I produttori del nord Italia condividono i segreti del successo a World Olive Oil Competition

Un clima unico abbinato a un focus sulle varietà locali ha aiutato a spingere i produttori di tutto il nord del paese al successo al 2021 NYIOOC.
Foto: Paolo Forelli
Agosto 13, 2021
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


Anche quest'anno, i produttori del nord Italia hanno celebrato una serie di premi Gold e Silver per i loro oli extra vergini di oliva di alta qualità al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Produttori di Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto ed Emilia-Romagna hanno aiutato l'Italia raggiungere un successo record al mondo più prestigioso qualità dell'olio d'oliva concorrenza.

Vogliamo produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità e anche presentare il nostro posto al mondo.- Chiara Del Vecchio, direttore di produzione, Palazzo di Varignana

"Questo riconoscimento è il risultato di una stagione straordinaria”, Massimiliano Consolo, business development manager di Agraria Riva del Garda, Ha detto Olive Oil Times. "Posso dire che, in termini quantitativi, abbiamo avuto la migliore vendemmia degli ultimi 20 anni”.

Fondata nel 1926, l'azienda produttrice del marchio Garda Trentino DOP Uliva, vincitore del Gold Award, si è poi trasformata in cooperativa. Dal 2008, Agraria Riva del Garda si è concentrata sulla produzione di olio extra vergine di oliva, vino e altri prodotti tipici locali.

Con 330 soci, di cui quasi 100 produttori di olio d'oliva, l'azienda si trova a Riva del Garda, in provincia di Trento. La cooperativa gestisce 85,000 alberi su circa 270 ettari. Complessivamente a Trento si stima che siano 1,200 gli olivicoltori di una dozzina di comuni.

"Condividendo la nostra visione della qualità, gli agricoltori che utilizzano il nostro frantoio hanno caratteristiche specifiche”, ha affermato Consolo. "Quando si tratta di raccolta, le operazioni, che dovrebbero essere eseguite in 45 giorni, richiedono uno sforzo dettagliato e coordinato da parte dei coltivatori".

concorsi-europei-produzione-i-migliori-olii-produttori-del-nord-italia-condividono-i-segreti-di-successo-al-concorso-mondiale-dell'olio-d'oliva

Foto: Agraria Riva del Garda

"C'è un'organizzazione attenta durante tutto l'anno e l'intero processo produttivo, dalle misure prese in boschetto al momento della raccolta dei frutti", ha aggiunto. "I nostri fornitori ricevono pagamenti in base alla qualità dei loro frutti, e questo ci consente di raggiungere standard molto elevati".

I frutti vengono poi molati nel modernissimo impianto situato presso la sede della cooperativa.

Le principali varietà coltivate dagli agricoltori della cooperativa sulla sponda settentrionale del Lago di Garda sono Casaliva, Frantoio e Leccino, che si sono nel tempo acclimatate alle escursioni termiche dovute alla posizione geografica della zona.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dall'Italia

In questa parte del nord Italia, il clima proveniente dalle Alpi è mitigato dalle brezze del Lago di Garda, creando un microclima che ha sostenuto produzione di olio d'oliva qui fin dall'epoca romana.

"Siamo situati sulla 46th parallelo, dove lo sviluppo vegetativo avviene con circa un mese di ritardo rispetto alle regioni meridionali italiane”, ha detto Consolo. "La vendemmia avviene a fine ottobre, ed è ancora presto per fare previsioni, ma siamo consapevoli che probabilmente si vedono gli effetti dell'alternanza sui volumi, mentre la qualità resta sempre la nostra priorità”.

"Il nostro nuovo progetto è la creazione di uno spazio dedicato all'ospitalità», ha aggiunto. "Ci teniamo molto a mostrare la nostra azienda, il nostro frantoio e la nostra terra ai nostri clienti, che avranno l'opportunità di vedere da vicino il lavoro e la dedizione che stanno dietro la nostra qualità”.

concorsi-europei-produzione-i-migliori-olii-produttori-del-nord-italia-condividono-i-segreti-di-successo-al-concorso-mondiale-dell'olio-d'oliva

Foto: Agraria Riva del Garda

A poca distanza a nord-est del Lago di Garda, in Veneto, il produttore dietro Le Creve produce il suo olio Garda DOP vincitore del Gold Award.

"È stata una grande soddisfazione ricevere questo riconoscimento”, ha detto Paolo Forelli Olive Oil Times. "Il nostro olio ha sentori di mandorla, che quest'anno è straordinario, e una nota di caffè che, quando si sviluppa, è segno che abbiamo fatto un buon prodotto”.

A Malcesine i suoi ulivi secolari sono disposti su piccoli appezzamenti sparsi nel paesaggio, dalla pianura alla collina, fino a 400 metri sul livello del mare.

"Questi sono antichi boschetti con 120 o 130 piante per ettaro", ha detto. "La parcella più grande contiene 200 piante, per un totale di 600 piante della varietà Casaliva su circa quattro ettari di terreno, che la mia famiglia gestisce da quando ci siamo insediati in questo bel paese in provincia di Verona 40 anni fa”.

L'azienda è stata fondata dai genitori di Forelli, Mario ed Enza, nel 1982, quando fondarono un ristorante ora gestito dai figli. Il locale è specializzato in carne allo spiedo, con ampi tavoli all'aperto circondati da ulivi.

"Dal 2014 siamo soci del Consorzio Garda DOP di cui condividiamo le idee innovative e interessanti che mirano a promuovere e valorizzare la nostra qualità”, ha affermato Forelli. "La nostra visione include una gestione completamente sostenibile del frutteto.

"Pertanto, con il supporto di un agronomo, duro lavoro e dedizione, tratto gli alberi solo con prodotti specifici che li rinvigoriscano e li rendano più sani e meno suscettibile ai parassiti, con il minor impatto ambientale.”

La vicinanza dell'azienda con le Alpi conferisce un paesaggio attraente e un clima favorevole. Dal Monte Baldo spira aria fresca che determina escursioni termiche ideali per lo sviluppo delle piante. Lo scorso inverno erano addirittura coperti da 15 centimetri di neve.

Nel complesso, l'annata agraria 2020/21 è stata caratterizzata da un clima favorevole, con precipitazioni al momento giusto e in quantità adeguate. Ciò ha portato ad un raccolto eccezionale in termini qualitativi e quantitativi e ha contribuito a prevenire mosca di frutta d'oliva attacchi.

"I miei prodotti devono essere buoni e sani perché la mia famiglia, a partire da mia figlia di sei anni, sono i primi consumatori", ha detto Forelli. "Voglio lasciare ai miei figli una terra sana, e spero che possano continuare a gestire la nostra azienda agricola e il nostro ristorante con gli stessi valori di rispetto per questo territorio”.

A sud del Trentino-Alto Adige e del Veneto si trova la regione Emilia-Romagna. Famosa per i suoi produttori di veicoli di lusso e le città rinascimentali, la regione è anche sede di Palazzo di Varignana, quale ha vinto due Gold Awards Al 2021 NYIOOC per i suoi monovarietali Nostrana di Brisighella e Correggiolo.

concorsi-europei-produzione-i-migliori-olii-produttori-del-nord-italia-condividono-i-segreti-di-successo-al-concorso-mondiale-dell'olio-d'oliva

Foto: Palazzo di Varignana

"La nostra azienda nasce nel 2015 con l'obiettivo di riportare l'olivicoltura sulle colline a sud della Via Emilia", racconta Chiara Del Vecchio, responsabile di produzione dell'azienda. Olive Oil Times. "Quando abbiamo iniziato a realizzare il nostro progetto, uno degli obiettivi principali era quello di valorizzare le varietà autoctone dell'Emilia-Romagna”.

Situata a Varignana, frazione di Castel San Pietro Terme, vicino a Bologna, la proprietà comprende 360 ​​ettari di terreno agricolo, di cui 150 ettari coperti da un uliveto di 150,000 piante.

Circa 70 ettari sono impiantati con le varietà autoctone Ghiacciola e Nostrana, mentre l'altra metà del frutteto è dedicata a varietà non endemiche, tra cui Maurino, Frantoio e Leccino.

"Vogliamo produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità e anche presentare il nostro posto al mondo ", ha affermato Del Vecchio, sottolineando la forte identità territoriale dei loro prodotti. Le loro etichette richiamano antichi toponimi come Vargnano, che è il nome medievale del paese in cui si trova l'azienda, e Stiffonte [il monovarietale del Correggiolo], antico fiume locale.

"Tutto quello che abbiamo fatto è stato reintrodurre coltivazione dell'olivo, che si praticava su queste colline fino alla seconda metà del 18th secolo quando è stato interrotto da un cambiamento climatico sfavorevole”, ha detto Del Vecchio.

"Partendo da un uliveto con 300 piante storiche al centro del nostro resort, abbiamo fondato l'azienda puntando sulla qualità, che significa raccolta al momento giusto e frantumazione delle olive in poche ore in un frantoio di ultima generazione”, ha aggiunto. .

Finora, l'azienda ha fatto affidamento su una struttura locale, ma presto prevede di aprire una propria cartiera. A causa della carenza di materie prime e dei ritardi derivanti dal Pandemia di covid-19, il mulino non sarà operativo fino al 2023.

Il progetto unisce ospitalità, con un resort e alcune ville, e produzioni agricole, tra cui un vigneto di 42 ettari con varietà internazionali e autoctone come Pignoletto, Albana, Sangiovese e Malbo.

"Non solo abbiamo avviato un'attività con la coltivazione dell'olivo, ma il nostro obiettivo primario è diffonderlo cultura", ha detto Del Vecchio.

"Ogni aspetto della nostra attività ruota intorno all'olio, dall'organizzazione delle degustazioni per i nostri ospiti all'allestimento della tavola nel nostro ristorante, che comprende un calice da degustazione e ricette oleocentriche”, ha concluso. "Non aggiungiamo semplicemente olio, ma creiamo le ricette attorno agli oli. Il nostro scopo principale è davvero quello di promuovere la cultura dell'olio extra vergine di oliva”.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti