I leader mondiali promettono miliardi per ripristinare le foreste della Terra

Più di 120 capi di stato hanno concordato di invertire la deforestazione entro il 2030 al vertice sul clima COP26, impegnando 16.4 miliardi di euro per mantenere la loro promessa.

8 novembre 2021 4:20 EST
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le foreste del mondo sono state un punto focale del vertice sul clima COP26 a Glasgow, dove più di 120 leader mondiali hanno promesso di porre fine e deforestazione inversa entro e non oltre il 2030.

Un totale di 133 paesi, tra cui Brasile, Indonesia e Repubblica Democratica del Congo, che insieme rappresentano l'85% delle foreste mondiali, si sono impegnati per la causa comune del ripristino delle foreste del pianeta.

Dobbiamo fermare la devastante perdita delle nostre foreste. Avremo la possibilità di porre fine al ruolo dell'umanità come conquistatrice della natura e diventare invece custode della natura.- Boris Johnson, Primo Ministro del Regno Unito
Vedi anche: Quasi un terzo delle specie di alberi selvatici è minacciato di estinzione, avverte il rapporto

Le foreste coperte da tutti i sostenitori si estendono per oltre 3.5 miliardi di ettari e rappresentano il 90% della superficie forestale totale della Terra.

I leader hanno anche deciso di stanziare più di 16.4 miliardi di euro in fondi pubblici e privati ​​combinati per sostenere il loro impegno.

"Pertanto, ci impegniamo a lavorare collettivamente per arrestare e invertire la perdita di foreste e il degrado del suolo entro il 2030, fornendo allo stesso tempo uno sviluppo sostenibile e promuovendo una trasformazione rurale inclusiva", hanno affermato i leader in un dichiarazione congiunta.

pubblicità

"Esortiamo tutti i leader a unire le forze in una transizione sostenibile per l'uso del suolo", si legge ulteriormente nella dichiarazione. "Ciò è essenziale per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi, compresa la riduzione della vulnerabilità al impatti del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2 °C e perseguire gli sforzi per limitarlo a 1.5 °C”.

Secondo l'organizzazione no-profit World Resources Institute, le foreste della Terra, caratterizzate come il "ammortizzatori climatici”, hanno la capacità di assorbire circa il 30% delle emissioni di anidride carbonica.

Tuttavia, i boschi del mondo stanno rapidamente diminuendo, con 25.8 milioni di ettari di foresta, un'area più grande del Regno Unito, persi nel solo 2020.

"Dobbiamo fermare la devastante perdita delle nostre foreste", ha affermato il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson, che ospita il vertice. "Avremo la possibilità di porre fine al ruolo dell'umanità come conquistatrice della natura e diventare invece custode della natura”.

Gli esperti hanno accolto con favore l'impegno dei leader, tuttavia, sono apparsi scettici sull'esito del voto citando iniziative simili fallite del passato.

"È una buona notizia avere un impegno politico per porre fine alla deforestazione da così tanti paesi e finanziamenti significativi per andare avanti in quel viaggio", ha affermato Simon Lewis, esperto di clima e foreste presso l'University College di Londra.

Lewis ha notato che il mondo "è già stato qui” con una dichiarazione simile a New York nel 2014, "che non è riuscito lenta deforestazione affatto."

Altri si sono chiesti se il tempo rimanente fino al 2030 sia adeguato per evitare la perdita delle foreste mondiali.

"Stiamo affrontando un'emergenza climatica, quindi concederci altri 10 anni per affrontare questo problema non sembra del tutto coerente", ha affermato Nigel Sizer, attivista ed ex presidente della Rainforest Alliance.

"Ma forse questo è realistico e il meglio che [i leader] possono ottenere", ha aggiunto.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti