`Concedere al destinatario lo studio degli impatti dei polifenoli sulla funzione del DNA - Olive Oil Times

Concedere al destinatario lo studio degli impatti dei polifenoli sulla funzione del DNA

Può. 13, 2021
Kenaz Filan

Notizie recenti

La dottoranda spagnola Andrea del Saz Lara ha ricevuto un borsa di studio quadriennale dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO) per il suo dottorato di ricerca. studi e ricerche per la sua tesi: Conseguenze epigenomiche del consumo di idrossitirosolo nelle malattie cardiometaboliche.

"Una delle condizioni per ottenere la sovvenzione era che dovevi ricercare l'olio d'oliva ", ha detto del Saz Olive Oil Times. "Sinceramente non ero a conoscenza di tutte le proprietà e i benefici degni dello studio di questo alimento. Sappiamo tutti che l'olio d'oliva fa bene alla nostra salute, ma di solito non sappiamo perché ".

La possibilità di prevenire alcune malattie grazie ad alcuni alimenti bioattivi come l'olio d'oliva è meravigliosa e molto degna di approfondimento.- Andrea del Saz Lara, ricercatore, IMDEA Food Institute

La ricerca di Del Saz si concentra su epigenomica. Gli epigenomi sono composti chimici e proteine ​​che modificano le funzioni del DNA. I composti epigenomici non alterano la sequenza del DNA sottostante ma cambiano il modo in cui le cellule rispondono alle istruzioni del DNA.

Con la borsa di studio, del Saz continuerà la sua ricerca sugli epigenomi presso l'IMDEA Food Institute di Madrid.

Vedi anche: Aggiornamenti sulla ricerca

"Il lavoro che fanno mi sembra molto interessante ", ha detto. "Il campo dell'epigenetica, e più specificamente quello dei microRNA, è ancora poco studiato e offre molte possibili applicazioni biomediche ".

"Inoltre, l'area della nutrigenomica e della nutrizione personalizzata è attualmente in forte espansione e penso che la possibilità di prevenire alcune malattie grazie ad alcuni alimenti bioattivi come l'olio d'oliva sia meravigliosa e molto degna di ulteriore studio ", ha aggiunto.

I ricercatori stanno attualmente cercando nuovi modi per promuovere gli epigenomi benefici e sopprimere quelli dannosi. Molti stanno guardando uno degli alimenti salutari più antichi del mondo: l'olio d'oliva. Decenni di ricerche hanno dimostrato che il succo di frutta ottenuto fisicamente ha una gamma di benefici alla salute.

slip-borsa-destinatario-a-studiare-gli-impatti-dei-polifenoli-sulla-funzione-del-dna-tempi-dell'olio-d'oliva

Andrea del Saz Lara

"A livello molecolare, è sorprendente quanti cambiamenti l'olio d'oliva è in grado di indurre ", ha detto del Saz. "Contiene composti chiamati polifenoli, a cui vengono attribuite proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. "

Uno dei polifenoli più benefici dell'olio d'oliva è idrossitirosolo, che conferisce all'olio d'oliva il suo sapore e aroma caratteristici e ha dimostrato qualità protettive contro malattia cardiovascolare, cancro e sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS).

Le malattie cardiometaboliche includono l'ipertensione, diabete, colesterolo alto e adiposità (grasso della pancia). Negli Stati Uniti, circa 655,000 americani muoiono di malattie cardiache ogni anno - uno su quattro decessi negli Stati Uniti. Le persone con malattie cardiometaboliche hanno il doppio delle probabilità di morire di malattia coronarica e tre volte più probabilità di avere un infarto o un ictus.

I microRNA (miRNA), piccoli pezzi di RNA che prendono di mira i geni e interferiscono con i processi biologici, svolgono un ruolo nell'obesità, nell'infiammazione e nello sviluppo del grasso addominale. I MiRNA sono coinvolti nella produzione di grasso e sono associati a proteine ​​di segnalazione cellulare legate a diabete, obesità e malattie cardiovascolari.

L'idrossitirosolo riduce la produzione di diversi miRNA nocivi e abbassa le concentrazioni di enzimi infiammatori. L'idrossitirosolo aumenta anche la produzione di eNOS, un enzima che regola la costrizione e la coagulazione dei vasi sanguigni ed è essenziale per la salute cardiovascolare.

La ricerca di Del Saz valuterà gli effetti biologici del consumo di idrossitirosolo in pazienti con steatosi epatica non alcolica attraverso studi clinici che misurano la funzionalità epatica, i biomarcatori dello stress ossidativo e gli enzimi infiammatori. Valuterà anche l'impatto dell'idrossitirosolo sui miRNA e su altre funzioni epigenomiche.

"La cosa più importante che ho imparato è che siamo ciò che mangiamo e che dobbiamo prenderci cura della nostra dieta se vogliamo mantenere la nostra salute ", ha detto. "Fino ad ora, non ero a conoscenza di come i nutrienti che ingeriamo modifichino il modo in cui i nostri geni sono regolati e di come questo possa indurre la comparsa di alcune malattie ".

Del Saz si è laureata all'Università di Castiglia-La Mancia e ha conseguito un Master in biomedicina sperimentale nel 2020. Con l'aiuto della borsa di studio del CIO, continuerà a condurre la sua ricerca presso l'IMDEA Food Institute.

"Volevo continuare con i miei studi predoctoral, ma senza finanziamenti, è stato molto complicato ", ha detto del Saz. "Ricorderò sempre il giorno in cui hanno confermato che mi era stata assegnata la borsa di studio come uno dei giorni più felici della mia vita. Per me la ricerca è un sogno ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti