I ricercatori testano nuove varietà di olive per migliorare la sostenibilità

Un team in Andalusia sta testando un sistema di coltivazione da siepe che potrebbe essere più redditizio per i coltivatori e sostenibile per l'ambiente.

Agosto 17, 2020
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Ricercatori in Andalusia; stanno sperimentando nuove varietà di olive per trovarne di più sostenibili, sia per gli agricoltori che per l'ambiente.

L'intento principale della sperimentazione è quello di identificare nuove varietà di olivo che si adattino al sistema di coltivazione da siepe, utilizzando tecniche di coltivazione che hanno un impatto minimo sull'ambiente, ma possono essere utilizzate in qualsiasi oliveto.- Enrique de la Torre, CEO, Ingeoliva

In una fattoria a Lora del Río, appena fuori dal capoluogo di provincia di Siviglia, ricercatori dell'Istituto andaluso per la ricerca agricola e la pesca (IFAPA) e ingegneri agronomici di Ingeoliva hanno piantato diverse varietà di olive adattate in un sistema di siepi.

"L'intento principale della sperimentazione è identificare nuove varietà di ulivi che si adattano al sistema di coltivazione da siepe, utilizzando tecniche di coltivazione che hanno un impatto minimo sull'ambiente, ma possono essere utilizzate in qualsiasi boschetto ", ha detto il CEO di Ingeoliva Enrique de la Torre Olive Oil Times.

"Abbiamo adattato varietà di ulivi più riluttanti come Picudo, Hojiblanca, Picual e Cornicabra, nonché mandorli e agrumi a questo sistema ", ha aggiunto.

Vedi anche: Notizie di sostenibilità

In questo sistema a media densità, gli alberi sono distanziati di 1.50 metri (4.9 piedi) tra ciascuno e 5.0 metri (16.4 piedi) tra le file. Queste siepi consentiranno sia la raccolta meccanizzata che la creazione di un ambiente biodiverso.

De la Torre ha sottolineato che l'idea è di creare un ecosistema attorno agli ulivi, con diversi tipi di fiori, erbe e arbusti che creano case per la fauna selvatica nativa, prevenire l'erosione e consentendo la circolazione naturale dell'aria.

"Vogliamo che gli alberi piantati siano in condizioni migliori e in equilibrio con l'ecosistema, ecco perché creiamo file di alberi con filari più larghi che consentono un migliore utilizzo della luce solare e delle risorse idriche; ampi spazi tra i quali piantiamo una copertura vegetativa con semi autoctoni selezionati che fissano i nutrienti nel suolo e attirano la fauna selvatica benefica ", ha detto. "Tutto ciò significa che gli alberi piantati sono più produttivi e meno colpiti parassiti. "

L'anno scorso, la quantità di terreno coperta da oliveti biologici in Spagna aumentato del 4.8 per cento rispetto al 2018, secondo il Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione del paese.

A parte gli impatti ambientali positivi di questi tipi di boschetti, una delle forze trainanti dell'aumento di olivicoltura biologica è la prospettiva di aggiungere valore agli oli d'oliva prodotti tradizionalmente.

Dopo più di 18 mesi di storicamente basso prezzi dell'olio d'oliva, agricoltori e funzionari locali sono stati alla ricerca di nuovi modi per aggiungere valore per gli olivicoltori.

De la Torre sostiene che questo nuovo tipo di oliveto a biodiversità e media densità beneficerà anche del valore aggiunto fornito dalla coltivazione biologica e consentirà agli agricoltori di competere con boschetti ad altissima densità.

"Saranno varietà migliorate, interessanti per la loro produttività, resa in grassi e composizione dell'olio ", ha detto. "Per questo dobbiamo lasciarli crescere e produrre ... Speriamo di avere i primi risultati preliminari della sperimentazione dopo quattro anni ".

Nel 2024, de la Torre e i ricercatori dell'IFAPA analizzeranno il primo raccolto di questo boschetto sperimentale. Se tutto va bene, l'obiettivo sarà quello di aumentare rapidamente e implementare questo sistema di coltivazione in tutta l'Andalusia.


Related News

Feedback / suggerimenti