L'UE si muove per bloccare le importazioni derivate dalla deforestazione, compreso un po' di olio di palma

Una nuova proposta della Commissione europea mira a ridurre significativamente le importazioni di materie prime associate alla deforestazione, in particolare in Brasile, Indonesia e Malesia.

Piantagione di palme ad Aceh in Indonesia
22 dic 2021 10:35 EST
Di Paolo DeAndreis
Piantagione di palme ad Aceh in Indonesia

Notizie recenti

L'Unione Europea potrebbe presto fermare le importazioni di beni legati alla deforestazione.

Una nuova Commissione Europea proposta prende di mira i prodotti che hanno contribuito al fenomeno allarmante della perdita globale di foreste, tra cui soia, carne bovina, olio di palma, cacao, caffè, pelle e mobili.

Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), 420 milioni di ettari di foreste nel mondo erano perso nella deforestazione tra il 1990 e il 2020, un'area grande circa quanto l'Unione europea.

Vedi anche: Copertura climatica

La Fao ha aggiunto che in quello stesso periodo la differenza tra l'area di foresta disboscata e quella appena piantata o rigenerata è di circa 178 milioni di ettari, un'area circa tre volte più grande della Francia.

Secondo l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), quasi l'11% di tutti emissioni di gas serra sono legati alla deforestazione.

La commissione ha affermato che la proposta si basa sulle precedenti iniziative dell'UE volte alla protezione delle foreste e alla consultazione a livello europeo dei cittadini europei, che approvano ampiamente le misure per ridurre il degrado forestale.

Inoltre, la Commissione europea è fiduciosa che le nuove regole costituiranno un esempio da seguire per il mondo.

"In effetti, con la proposta di questo regolamento, l'UE si sta assumendo la responsabilità dell'allarmante perdita di foreste in tutto il mondo e apre la strada per affrontare il problema", hanno detto fonti del dipartimento dell'ambiente, degli affari marittimi e della pesca della Commissione europea. Olive Oil Times.

"L'iniziativa è innovativa e dimostra che l'UE vuole dare l'esempio", ha affermato la commissione. "Fa un passo avanti decisivo andando oltre la deforestazione illegale per affrontare qualsiasi deforestazione guidata da espansione agricola per produrre merci”.

"Vogliamo anche ispirare gli altri ad agire", hanno aggiunto le fonti. "Vorremmo vedere impegni dai principali mercati, come gli Stati Uniti e la Cina, per ripulire le loro catene di approvvigionamento e siamo disposti a supportare i paesi produttori nella loro transizione verso la sostenibilità”.

L'elenco delle materie prime disciplinate dalla nuova proposta sarà oggetto di costante esame da parte della commissione. Per continuare a esportare i propri prodotti nell'UE, gli operatori commerciali ei produttori dovranno eseguire la dovuta diligenza per offrire certezze sull'origine dei prodotti.

Con le nuove regole, le aziende dovranno volontariamente certificare e offrire un accesso completo a informazioni come il tipo di merce, i volumi di produzione, i fornitori coinvolti e il paese di produzione.

Gli esportatori dovranno specificare le coordinate geografiche esatte della produzione e certificare che la loro catena di prodotti è conforme alle leggi locali.

"Poiché la deforestazione è collegata al cambiamento dell'uso del suolo, il monitoraggio della deforestazione richiede un legame preciso tra la merce o il prodotto immesso sul mercato dell'UE e l'appezzamento di terreno in cui è stato coltivato", ha scritto la commissione.

"L'utilizzo delle coordinate di geolocalizzazione è il modo più semplice ed economico per ottenere le informazioni geografiche necessarie affinché le autorità siano in grado di verificare se i prodotti e le materie prime sono privi di deforestazione", ha aggiunto la commissione. "Si prevede che la combinazione della geolocalizzazione con il monitoraggio remoto tramite immagini satellitari aumenterà l'efficacia del regolamento”.

Un sistema di benchmarking consentirà a Bruxelles di identificare i paesi che presentano maggiori rischi di esportazioni derivate dalla deforestazione, in modo da accelerare la burocrazia e le operazioni di due diligence per i paesi a basso rischio.

pubblicità

La commissione stima che l'applicazione del nuovo regolamento ridurrebbe le emissioni di carbonio legate al consumo dell'UE di quasi 32 milioni di tonnellate.

Sulla base del nuovo approccio alla deforestazione dell'UE, del cambiamento delle priorità dei consumatori e di una nuova ricerca, diversi grandi rivenditori di generi alimentari europei, tra cui Carrefour, Auchan e Lidl, si sono impegnati a fermare le importazioni di carne bovina brasiliana sospettata di provenire da bovini allevati in Amazzonia o il Pantanal.

Le fonti della Commissione hanno minimizzato il rischio che il nuovo regolamento possa influire sulla disponibilità o sul prezzo della carne bovina o di altri prodotti interessati per i consumatori.

L'analisi della valutazione d'impatto "concluso che l'impatto sui prezzi sarebbe estremamente limitato. Abbiamo, tuttavia, incluso una clausola di revisione nella proposta per valutare i possibili impatti dopo la sua entrata in vigore", hanno affermato.

La commissione ha anche osservato come le nuove regole consentano alle parti coinvolte di adeguarsi ai nuovi requisiti "lunghi periodi di adattamento”, che sarà riservato ai più piccoli player del mercato.

Vedi anche: I leader mondiali promettono miliardi per ripristinare le foreste della Terra

Anche i produttori di olio di palma sono interessati dalle nuove regole poiché le esportazioni di olio di palma verso l'Unione europea sono aumentate alle stelle negli ultimi decenni. L'UE ha già deciso di eliminare gradualmente l'olio di palma utilizzato per la produzione di energia entro il 2030.

Secondo OilWorld un'immissione errata dei dati, il 65% di tutto l'olio di palma importato dall'UE nel 2018 è stato utilizzato per la produzione di biodiesel, con percentuali minori dedicate al riscaldamento. Nella produzione alimentare umana e animale, anche il consumo di olio di palma è sceso all'11%.

"L'olio di palma è stato e continua ad essere uno dei principali motori della deforestazione di alcune delle foreste più ricche di biodiversità del mondo, distruggendo l'habitat di specie già in via di estinzione». World Wildlife Fund disse.

"Da un punto di vista ambientale, è innegabile che l'espansione delle piantagioni di palma sia stata in passato a discapito delle foreste pluviali e delle torbiere”, ha aggiunto Giuseppe Allocca, presidente dell'Unione italiana per l'olio di palma sostenibile.

pubblicità

Ha detto che ciò ha comportato la perdita di habitat naturali e riserve di carbonio forestale, ha generato emissioni di gas serra, creato minacce alla biodiversità e conflitti con le comunità locali.

"Ma è altrettanto vero che molte piantagioni sono nate su suoli già degradati o precedentemente destinati alla coltivazione di altre commodities, come la gomma o il caffè». Olive Oil Times. "Negli ultimi anni, la filiera dell'olio di palma ha lavorato duramente per la sostenibilità”.

Negli ultimi 40 anni, la produzione mondiale di olio di palma è passata da cinque a 70 milioni di tonnellate. "È l'olio vegetale più utilizzato al mondo", ha affermato Allocca.

La palma può produrre frutti durante tutto l'anno e gli alberi appena piantati entrano in produzione totale entro tre o quattro anni.

Insieme alla crescente domanda, la velocità con cui producono il frutto ha portato Indonesia e Malesia, i maggiori produttori di olio di palma al mondo, a investire in nuove piantagioni.

"Rappresenta il 35 percento di tutta la produzione di olio vegetale, seguito da olio di soia (28 percento), olio di colza (12 percento), olio di girasole (9 percento)”, ha detto Allocca. "Tuttavia, le piantagioni di olio di palma coprono meno del 10% dell'intera superficie globale dedicata alla produzione di petrolio".

Il 21 dicembre, la Roundtable on Sustainable Palm Oil (RSPO), un'organizzazione di parti interessate dell'olio di palma, ha certificato come sostenibili quattro milioni di ettari di piantagioni di palma, pari a 17.6 milioni di tonnellate di olio di palma o al 19% della produzione globale.

Allocca ha aggiunto che la RSPO ha certificato come sostenibile il 90% dell'olio di palma esportato in Europa nel 2020.

"Non ci sarà alcun divieto su alcun paese o merce. I produttori sostenibili continueranno a essere in grado di vendere i loro prodotti all'UE", ha affermato la Commissione europea. "Si presterà inoltre attenzione ad aumentare la trasparenza delle catene di approvvigionamento tenendo conto dei diritti delle comunità dipendenti dalle foreste e delle popolazioni indigene, nonché delle esigenze dei piccoli proprietari terrieri”.

"Inoltre, la commissione si impegnerà in discussioni bilaterali e multilaterali su politiche e azioni per fermare la deforestazione e il degrado forestale", ha concluso la commissione.





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti