`Più paesi esprimono preoccupazione per l'adozione del punteggio nutritivo - Olive Oil Times

Più paesi esprimono preoccupazione per l'adozione di Nutri-Score

Dicembre 9, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il dibattito sulla possibile introduzione di un sistema paneuropeo di etichettatura alimentare si sta infiammando, con Repubblica Ceca, Svezia, Grecia e Regno Unito che sono gli ultimi paesi a manifestarsi e opporsi all'idea.

Se l'Europa debba o meno adottare i francesi punteggio Nutri FOPL (etichetta sulla parte anteriore della confezione), che era recentemente introdotto in Germania e molti altri paesi, si trova al centro del dibattito.

Crediamo di più nelle etichette regionali con un terreno comune.- Veronika Öhrvik, project manager, Keyhole FOPL

"Questo sistema di etichettatura potrebbe discriminare il cibo di qualità, il cibo che è già etichettato per la sua qualità e il cibo che ha le proprietà e la composizione specificate dalla legge ", ha detto in una dichiarazione il ministero dell'Agricoltura ceco. "E non tiene conto del consumo giornaliero, il che significa che l'olio d'oliva non sarà classificato da Nutri-Score come un alimento veramente sano ".

Il ministero ha aggiunto che la Repubblica Ceca non adotterà Nutri-Score su base nazionale.

Vedi anche: I produttori spagnoli si uniscono a Chorus of Concerns Over Nutri-Score

Le ben note qualità salutari dell'olio d'oliva sono spesso citate dai critici di Nutri-Score come motivo per non adottare il sistema FOPL. Tuttavia, il Consiglio oleicolo internazionale (IOC) sta collaborando con le autorità francesi per far contrassegnare l'olio d'oliva come alimento sano e di alta qualità dalla FOPL.

Secondo la rivista spagnola Agrodiario, il CIO spera di riclassificare l'olio extravergine di oliva con un "A ”: il voto più sano nel sistema di cinque lettere.

Jaime Lillo, vicedirettore del CIO, ha affermato che l'organizzazione sta lavorando con diversi esperti del settore sanitario in un comitato consultivo "fare in modo che l'olio d'oliva sia riconosciuto, in particolare l'olio extravergine di oliva, come un contributo rilevante alla salute.

Lillo ha sottolineato come sia l'attuale classificazione Nutri-Score per l'olio extravergine di oliva "preoccupante."

Tuttavia, Serge Hercberg, professore di nutrizione presso l'Università di Parigi e capo del team che ha ideato Nutri-Score, ha precedentemente confutato queste affermazioni e ha affermato che il punto della FOPL è confrontare le qualità nutrizionali degli alimenti nella stessa categoria.

affari-europa-più-paesi-voce-preoccupazione-sull'-adozione-di-nutriscore-olio-d'oliva-tempi

Sostiene che non vuole essere l'unico fattore utilizzato dai consumatori nelle loro scelte di acquisto e, in a Intervista a luglio 2020 Olive Oil Times, ha affermato che l'algoritmo utilizzato per calcolare i punteggi era scientificamente valido.

"Più di 40 studi pubblicati su riviste internazionali con peer review hanno convalidato l'algoritmo alla base del suo calcolo ", ha affermato.

In Grecia, dove le autorità hanno già espresso la loro preoccupazione per la possibilità che Nutri-Score venga adottato dall'Unione Europea, si sono sollevate nuove voci critiche.

Manolis Hnaris, membro del comitato di pianificazione nella regione di Creta, dove funge anche da consulente ufficiale del settore primario, ha scritto una lettera pubblica al Ministero greco dello sviluppo rurale per sottolineare "grande pericolo ”che deriverebbe dall'introduzione di Nutri-Score all'interno dell'UE

Hnaris ha affermato che la FOPL francese non è in grado di offrire un vero profilo nutrizionale del cibo etichettato. Secondo l'agenzia di stampa Candiadoc, Hnaris ritiene che quei prodotti con un alto valore nutritivo e ricchi di grassi sani, come il miele, siano classificati dal Nutri-Score nella stessa categoria di ketchup e bibite.

Il miele è una delle esportazioni agricole cretesi più rilevanti verso l'Europa continentale e Hnaris ha chiesto all'associazione di esportazione di Creta di aderire all'azione per modificare sostanzialmente il sistema Nutri-Score o per arrestarne la diffusione nella sua forma attuale. Creta è anche responsabile di circa un terzo del greco produzione di olio d'oliva.

Vedi anche: Copertura Nutri-Score

L'impatto del Nutri-Score sulle esportazioni è anche al centro del dibattito in Italia, dove l'associazione agricoltori Coldiretti ha sottolineato ancora una volta come "dannosa ”l'attuazione del Nutri-Score sarebbe per l'export italiano sia all'interno che all'esterno dell'UE

Secondo l'associazione, dovrebbe Nutri-Score "espandersi a livello globale, vedremmo un attacco alle esportazioni agricole italiane per un valore di 44.6 miliardi di euro, che includono prodotti come olio d'oliva, formaggi e salumi che sono ingiustamente penalizzati dal nuovo sistema di etichettatura ".

Al di fuori dell'UE, l'adozione di un nuovo FOPL è stata accolta con scetticismo anche nel Regno Unito, secondo i risultati di un recente sondaggio tra i consumatori da cui?.

Nel sondaggio, la maggior parte degli intervistati ha affermato di essere favorevole all'attuale sistema di etichettatura degli alimenti nel Regno Unito e sarebbe contraria all'eventuale introduzione di uno diverso.

Un'opposizione simile a una nuova FOPL è attesa dalle autorità locali in Svezia, dove decenni fa è stata introdotta una piattaforma nazionale per l'etichettatura degli alimenti e, secondo le autorità locali, ha funzionato abbastanza bene. Il logo svedese Keyhole è stato adottato anche in Danimarca e Lituania.

"In Svezia vediamo l'etichettatura nutrizionale FOP come uno dei tanti pezzi importanti del puzzle quando si tratta di migliorare le abitudini alimentari e riconosciamo molto l'obiettivo del Strategia Farm to Fork per migliorare la salute nell'UE ", ha affermato Veronika Öhrvik, project manager di Keyhole.

Secondo la rivista Food Navigator, Öhrvik ha sottolineato le caratteristiche specifiche della dieta svedese, come il consumo di cereali integrali, caratteristiche che sono rappresentate dalla FOPL nazionale.

"I prodotti sono stati sviluppati nel corso degli anni secondo i criteri per il logo ", ha affermato. "Siamo preoccupati che se non possiamo più utilizzare il nostro logo, i produttori di cibo in Svezia non avranno alcun incentivo a sviluppare prodotti con cereali integrali ".

"Se dobbiamo ricominciare da zero con un altro logo, temiamo che potrebbero volerci molti anni prima di tornare allo stesso livello di integrazione nella società [del logo di Keyhole] ”, ha aggiunto Öhrvik. "Crediamo di più nelle etichette regionali con un terreno comune ".





Related News

Feedback / suggerimenti