un raccolto leggermente migliore rispetto al 2019. Nonostante ciò, permangono incertezze sul futuro del settore.

Giu. 16, 2020
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Il coordinatore delle organizzazioni per l'agricoltura e l'allevamento (COAG) in Andalusia ha pubblicato le sue prime stime per il Raccolta delle olive da tavola 2020 - quello che arriverà tra le crescenti tensioni commerciali con gli Stati Uniti e il Paese in corso Pandemia di COVID-19.

Antonio Rodríguez, capo delle olive da tavola per COAG Andalusia, ha affermato che si aspetta che la produzione riprenda nella più grande nazione produttrice di olive da tavola del mondo dopo il cattivo raccolto dell'anno scorso.

Meno di due mesi prima dell'inizio della prossima campagna per le olive da tavola e questa si presenta già con molta incertezza.- Antonio Rodríguez, responsabile delle olive da tavola, COAG Andalusia

"Secondo i nostri tecnici, questo sarà un raccolto leggermente superiore rispetto allo scorso anno, con ottima qualità e buone quantità, ma inferiore rispetto alle cinque stagioni precedenti, non raggiungendo le 500,000 tonnellate ", ha detto.

I dati preliminari del Consiglio oleicolo internazionale mettono il Raccolta delle olive da tavola 2019 in Spagna a 500,000 tonnellate, ma queste non sono state riviste da novembre. La produzione di olive da tavola in Spagna ha generalmente registrato una tendenza al ribasso dal suo picco nel 2015.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Nonostante il leggero rimbalzo della produzione e l'aumento della domanda interna di olive da tavola, Rodríguez ha affermato che il 2020 sarà un raccolto difficile per i produttori.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"Meno di due mesi prima dell'inizio della prossima campagna per le olive da tavola e questa si presenta già con molte incertezze ", ha affermato.

In base alle condizioni meteorologiche attuali, la raccolta inizierà a settembre, due mesi prima del normale. I produttori di olive da tavola dovranno anche coordinarsi con i governi locali per prevenire la diffusione di COVID-19 durante la raccolta.

Per i produttori che raccolgono i loro alberi usando le macchine, questo non sarà un onere eccessivamente difficile.

Tuttavia, Rodríguez ha affermato che i produttori che raccolgono olive con a Indicazione geografica protetta - in particolare i produttori di IGP Manzanilla e Gordal de Sevilla - avrebbero probabilmente bisogno di aiuto per ridurre i costi associati alla raccolta manuale e alla lavorazione di queste specialità locali, seguendo le necessarie distanze sociali e protocolli di sicurezza.

Una volta che le olive da tavola sono state lavorate e sono pronte per essere vendute a rivenditori ed esportatori, l'incertezza continua.

Una decisione del rappresentante commerciale degli Stati Uniti sull'opportunità o meno aumentare la tariffa del 25% attualmente le esportazioni di olive da tavola verdi dalla Spagna agli Stati Uniti dovrebbero arrivare ad agosto.

Le tariffe sono state ratificate dall'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e implementato lo scorso ottobre in rappresaglia alle sovvenzioni illegali dell'Unione europea ad Airbus, una mossa che il governo spagnolo ha sostenuto con aria di sfida.

Anche l'UE ha ribadito la questione e recentemente ha annunciato un elenco di tariffe che prevede di imporre alle importazioni statunitensi al blocco commerciale.

Le previste tariffe di ritorsione arrivano poiché l'UE si aspetta un risultato positivo dal proprio caso che è attualmente in fase di deliberazione dall'OMC. Il blocco commerciale sostiene che gli Stati Uniti abbiano illegalmente sovvenzionato il proprio produttore di aeromobili, Boeing. Gli esperti legali si aspettano che l'UE vinca la causa.

Mentre le controversie legali continuano a Ginevra, molti nel settore delle olive da tavola temono che l'attuale tariffa del 25% verrà aumentata al 100% mentre gli Stati Uniti cercano di aumentare la pressione sull'UE per concludere un accordo. I produttori temono anche che ci saranno nuove tariffe imposto alle olive da tavola nere.

Asemesa, l'Associazione spagnola degli esportatori e degli industriali di olive da tavola, ha affermato che il sostentamento di 7,000 agricoltori sarebbe messo a rischio se questo scenario tariffario peggiore si realizzasse.

Il gruppo commerciale ha fortemente esercitato pressioni sul governo spagnolo e sulla Commissione europea per risolvere la controversia senza che il settore agricolo si assumesse i danni collaterali.

"[Il governo della Spagna e dell'UE] deve agire con urgenza per proteggere gli agricoltori e l'intero settore e non continuare ad aspettare pigramente che il caso Boeing venga risolto per provare a negoziare, perché una parte molto significativa del settore olivicolo potrebbe essere scomparsa prima di allora ", ha detto Asemesa.

Nonostante i dazi precedenti e la minaccia di nuovi, gli Stati Uniti rimangono la principale destinazione per tutti i tipi di esportazioni di olive da tavola spagnole. Tuttavia, queste esportazioni sono costantemente diminuite dall'imposizione del prima serie di tariffe sulle olive nere quasi due anni fa.

Secondo i dati dell'International Trade Center, le esportazioni di olive da tavola spagnole negli Stati Uniti sono diminuite di oltre 8,000 tonnellate dal 2017 al 2019, anche se le importazioni statunitensi di olive da tavola sono aumentate di quasi 20,000 tonnellate nello stesso periodo. Ciò ha portato a una perdita stimata di 31.6 milioni di dollari all'anno per il settore.

Asemesa ha concluso che tariffe aggiuntive sulle olive da tavola spingerebbero i produttori già alle prese con le incertezze associate alla Brexit, un accordo di libero scambio con il Mercosur e riforme interne alla legge sulla catena alimentare oltre il limite.

"[Questa] è la goccia che fa traboccare il vaso, dopo un lungo elenco di problemi e minacce che ha afflitto il settore negli ultimi anni", ha detto il gruppo commerciale.





Related News

Feedback / suggerimenti