` Il punteggio nutritivo danneggerà il commercio di olio d'oliva, i produttori italiani sostengono - Olive Oil Times

Nutri-Score danneggerà il commercio di olio d'oliva, sostengono i produttori italiani

Novembre 29, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I produttori italiani di olio extravergine di oliva non credono che i francesi siano nati punteggio Nutri l'etichetta sul davanti della confezione (FOPL) aiuta i consumatori europei a comprendere i vantaggi di aderire a un olio extravergine di oliva Dieta mediterranea.

"Al contrario, la sua classificazione semplicistica potrebbe persino allontanare i clienti dal cibo che ha così tanti scientificamente provati benefici alla salute, "Anna Cane, un chimico farmaceutico e presidente del Associazione dell'industria olearia italiana (Assitol), ha detto Olive Oil Times.

È probabile che l'introduzione di Nutri-Score in Germania avrà un impatto sulla nostra attività insieme a tutta 'Marchio merceologico Made in Italy.- Mario Rocchi, consigliere, Oleificio RM

Cane e molti produttori italiani di olio d'oliva ritengono che l'eventuale introduzione di Nutri-Score sui mercati interni ed esteri potrebbe ostacolare l'olio extravergine commercio di olio d'oliva, soprattutto in quei paesi in cui non ci sono nativi cultura dell'olio d'oliva che possono competere con quelle che vedono come informazioni fuorvianti.

"Se guardiamo al sistema di classificazione Nutri-Score con i suoi cinque colori e cinque lettere, troviamo che l'olio extravergine d'oliva sta anche peggio di alcune bibite [dietetiche] ", ha detto Cane. "E ciò accade anche se gli effetti benefici dell'olio extravergine di oliva sulla salute sono oggetto di una varietà sempre crescente di scoperte scientifiche ".

Vedi anche: Notizie Nutri-Score

Nutri-Score, che è guadagnando terreno in tutta Europa ed è stato introdotto formalmente dalla Germania nelle ultime settimane, attribuisce all'olio extravergine di oliva a "Grado C ”.

"Quell'etichetta non offre in alcun modo un'identificazione del prodotto, che è etichettato C per il suo contenuto di grassi ", Dora Desantis, responsabile del controllo qualità presso Agridè Terra di Bari DOP, Ha detto Olive Oil Times. "Ciò significa che decenni di ricerca scientifica e le molte virtù di un alimento così speciale non sono nemmeno prese in considerazione dalla FOPL francese ".

"Quando guardi Nutri-Score puoi credere che potrebbe aiutare a ridurre alcuni problemi di obesità nel prossimo futuro, ma per i produttori di olio extravergine di oliva, inibisce il mercato ", ha aggiunto.

Secondo Serge Hercberg, professore di nutrizione all'Università di Parigi e capo del team che ha ideato Nutri-Score, lo scopo della FOPL è confrontare le qualità nutrizionali degli alimenti nella stessa categoria. Sostiene che non deve essere l'unico fattore utilizzato dai consumatori nelle loro scelte di acquisto.

"[La C per l'olio d'oliva] è il miglior punteggio possibile per i grassi aggiunti e anche per gli oli vegetali", ha detto Olive Oil Times in un'intervista di luglio 2020. "Le raccomandazioni sulla salute pubblica non suggeriscono di consumare olio d'oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a favorirlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali ".

business-europe-nutriscore-will-damage-olive-oil-trade-italian-producer-argue-olive-oil-times

Tuttavia, molti di I critici di Nutri-Score sostengono che la FOPL non sarà utilizzata in questo modo da molti dei consumatori che la incontrano. Desantis, che è anche membro di Assitol, ritiene che questa differenza sia riconducibile alle diverse culture culinarie in Europa.

"In paesi come l'Italia o la Spagna, l'olio extravergine di oliva fa parte della nostra cultura alimentare e della cultura popolare ", ha affermato. "Una tale varietà di prodotti non può essere facilmente etichettata con un colore su una confezione ".

Farlo nei molti paesi in cui non esiste la cultura dell'olio d'oliva è certo "tralasciare molte cose che dovrebbero essere dette, cose che non possono essere riassunte ”, ha aggiunto Desantis.

Per questi motivi, Desantis, insieme a molti altri detrattori di Nutri-Score, ritiene che il sistema sia troppo semplicistico e che i produttori di olio d'oliva saranno tra le vittime di questa eccessiva semplificazione.

"In quei paesi in cui i clienti sono tradizionalmente consumatori di olio d'oliva, è vero che potrebbe non essere così male avere olio extravergine di oliva classificato come C o D ", ha detto Cane, aggiungendo che i paesi in cui non esiste una cultura dell'olio d'oliva autoctona lo sono quelli in cui è più probabile che la reputazione dell'olio extravergine di oliva come grasso sano venga danneggiata.

"In quei mercati, l'olio d'oliva non è economico, quindi dobbiamo contare sulla motivazione dell'acquisto ", ha affermato. "Come produttori sembreremmo davvero cattivi dal momento che abbiamo detto a quei consumatori che l'olio d'oliva è uno dei migliori alimenti che puoi mettere sulla tua tavola ".

Mario Rocchi, consigliere di amministrazione di Oleificio RM, un importante confezionatore di olio d'oliva toscano che vende la maggior parte dei suoi oli a livello internazionale, è d'accordo. Ha affermato che i produttori hanno inviato un messaggio chiaro sui numerosi benefici per la salute dell'olio extravergine di oliva da anni e Nutri-Score minaccia di minare quel messaggio.

Vedi anche: Sistemi di etichettatura come Nutri-Score potrebbero salvare vite, dicono i ricercatori

"Sia che guardi la televisione o leggi riviste di cibo o social media, troverai contenuti relativi alla salute incentrati sull'olio extravergine di oliva ", ha detto Olive Oil Times. "Quale messaggio invieremo ora mettendo un segnale di avvertimento sulle nostre bottiglie? "

Come molti dei suoi colleghi, Rocchi lo crede "Danni Nutri-Score Made in Italy prodotti." Ha aggiunto che la messaggistica mista sui benefici per la salute dell'olio d'oliva potrebbe portare a un rifiuto dei consumatori nei principali mercati come la Germania, che è la settima nazione più grande consumatrice di olio d'oliva in Europa.

Poiché il numero di paesi che adottano formalmente e informalmente Nutri-Score continua a crescere, i produttori italiani di olio d'oliva temono che la FOPL possa essere adottata anche dalle più grandi catene alimentari di quei paesi, nel qual caso qualsiasi prodotto che appare sui loro scaffali sarebbe soggetto a l'etichetta Nutri-Score.

"Le grandi catene di supermercati tedesche dovrebbero chiederci di etichettare le nostre confezioni con il Nutri-Score, come potrebbero evitarlo le aziende italiane? " Chiese Rocchi. "Nessuna azienda italiana potrebbe permetterselo. "

"È probabile che l'introduzione di Nutri-Score in Germania avrà un impatto sulla nostra attività insieme all'intero marchio del prodotto Made in Italy ”, ha aggiunto. "Quello che non so ancora è l'entità dei danni che produrrà ".

Rocchi ha affermato che invece di concentrarsi così tanto sulle etichette degli alimenti, le autorità dovrebbero invece concentrarsi sull'educazione alimentare per bambini e giovani adulti.

"Se la filosofia Nutri-Score è quella di offrire suggerimenti di educazione alimentare ai consumatori, allora dovremmo concentrarci sulle scuole, dove l'educazione alimentare può essere insegnata in modo efficiente ", ha detto. "Da lì, potremmo investire in una nuova cultura del cibo per le generazioni future ".

"Questa è educazione alimentare ", ha concluso Rocchi, "un algoritmo non lo è. "


Quali sistemi di etichettatura preferisci?

Sondaggio dei lettori OOT: etichette nutrizionali
29%
punteggio Nutri
40%
Nutrinform
29%
Nessuno dei due
Totale dei voti: 310

Related News

Feedback / suggerimenti