La "MENT Diet" tra i cinque fattori che possono ridurre il rischio di Alzheimer, secondo uno studio

Le persone anziane che aderivano alla dieta MIND insieme a molti altri comportamenti salutari del cervello avevano un rischio sostanzialmente più basso per la malattia di Alzheimer.
Giu. 30, 2020
Lisa Anderson

Notizie recenti

Aderire alla dieta MIND è uno dei cinque comportamenti sani associati a un rischio sostanzialmente inferiore di Il morbo di Alzheimer, secondo un recente studio finanziato dal National Institute on Aging (NIA).

La dieta Mediterranean-DASH Intervention for Neurodegenerative Delay è una fusione tra la Dieta mediterranea e la dieta Approcci dietetici per fermare l'ipertensione (DASH). La dieta è stata formulata per la prima volta nel 2015 con l'accento sul consumo di prodotti alimentari 10, incluso l'olio extravergine di oliva, ed evitandone altri cinque.

Le altre quattro scelte di stile di vita sano identificate nello studio includevano essere fisicamente attivi, astenendosi dal fumo, consumando alcol con moderazione e impegnandosi in attività cognitive nella tarda età.

"Negli ultimi anni, ci sono state crescenti prove sul ruolo dei fattori dello stile di vita nella prevenzione delle malattie croniche, inclusa la demenza di Alzheimer, "Klodian Dhana, autore principale dello studio e assistente professore presso il Rush University Medical Center, ha detto Olive Oil Times.

Vedi anche: Health News

"Questi studi potrebbero motivare il pubblico ad aderire a uno stile di vita sano in generale ", ha aggiunto.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti allo studio che hanno aderito a quattro o cinque di queste scelte di vita avevano un rischio inferiore del 60% di sviluppare l'Alzheimer. Nel frattempo, coloro che includevano due o tre di questi comportamenti nel loro stile di vita avevano un rischio inferiore del 37% di sviluppare la malattia degenerativa del cervello.

Lo studio, che è stato pubblicato dall'American Academy of Neurology il mese scorso, ha incorporato informazioni su dieta e stile di vita da due diversi set di dati: 1,845 partecipanti provenivano dal Chicago Health and Aging Project e 945 provenivano dal Memory and Aging Project, entrambi finanziati dalla NIA.

I ricercatori hanno seguito i due gruppi di partecipanti per sei anni, durante i quali 608 di loro hanno sviluppato la malattia di Alzheimer.

Sulla base dei dati dello studio, Dhana ha affermato che l'aderenza alla dieta MIND ha probabilmente giocato un ruolo significativo nel ridurre il rischio di Alzheimer dei partecipanti.

"I dati suggeriscono che la dieta MIND potrebbe potenzialmente svolgere un ruolo importante nel rischio di demenza ", ha detto. "Precedenti studi osservazionali del nostro gruppo hanno suggerito che un punteggio più alto nella dieta MIND è associato a un declino cognitivo più lento e a un minor rischio di Alzheimer ".

Tuttavia, ha aggiunto che nessuno dei cinque comportamenti sani è stato studiato in modo indipendente e sarebbero necessarie ulteriori ricerche per verificarlo.

"Non abbiamo calcolato la percentuale di partecipanti allo studio con un punteggio di dieta MIND più alto che non hanno sviluppato la malattia di Alzheimer perché il nostro focus era sui fattori generali dello stile di vita ", ha detto Dhana.

Sebbene la dieta MIND e la dieta mediterranea siano strettamente correlate, ci sono alcune differenze fondamentali.

Il primo pone una forte enfasi sul consumo di bacche piuttosto che altri frutti. Suggerisce inoltre di mangiare pesce almeno una volta alla settimana, mentre la dieta mediterranea consiglia il pesce almeno due volte a settimana.

L'altra grande differenza tra i due è che la dieta MIND consiglia di limitare il consumo di formaggio e burro, rispetto alla dieta mediterranea, che sostiene di ridurre al minimo tutti i latticini.

"La dieta MIND suggerisce l'olio d'oliva come olio primario da utilizzare a casa ", ha detto Dhana. "L'olio d'oliva è uno dei 10 componenti alimentari salutari per il cervello della dieta MIND. "

Oltre allo studio della Rush University, la NIA sta finanziando più di 230 studi clinici sul declino cognitivo correlato all'età in questa fase. Più di 100 di questi si concentrano su scelte di vita, come la dieta, invece di concentrarsi sugli interventi farmacologici.

Un altro studio pubblicato di recente ha scoperto che l'aderenza alla dieta mediterranea può migliorare la funzione cognitiva - così come diminuire il declino cognitivo. I ricercatori del National Eye Institute (NEI) hanno fatto la scoperta analizzando i dati per due nuovi studi sulle malattie degli occhi legate all'età.

I ricercatori del NEI stavano studiando l'effetto delle vitamine sulla degenerazione maculare legata all'età da alcuni anni, quando hanno scoperto gli effetti positivi della dieta mediterranea sulla degenerazione cognitiva.

Durante l'iniziativa sul risultato, che sono stati pubblicati su Alzheimer's and Dementia: the Journal of the Alzheimer's Association, ha analizzato gli effetti di nove componenti della dieta mediterranea sulla cognizione.

Sia il NIA che il NEI fanno parte del National Institutes of Health (NIH), un'agenzia governativa degli Stati Uniti responsabile della ricerca biomedica e sulla salute pubblica.





Related News

Feedback / suggerimenti