La produzione di olio d'oliva in Grecia dovrebbe scivolare

Secondo le prime stime, la produzione di olio d'oliva greca scenderà del 20 percento rispetto alla resa dell'anno scorso.
Ottobre 5, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Alcune stime iniziali in Grecia suggeriscono che diverse regioni avranno rese di olio d'oliva inferiori nella campagna 2021/22 rispetto alla produzione del 2020/21.

Il filo conduttore della riduzione del raccolto è il tempo instabile, che ha stravolto le condizioni climatiche tipiche di determinate aree.

Il microclima della nostra zona sta cambiando, con gelate primaverili improvvise e ondate di caldo estivo che stressano i nostri alberi. Adattarsi a... questi ostacoli è l'unico modo per andare avanti.- Dimitris Adamidis, produttore, frantoio Konos

A livello nazionale, le stime prevedono che la quantità totale di olio d'oliva ammonterà probabilmente a circa 215,000 tonnellate, una diminuzione di oltre il 15 percento rispetto alle 255,000 tonnellate prodotte nel 2020/21.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Nelle regioni tradizionalmente più abbondanti produttrici di olio d'oliva, tra cui Creta e nel Peloponneso meridionale, si prevede un raccolto medio-basso per la maggior parte delle aree.

Nel distretto di Heraklion a Creta, la più grande regione produttrice di olio d'oliva dell'isola, produzione di olio d'oliva si prevede di raggiungere circa 32,500 tonnellate, secondo il dipartimento locale dell'agricoltura.

La quantità prevista di olio d'oliva è molto al di sotto della capacità produttiva massima dell'area, che, in tempi buoni, si aggira ben oltre le 50,000 tonnellate di olio d'oliva.

Alcune piogge tardive, tuttavia, cambierebbero il gioco e aumenterebbero il volume dell'olio d'oliva della stagione, hanno detto i membri delle associazioni agricole locali al portale di notizie agricole Ypaithros.

"La produzione [di olio d'oliva] potrebbe raggiungere le 40,000 tonnellate se piove nei prossimi giorni e in seguito avremo un clima mite, altrimenti ammonterà a circa 30,000 tonnellate ", hanno affermato.

Nel frattempo, sul lato occidentale dell'isola, Chania dovrebbe registrare prestazioni inferiori rispetto alla stagione precedente, producendo circa 19,000 tonnellate di olio d'oliva rispetto alle 25,000 tonnellate prodotte nel 2020/21.

Nella zona colpita dagli incendi di Ilia, nel Peloponneso, la produzione dovrebbe raggiungere le 20,000 tonnellate rispetto alle circa 25,000 tonnellate previste prima del Ad agosto sono scoppiati incendi. Oltre all'estate calda e secca che ha logorato gli ulivi, la regione ha pagato un pesante tributo con un totale di 375,000 ulivi bruciati o danneggiati dagli incendi.

La Messinia, la più grande regione produttrice della penisola, dovrebbe raggiungere circa 48,000 ton, suggeriscono le stime, avvicinandosi alla produzione della scorsa stagione di 52,000 ton.

Nel vicino distretto della Laconia, le proiezioni iniziali dello scorso agosto che suggerivano una resa di circa 24,000 tonnellate di olio d'oliva sono state riviste al ribasso a circa 16,000 tonnellate per il distretto.

Tuttavia, il modello di coltura ridotta non è onnipresente, con alcune aree di produzione del distretto impostate per notevoli rese di olio d'oliva.

"Sarà una grande stagione per noi ", hanno detto i proprietari del frantoio Cheliotis nel villaggio di Vlachiotis, nel sud della Laconia Olive Oil Times. "La precedente stagione di raccolta era vuota".

"Nel nostro frantoio sono state prodotte solo 300 tonnellate di olio d'oliva, ma in questa stagione puntiamo alla produzione di oltre 1,000 tonnellate ", hanno aggiunto. "Non abbiamo avuto particolari problemi con il tempo e ci aspettiamo di ottenere olio di oliva di ottima qualità visto che non c'è stata manifestazione del Mosca della frutta nella nostra zona. Anche diversi villaggi vicini, tra cui Skala, Gouves, Asteri e Kato Glykovrysi, si aspettano una forte produzione".

Il clima avverso ha lasciato il segno anche nel nord della Grecia, dove è probabile che la maggior parte delle regioni produttrici di olio d'oliva riceva metà della produzione della scorsa stagione.

Nelle zone di Alexandroupolis e Kavala, la fioritura degli ulivi è stata colpita dall'imprevisto gelo dello scorso aprile, mentre la situazione è stata ulteriormente aggravata dalle recenti grandinate che hanno colpito i boschetti nelle zone di Evros e Rodopi.

Dimitris Adamidis del frantoio di Konos vicino ad Alexandroupolis, ha affermato che l'andamento climatico alternato della zona ha creato grandi difficoltà nella loro attività.

"Noi produciamo Denominazione d'origine protetta olio d'oliva dai nostri ulivi della varietà Makri e prevediamo una riduzione di quasi il 50 percento in questa stagione ", ha detto Olive Oil Times.

"Il microclima nella nostra zona sta cambiando, con gelate primaverili inaspettate e ondate di caldo estive che stressano i nostri alberi", ha aggiunto. "Adattarsi e superare questi ostacoli è l'unico modo per andare avanti e applichiamo pratiche di coltivazione speciali per aiutare i nostri alberi a far fronte alle condizioni di trasformazione".

Adamidis ha anche detto che, a causa del clima più caldo del solito negli ultimi anni, hanno dovuto anticipare l'inizio della raccolta nella stagione per poter mantenere i loro elevati standard di produzione.

Le proiezioni per altri territori produttori del paese, come Fthiotida e Fokida nella Grecia centrale, e l'isola di Evia, che ha subito perdite significative nel suo settore primario durante gli incendi distruttivi dell'estate, indicano anche una ridotta resa di olio d'oliva.

Le prospettive sembrano molto migliori a Lesbo, dove si prevede che la produzione di olio d'oliva aumenterà fino a 10,000 tonnellate, rispetto alle 3,500 tonnellate precedenti.

Inoltre, il forte impatto delle circostanze sfavorevoli della stagione sui produttori è amplificato dall'aumento dei costi di diversi prodotti e materie prime, inclusi combustibili, energia e forniture agricole.

"Il prezzo del solo rame [usato nei cavi elettrici negli impianti e nei macchinari delle fabbriche] è aumentato del 20% e anche i lavoratori sono ben pagati", ha affermato il produttore Yiannis Korodinis.

"Se la siccità continua e le prospettive di resa dell'olio d'oliva rimangono scarse, molti di noi non saranno nemmeno in grado di raccogliere ", ha aggiunto. "L'olio d'oliva deve avere un prezzo equo poiché i costi sono elevati e alla fine non otteniamo alcun profitto dalla raccolta ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti