La dieta mediterranea può prevenire la perdita di memoria e i sintomi della demenza

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di cibo associato alla dieta interferiva con l'accumulo di proteine ​​comunemente associate alla malattia di Alzheimer.
Può. 10, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Secondo uno studio pubblicato sull'American Academy of Neurology, i sintomi di alcuni tipi di demenza e le condizioni di perdita di memoria spesso riscontrate nelle persone anziane potrebbero essere mitigati seguendo il Dieta mediterranea in giovane età.

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di cibi comunemente associati a MedDiet può interferire con l'accumulo di due proteine ​​nelle placche amiloidi e nei grovigli di tau, entrambi fortemente collegati con Il morbo di Alzheimer.

(La) montagna di prove continua a costruire che sei ciò che mangi quando si tratta di salute del cervello.- Richard Isaacson, direttore, Clinica per la prevenzione dell'Alzheimer presso Weill Cornell Medicine

Gli scienziati hanno esaminato i livelli e l'efficienza cerebrale in 169 pazienti cognitivamente normali e 343 pazienti a più alto rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer e hanno determinato l'adesione dei pazienti al MedDiet. L'età media dei partecipanti era di 69 anni.

Utilizzando test cognitivi, scansioni MRI ed esami del liquido cerebrospinale, i ricercatori hanno studiato la correlazione tra il grado di aderenza al MedDiet e i suoi effetti sul sistema nervoso.

Vedi anche: Health News

Una maggiore aderenza MedDiet è stata correlata con un medio temporale più ampio materia grigia volume, migliore memoria e meno patologia amiloide e tau, hanno scritto i ricercatori.

Più specificamente, il medio volume temporale ha mediato l'associazione tra MedDiet e memoria. Infine, l'adesione al MedDiet ha moderato favorevolmente le associazioni tra amiloide, tau e atrofia medio-temporale.

"I nostri risultati confermano la visione di MedDiet come a fattore protettivo contro il declino della memoria e atrofia medio-temporale ", hanno scritto gli scienziati. "È importante sottolineare che suggeriscono che queste associazioni potrebbero essere spiegate da una diminuzione dell'amiloidosi e della patologia tau ".

"Gli studi di intervento longitudinale e dietetico dovrebbero esaminare ulteriormente questa congettura e le sue implicazioni sul trattamento ”, hanno aggiunto.

La correlazione tra l'adesione al MedDiet e i suoi effetti benefici sull'efficienza del cervello e la longevità è stata a lungo al centro di altre ricerche. La maggior parte dice che MedDiet è un file strumento preventivo contro la manifestazione della demenza più tardi nella vita.

È stato dimostrato anche il consumo regolare di olio extravergine di oliva - uno dei componenti principali di MedDiet mitigare alcune delle condizioni che potrebbe portare disfunzioni cognitive nelle persone anziane.

"[La] montagna di prove continua a costruire che sei ciò che mangi quando si tratta di salute del cervello", Richard Isaacson, direttore della clinica per la prevenzione dell'Alzheimer presso la Weill Cornell Medicine e il New York-Presbyterian Hospital, non coinvolto nel studio, ha detto alla CNN.

"In questo importante studio, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile non solo migliorare la funzione cognitiva, in particolare la memoria, ma anche ridurre il rischio di patologia del morbo di Alzheimer ", ha aggiunto.





Related News

Feedback / suggerimenti