Studio: Asfalto prodotto con sansa di oliva più resistente agli agenti atmosferici

L'aggiunta di sansa di oliva al legante per asfalto ha reso il materiale di pavimentazione risultante più resistente alle screpolature ed è un modo ecologico per riciclare il prodotto di scarto.

Agosto 13, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La giusta quantità di sansa di oliva incorporato in legante per asfalto potrebbe migliorare notevolmente la resilienza dei materiali per pavimentazione alla fessurazione e ad altre forme di agenti atmosferici, secondo un nuovo studio.

La ricerca ha confermato i risultati di studi precedenti e ha esplorato il processo di produzione di un nuovo tipo di asfalto parzialmente sostenibile.

La miscela di asfalto modificata con sansa ha mostrato una migliore resistenza alla fessurazione dopo un invecchiamento a lungo termine rispetto alla miscela di controllo.- Ricercatori, OOCC

I studio, guidato da Kun Zhang presso la California State University, ha scoperto che la sansa di oliva potrebbe migliorare la resistenza del legante dell'asfalto a eventi come crepe indotte dall'ossidazione, crepe da fatica e crepe dovute a eventi di bassa temperatura.

Inoltre, il legante modificato si confrontava favorevolmente con il tradizionale legante per asfalto quando si tratta di resistenza all'ormaiamento.

La sansa di oliva è il principale sottoprodotto di produzione di olio d'oliva e contiene cellulosa, emicellulosa, lignina, acidi uronici, composti fenolici e residui oleosi.

L'enorme quantità di sansa di oliva prodotta dalla lavorazione dell'olio d'oliva costituisce una sfida ambientale a causa del suo potenziale di inquinamento e dei costi associati al suo smaltimento.

La ricerca, finanziata dal Commissione dell'olio d'oliva della California (OOCC), hanno dimostrato che la frazione ricca di polpa di sansa di oliva potrebbe essere separata con precisione dalla frazione ricca di noccioli per ottenere il suo livello ottimale di qualità antiossidanti.

Applicando questa sansa di oliva essiccata al legante per asfalto, gli scienziati hanno scoperto che modificava il materiale con una migliore efficacia ammorbidente e antiossidante, migliorando notevolmente le sue prestazioni finali. Hanno anche riferito che l'aggiunta fino al cinque percento della frazione ricca di polpa neutralizzerebbe l'ossidazione causata dalla miscelazione e dalla produzione dell'asfalto.

"L'uso di un dosaggio più elevato di frazione ricca di polpa, ad esempio il 15% e il 25%, potrebbe prolungare significativamente la durata dei leganti per asfalto modificati prima che si verifichino crepe iniziali e gravi indotte dall'ossidazione", hanno scritto i ricercatori. "La miscela di asfalto modificata con sansa ha mostrato una migliore resistenza alla fessurazione dopo l'invecchiamento a lungo termine rispetto alla miscela di controllo.

Vedi anche: Composti sani nell'olio di sansa assorbiti da cibi fritti, risultati dello studio

La nuova ricerca ha contribuito alla Le indagini in corso dell'OOCC sui modi per ridurre l'effetto potenzialmente inquinante dei rifiuti generati dalla lavorazione dell'olio d'oliva sul suolo e sulle acque sotterranee.

In un comunicato stampa, l'OOCC ha sottolineato che "il lavoro futuro su questo progetto si concentrerà sulla composizione chimica nella sansa di oliva lavorata e identificherà gli ingredienti attivi che potrebbero prolungare ulteriormente la vita delle pavimentazioni in asfalto.

Secondo gli autori dello studio, l'uso dei nuovi leganti per asfalto promuoverebbe la sostenibilità sia nell'agricoltura che nell'industria della pavimentazione in asfalto.

Hanno anche sottolineato la necessità "studiare i principi attivi nella sansa di oliva per massimizzare la capacità antiossidante e sviluppare metodi di riciclaggio a rifiuti zero per utilizzare le acque reflue nella sansa di oliva”.

"Gli autori dello studio stanno ora cercando fondi per ulteriori ricerche attraverso l'Iniziativa per la ricerca agricola e alimentare 2021", ha aggiunto l'OOCC, concludendo di aver già presentato una lettera di sostegno per questo progetto, "incoraggiare usi preziosi e pratici per i sottoprodotti della lavorazione dell'olio d'oliva.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti