Le prime stime indicano una minore produzione in Italia

Mentre la raccolta inizia in Sicilia, tre delle principali organizzazioni agricole italiane stimano che la raccolta di olio d'oliva di quest'anno sarà prima e più piccola rispetto allo scorso anno.
Settembre 23, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Le ultime stime per il Anno del raccolto 2020/21 in Italia mostrano una diminuzione del 22% della produzione di olio d'oliva rispetto allo scorso anno, secondo tre grandi associazioni agricole.

L'associazione degli agricoltori, Coldiretti, i Unaprol Consorzio e Istituto per i Servizi del Mercato Agroalimentare (Ismea) hanno avvertito che gli effetti di questa estate eventi meteorologici estremi hanno influito sul raccolto in tutte le principali regioni produttrici del paese.

La scelta di molti agricoltori di procedere con una vendemmia anticipata nel 2020 a causa delle condizioni climatiche, significa dare priorità alla qualità del prodotto, non alla sua quantità.- David Granieri, presidente, Unaprol

I produttori italiani dovrebbero produrre 287,000 tonnellate di olio d'oliva quest'anno. Nel 2019, la resa ha raggiunto le 366,000 tonnellate.

Questi dati sono ben al di sotto della media registrata fino al 2014 e sembrano confermare un trend di progressivo calo della produzione.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Il caldo e siccità prolungata in molte regioni hanno contribuito alla maggior parte dei produttori a pianificare un raccolto anticipato.

pubblicità

Coldiretti ha pubblicato i suoi dati di mercato quando la prima raccolta delle olive si è svolta presso il frantoio Frantoio Cutrera, vicino a Ragusa, in Sicilia.

L'associazione ha avvertito che i risultati finali della vendemmia 2020 potrebbero essere anche inferiori alle stime iniziali poiché il maltempo sta colpendo molte regioni italiane con improvvisi cali di temperatura e forti venti.

Tuttavia, alcune parti interessate rimangono ottimiste sul raccolto.

"Il settore dell'olio d'oliva ha mostrato resilienza al crisi sanitaria", Ha detto Raffaele Borriello, responsabile Ismea. "Nei primi sei mesi del 2020, l'olio d'oliva in bottiglia ha mostrato una crescita delle esportazioni, con un aumento del 28% negli Stati Uniti e del 42% in Francia ".

"Le stime per la stagione in corso mostrano un rallentamento della produzione che sarà caratterizzato da un alto livello di qualità del prodotto ”, ha aggiunto Borriello. "Diminuita disponibilità del prodotto nazionale e del stime di archiviazione ridotte nell'Unione europea potrebbe alimentare un aumento di prezzo all'origine, pesantemente colpito nell'ultima stagione. "

Secondo Coldiretti, il prezzo all'origine dell'olio d'oliva è diminuito del 44 per cento in Italia, con valori che "non si vedono dal 2014 ".

"Una tendenza, causata dalla disponibilità sui mercati internazionali del vecchio olio d'oliva spagnolo che spesso finisce per essere venduto come olio d'oliva italiano ", ha affermato Coldiretti.

"La scelta di molti agricoltori di procedere con una vendemmia anticipata nel 2020 a causa delle condizioni climatiche significa che si deve dare priorità alla qualità del prodotto, non alla sua quantità, e preferire la redditività per ettaro alla resa per quintale ", David Granieri , ha aggiunto il presidente dell'Unaprol.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti